preload
07 Feb, 2024   |  0 Commenti

“Prodotti di genere”

Articoli, home2
Ho assistito (per lavoro e dunque senza poterlo o comunque senza volerlo evitare) a una rappresentazione teatrale che si è rivelata, come purtroppo avevo facilmente immaginato, un perfetto compendio del femminismo mainstream, ma in aggiunta anche, a mio parere, di livello oggettivamente modesto. Scontata, saccente, antimaschile. Infarcita di lunghi monologhi o meglio sproloqui contro il genere maschile, oramai del resto socialmente sdoganati e anzi apertamente incoraggiati, al punto che dichiararsi d’accordo con tutto il corredo ...
Leggi tutto
04 Feb, 2024   |  0 Commenti

Se non hai i soldi non hai neanche l’amore

Articoli, home2
“Se non hai i soldi non hai neanche l’amore”. E’ la frase pronunciata esplicitamente da uno dei coprotagonisti dell’ultimo film di Wim Wenders, “Perfect days” che ho visto proprio ieri. Il film, per la verità a mio parere troppo lento e pesante (Wenders non è mai stato nelle mie corde..) contiene sicuramente degli spunti molto interessanti di riflessione, anche se per lo più nascosti fra le pieghe, sia di ordine esistenziale che sociologico. L’amore, la morte, la malattia, le ferite di diverso genere che la vita ci ...
Leggi tutto
04 Feb, 2024   |  0 Commenti

Ombre Rosse

Articoli, home2
L’imporsi del politicamente corretto e dell’omaggio continuo alla sofferenza femminile in occidente si insinua anche nei meandri delle guerre di quest’epoca. Già avevo commentato in un precedente articolo le bizzarre teorie femministe della guerra, in particolare quella scatenatasi dopo il 7 ottobre a Gaza. Ma il martellamento deve continuare, gli israeliani hanno avuto buon gioco a sfruttare la sensibilità occidentale sul problema degli stupri di guerra e quindi una vecchia conoscenza della sinistra che fu ( Ma paragonare il pogrom ...
Leggi tutto
15 Gen, 2024   |  0 Commenti

Le Nazioni Unite (ONU) dovrebbero considerare l’uccisione degli Uomini Costretti alla Leva com

Articoli, home2
Gli uomini costretti alla leva non hanno mai accettato volontariamente di diventare militari, quindi dovrebbero essere considerati come civili. E così anche le loro morti nelle statistiche ufficiali. Pertanto dare loro un’uniforme prima di essere uccisi non dovrebbe essere considerato un metodo valido per passare dallo stato civile a quello militare. È una farsa. Uccidere civili che non hanno mai accettato di essere militari dovrebbe essere classificato ufficialmente come uccisione di civili. Per questo motivo dovremmo chiedere alle ...
Leggi tutto
15 Gen, 2024   |  0 Commenti

Da pulizia etnica a pulizia etica: il femminicidio di massa

Articoli, home2
Si possono trovare svariati modi per pulirsi la coscienza di fronte alla barbarie; si può per esempio minimizzare la portata di un conflitto a seconda di chi lo conduce o ridefinire i contorni della legge se si guardano i propri interessi commerciali. Esistono ormai strumenti sofisticati per rimarcare o meno la gravità di un’azione violenta o di una guerra; per esempio far seppellire una notizia nel groviglio di informazioni quotidiane che non distinguono, per numero di colonne, un parlamentare in versione sceriffo della frontiera e ...
Leggi tutto
13 Gen, 2024   |  0 Commenti

Oltre i confini dell’idiozia

Articoli, home2
Paola Cortellesi, durante un ritrovo di futuri manager addestrati dall’università di Confindustria all’insipienza culturale dei dogmi di mercato, in nome del femminismo cieco, reazionario, tutto lustrini e paillettes dei nostri giorni, rovescia, con il classico sorriso compiaciuto dei piani alti, la realtà. I sette nani erano operai minatori, sì quelli che entrano nei cunicoli e si ammazzano di fatica per due spiccioli ricoperti dal carbone, condizione emblema dello sfruttamento di un tempo, e mossi dalla solidarietà umana – quella ...
Leggi tutto
13 Gen, 2024   |  0 Commenti

“Cara” Cortellesi, perchè dopo i nani c’è sempre un principe?

