preload
03 mag 2020  |  1 Commento

Palese deformazione della realtà

Quasi cinque milioni di persone torneranno al lavoro e sono per lo più in larga parte lavoratori dei vari comparti industriali (metallurgia, edilizia, siderurgia ecc.). Questa è la ragione per cui la maggior parte di loro, circa il 72%, sono uomini. Perché sono gli uomini a svolgere tuttora i mestieri più faticosi, pesanti, nocivi per la salute e spesso, purtroppo, anche mortali. A tutto ciò si aggiunge anche l’onere di lavorare con il rischio di infettarsi.

E tutto ciò viene considerato un privilegio (viene da ridere ma tant’è…).

Per il femminismo e per tutto l’apparato mediatico/politico (non riporto volutamente i link dei vari articoli di giornali o di trasmissioni televisive che starnazzano in tal senso) è un’occasione ghiotta per riprendere a suonare la grancassa mediatica della discriminazione di genere. “Anche l’emergenza coronavirus – questo il mantra – vede le donne ricacciate nei soliti ruoli di casalinghe, madri ecc. …”.

Chi sostiene queste fesserie (praticamente tutto il sistema mediatico e politico) è palesemente in malafede. Lo sapevamo già, sia chiaro, ma ne abbiamo l’ennesima conferma.

Siamo di fronte al totale stravolgimento e capovolgimento della realtà vera delle cose.

Neanche l’emergenza coronavirus è l’occasione per un ripensamento critico (non lo pensavamo ma si fa per dire…).

Del resto, a parti invertite, se cioè a tornare al lavoro nelle fabbriche fossero state per la maggior parte donne, avrebbero detto esattamente le stesse cose. E questo ci dice tutto.

Lavoratori siderurgici

Fonte foto: Il Sole 24Ore (da Google)


1 Commento

Rino DV 4:01 am - 6th luglio:

Ci mancherebbe altro che le prime fossero state le DD !!
.
Anche, se vista logicamente (cioè da maschi) ritornando a lavorare le DD di fatto lavorino di meno. Perché?
Perché restando a casa, giuravano i Media: “hanno lavorato più di prima”…
.
Se ci sono cambiamenti le DD stanno peggio. Se non ci sono cambiamenti stanno peggio.

  (Quota)  (Replica)

Lascia un commento

* Richiesto
** Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico
Markup Controls

http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_bye.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_good.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_negative.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wacko.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cool.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_smile.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_whistle3.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yes.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cry.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_mail.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_sad.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_unsure.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wink.gif 
 

Aggiungi un'immagine