Articoli, home2
Dopo aver cacciato (di fatto) il Prof. Orsini, reo di non essere allineato e coperto al maistream-pensiero, la Luiss chiama ad aprire l’anno accademico Paola Cortellesi (che più allineata invece non si può…), la nuova icona femminista nonché di tutto l’”ambient” mediatico e cinematografico italico, regno incontrastato del politicamente corretto dominante e della “sinistra” liberal. In pieno stile e modalità “cancel culture” oggi tanto di moda, Cortellesi propone la reinterpretazione delle fiabe – in attesa della loro ...
Leggi tutto
10 Gen, 2024   |  0 Commenti

La sfortuna di avere un sedere sodo in un paese maschilista

Articoli, home2
Questa intervista a Belen Rodriguez pubblicata sul magazine “Chi” e ripresa da Huffington Post  https://www.huffingtonpost.it/life/2024/01/09/news/belen_rodriguez-14781649/ mostra con grande chiarezza quale sia il capovolgimento della realtà operato dall’ideologia femminista. Belen si lamenta del fatto che, cito testualmente “In un paese maschilista se non hai il sedere sodo non funzioni più e prendono una più giovane”.  L’intervista prosegue con una serie di banalità che non vale la pena riportare. Ora, Belen Rodriguez è ...
Leggi tutto
03 Gen, 2024   |  0 Commenti

Smontiamo i Miti della Pubblicità Tim

Articoli, home2
La nuova pubblicità TIM parla di una presunta discriminazione contro le donne sul lavoro. Gli elementi principali, per questa pubblicità, sono 3: Penalizzazione per aver avuto o volere figli, Gender Pay Gap e Molestie. Analizziamole tutte e tre. Avere Figli (Congedo di Paternità): In primis, “Avere figli ti ha penalizzato?”. Il punto è: perché avere figli penalizza sul lavoro? Cosa gliene importa al datore di lavoro se vuoi o meno figli? Gliene importa perché manchi dal lavoro ma vieni comunque pagato. Ma se il problema è ...
Leggi tutto
03 Gen, 2024   |  0 Commenti

Quando “sinistra e progressismo” fanno rima con razzismo

Articoli, home2
Appena ho letto questo post (riportato qui sopra) di Chiara Valerio le prime immagini che mi sono  venute alla mente – e non vuole essere una boutade – sono state quelle della Germania nazista e del Sudafrica dei tempi bui dell’apartheid. Come ripeto, non vuole essere una provocazione, è stata semplicemente la mia prima reazione emotiva. Chiara Valerio, naturalmente, non è una militante di Forza Nuova, come di primo acchito potrebbe sembrare, bensì uno dei personaggi oggi più influenti dell’ “ambient” culturale e mediatico ...
Leggi tutto
02 Gen, 2024   |  0 Commenti

“Morta” una Ferragni, se ne può sempre fare un’altra

Articoli, home2
Sembrerebbe, finalmente e fortunatamente, che la parabola di una delle più importanti “influencer” italiane – sto ovviamente parlando di Chiara Ferragni – stia giungendo al tramonto, naufragata sugli scogli dell’ormai famoso scandalo del “pandoro Balocco”. Il punto ora, a mio parere, non è tanto quello di sfrucugliare in una vicenda di cui sono già emersi i contorni squallidi e dalla quale in maniera maldestra quanto ipocrita la protagonista cerca di smarcarsi, quanto chiedersi come sia possibile che una totale e assoluta ...
Leggi tutto
31 Dic, 2023   |  0 Commenti

Femminicidi da manuale (di storia)

Articoli, home2
La tragica vicenda di Giulia Cecchettin, ammazzata da un bruto che pretendeva di amarla, ha suscitato un sovrappiù di clamore mediatico rispetto a drammi similari, dovuto solamente in parte – ritengo – alla mancanza per giorni di notizie certe, alla copertura giornalistica in presa diretta e alla vana speranza che tutto si risolvesse per il meglio. C’entrano la giovane età dei protagonisti, ma più ancora la figura della vittima, un’ottima studentessa incapace di tagliare i ponti con il suo morboso partner e futuro carnefice, e la ...
Leggi tutto
30 Dic, 2023   |  0 Commenti

La nuova icona del PD per le prossime elezioni europee

Articoli, home2
Se non fa qualche autogol come già occorso a Patrick Zaki che dichiarò il suo appoggio alla resistenza palestinese (onore e merito a lui…), Elena Cecchettin potrebbe essere con molta probabilità il nuovo cavallo di battaglia del PD alle prossime elezioni europee; la nuova icona del femminismo e della “sinistra” liberal (ma anche radical) proprio in sostituzione di Zaki, ormai impresentabile dopo la sua esternazione pro Palestina e infatti già sparito, o meglio, fatto sparire dalle scene. Certo, dovranno sgrezzarla un pochino e ...
Leggi tutto
30 Dic, 2023   |  0 Commenti

Perché lo chiamate Patriarcato (sbagliando)

Articoli, home2
Questo articolo di Alberto Romano è stato già pubblicato su questo sito a giugno 2017, d’accordo con l’autore lo ripubblichiamo oggi perché lo riteniamo importante nel dibattito che si è aperto sul termine ‘patriarcato’ dopo il caso Cecchettin alla fine di quest’anno. ———————– Riceviamo e volentieri pubblichiamo dagli amici di Antisessismo: Recentemente il sito femminista Bossy ha risposto alle nostre critiche alla Teoria del Patriarcato nell’articolo “Perché lo chiamiamo ...
Leggi tutto
29 Dic, 2023   |  0 Commenti

Educazione Affettiva come nuovo Modello Duluth: perché il Gender Shaming non funziona per ridurre l

Articoli, home2
Come abbiamo visto nella 1° Parte, l’Educazione Affettiva che il governo sta preparando per “ridurre la violenza sulle donne e i femminicidi” ricorda moltissimo il Modello Duluth, ovvero quegli interventi che hanno cercato – fallendo miseramente nello sforzo – di evitare recidive negli uomini maltrattanti inculcando loro che “le donne vanno rispettate”. Il problema è che, come vedremo meglio anche qui, ciò che spinge le persone violente a fare violenza nelle relazioni non è la loro idea sul “rispetto di genere”, ma ...
Leggi tutto
20 Dic, 2023   |  0 Commenti

Il mio papà dorme in macchina

Articoli, home2
IL MIO PAPA’. CAMPAGNA DI RISORGIMENTO SOCIALISTA SUL DRAMMA DEI PADRI SEPARATI. L’80% dei padri separati non riesce a vivere del proprio stipendio (dati Eurispes). Dopo aver pagato le giustissime spese per i figli e dopo aver garantito il “tenore di vita” all’ex, il 66% di loro non riesce a sostenere le spese per i beni di prima necessità. (Dati Caritas). Pur lavorando, circa un terzo di loro è costretto a vivere in macchina, perché non può permettersi un’abitazione, nemmeno una camera in subaffitto. ...
Leggi tutto
18 Dic, 2023   |  0 Commenti

Donne contro maschi

Articoli, home2
L’onda dello  spettacolo “Tutti contro il PATRIARCATO” prosegue la sua corsa. Simile ad uno tsunami avanza eliminando, in primis, la razionalità critica. Siamo in piena acrisia, il vuoto critico si rende visibile nelle manifestazioni mediatiche e di piazza in cui gli slogan hanno sostituito la dialettica. Lo spettacolo è policefalo, abbiamo assistito a una pluralità fantasmagorica di “contestazioni”: slogan, giovani in marcia  che contestano i “patriarchi” nell’epoca del complesso di Telemaco, personaggi dello ...
Leggi tutto
15 Dic, 2023   |  0 Commenti

Per qualche euro in più

Articoli, home2
Il grande Sergio Leone, negli anni ’60, fece un bel film western intitolato “Per qualche dollaro in più”. Per qualche dollaro in più venivano compiute nefandezze di ogni tipo, da parte dei pistoleri interpretati dai vari Clint Eastwood, Gian Maria Volonté e Lee Van Cleef. Oggi, per qualche euro in più, il cantante Vinicio Capossela scrive il remake depatriarcalizzato di “Bella ciao” intitolandolo “La cattiva educazione”. Da buon artista di corte, fedele alla linea, egli si inserisce nel main stream massmediatico, seguendo ...
Leggi tutto
13 Dic, 2023   |  0 Commenti

Ipazia, uccisa in quanto donna?

Articoli, home2
Tra le persone anche non molto celebri che sono andate  (parafrasando Conchita De Gregorio) alla manifestazione del 25 novembre per la giornata contro la violenza sulle donne non è mancata anche la figlia del premio Nobel per la fisica Giorgio Parisi, il quale, essendo lui al contrario molto celebre, per cui anche se non ci è andato di persona vale per estensione il pudico classismo segnalato qui sull’Interferenza da Ferdinando Pastore, qualche giorno dopo ha dato un’intervista [1] in cui afferma, senza troppe sorprese visto le ...
Leggi tutto
12 Dic, 2023   |  0 Commenti

I tribunali speciali della civiltà

Articoli, home2
Filippo Turetta è stato arrestato per l’omicidio della sua ex ragazza. Reo confesso, latitante improvvisato, nello spazio di un mattino si è consumata la sua foga criminale. In quel momento, dalla sua cattura in poi scompare, o almeno dovrebbe scomparire, il mistero. Dovrebbero esaurirsi gli appetiti cari alla letteratura d’appendice dei nostri tempi, cucita su misura per i lettori della sinistra dalle posture colte; quelle che si fanno sfogliare sotto l’ombrellone. Quel cloroformio giallistico dove smaliziati commissari, ...
Leggi tutto
11 Dic, 2023   |  0 Commenti

Un altro caso di “femmincidio”?

Articoli, home2
Un altro caso di “femminicidio” perlomeno dubbio, eppure prontamente urlato dai media prima di qualunque riscontro. Starebbero infatti emergendo evidenze che l’ultimo femminicidio…. non è tale. Femminicidio e cioè: “omicidio di una donna da parte di un uomo per ragioni di gelosia/possesso” oppure, secondo definizione ancora più stringente “mosso da odio verso le donne”. Secondo dichiarazioni rese dal marito (e naturalmente da verificare…) Alfredo Zenucchi, l”omicidio di Rossella Cominotti, commesso in un hotel ...
Leggi tutto
09 Dic, 2023   |  0 Commenti

La critica dell’ideologia rosa sdoganata

Articoli, home2
È da tempo che esiste una dissidenza sotterranea nei confronti della sinistra, una dissidenza causata dalle contraddizioni che questo schieramento presenta da tempo. Il processo di metamorfosi subito a partire dal sessantotto si è concretizzato in una sistematica sostituzione delle tematiche di classe con le tematiche di genere, etnia e minoranza, lasciando dilagare l’ingiustizia di classe che oramai non viene più trattata. Costanzo Preve direbbe che queste derive sono dovute al grave errore, commesso dalla sinistra, di pensare che ...
Leggi tutto
07 Dic, 2023   |  0 Commenti

Basta fiaccolate, manifestiamo armate

Articoli, home2
Queste sopra sono le parole testuali di un post pubblicato su facebook pochi giorni fa da una delle storiche e più importanti ideologhe del femminismo nostrano, Ida Dominijanni, subito dopo l’assassinio di Giulia Cecchettin. Rispondendo ad un utente che le chiedeva “Armate?” soggiungeva “Sì, col coltello fra i denti, visto che ci scannano con le coltellate. Deve scattare il messaggio “chi la fa l’aspetti”. A seguire diversi commenti (oltre a qualche centinaio di like) che definire agghiaccianti è un eufemismo. Siamo di fronte ...
Leggi tutto
03 Dic, 2023   |  0 Commenti

Massimo Cacciari:”Chi parla ancora di patriarcato è un reazionario”

Articoli, home2
“Pensare che la famiglia patriarcale sia tutt’oggi la struttura portante della società significa essere dei reazionari, nel senso letterale della parola, cioè vivere nel passato”. Sono le parole più o meno testuali di Massimo Cacciari in questo breve video che consiglio di vedere. https://www.youtube.com/watch?v=x_MN4FGUEcc E’ molto importante che un personaggio pubblico e di grande visibilità come Cacciari si sia pronunciato in tal senso, con grande nettezza e chiarezza. E’ personalmente quello che penso e sostengo da almeno ...
Leggi tutto
02 Dic, 2023   |  0 Commenti

Spettri

Articoli, home2
I nazisti e i fascisti sono alle porte, ora anche  il patriarcato, l’elenco dei nemici immaginari su cui proiettare le cause del male che corrode la società “a  neoliberismo integrale” ha un nuovo nemico: il “patriarcato”.  Sul mercato dell’offerta formativa dei nemici il patriarcato è l’ultimo arrivato. I tre nemici del genere umano a cui imputare le colpe del disastro antropologico e sociale regnante sono caduti da non poco tempo, ma pochi sembrano accorgesene.  Il nazi-fascismo è caduto nel 1945, il comunismo nel 1991 ...
Leggi tutto
28 Nov, 2023   |  0 Commenti

25 novembre. Un movimento neoliberale di massa

Articoli, home2
Il movimento sceso in piazza ieri in tutta Italia “contro il patriarcato e la violenza maschile” può essere definito, a mio parere, come un movimento neoliberale di massa. Un fenomeno costruito dall’alto, alimentato dai media, in totale simbiosi con le istituzioni e lo stato, che ha come collettore un femminismo mediatico, istituzionalizzato, interclassista, antimaschile, totalmente egemonizzato dall’ideologia neoliberale. Un movimento, naturalmente, non solo del tutto innocuo ma funzionale al sistema capitalista che lo utilizza per ...
Leggi tutto
25 Nov, 2023   |  0 Commenti

La guerra e il femminismo esoterico

Articoli, home2
Nella guerra di Valois Il Signor di Vly è morto Se sia stato un prode eroe Non si sa, non è ancor certo Ma la dama abbandonata Lamentando la sua morte Per mill’anni e forse ancora Piangerà la triste sorte Da molti anni il femminismo sostiene che la guerra è cosa da uomini e che le donne sarebbero le vittime, narrazione femminista totalmente fantastica, le principali vittime delle guerre sono da sempre gli uomini e in particolare gli uomini delle classi popolari non delle élites la cui aspirazione alla vittoria è fonte di successo, ...
Leggi tutto
24 Nov, 2023   |  1 Commento

Cento volte Giulia?

Articoli, home2
Il manifesto/elenco che vedete qua sopra è stato lanciato dalla testata giornalistica “La Stampa” e condiviso sui social da gruppi, istituzioni e semplici utenti: vorrebbe essere un resoconto puntuale e una prova visiva e concreta del femminicidio (la cui definizione ancora non abbiamo ben compreso e francamente, quest’elenco chiamato “Cento volte Giulia” che dovrebbe far pensare a una modalità identica ripetutasi 100 volte ci confonde ancora di più le idee). Facendoci guidare dalla definizione più comune e condivisa e cioè ...
Leggi tutto
24 Nov, 2023   |  0 Commenti

Perché il maschio non è privilegiato

Articoli, home2
Non sembra possibile rimanere estranei alla tendenza del momento, ce lo ripetono i media, ce lo dicono i contatti sui social, lo urlano a gran voce i vips: i maschi sono colpevoli di un sistema patriarcale che opprime e uccide le femmine (di solito il linguaggio dominante ama contrapporre maschi e donne, ma non mi presterò a questa sottile formalità proto-suprematista). Il 25 novembre, la giornata della violenza che è più violenza delle altre, ossia quella sulla donna, è in arrivo. Con questa kermesse si prepara il solito vespaio ...
Leggi tutto
24 Nov, 2023   |  0 Commenti

Educazione Affettiva come nuovo Modello Duluth: perché il Gender Shaming non funziona per ridurre l

Articoli, home2
Recentemente, sia parti del Governo che dell’Opposizione, hanno accolto di buon grado la proposta di istituire lezioni di Educazione Affettiva o Educazione “al Rispetto” nelle scuole. Tuttavia, questa Educazione Affettiva, da quanto è possibile già intravedere nelle proposte, si basa essenzialmente sul “Paradigma di Genere”, ovvero sull’idea che la violenza domestica sia perpetrata dagli uomini contro le donne al fine di mantenere “il patriarcato”. Questa idea, un trattamento basato sullo “smantellare il ...
Leggi tutto