preload
15 set 2011  |  80 Commenti

Natura e cultura

Un nodo irrisolvibile.

La prassi come scelta metodologica. Cioè partire dalle condizioni reali di esistenza di ciascuno.

natura_e_culturaE’ un dibattito infinito che dura fin dagli albori del pensiero filosofico quello sulla relazione fra Natura e Cultura. Così come quello che ha visto confrontarsi tanti e tanti pensatori sul rapporto fra Essere e Divenire.

Non si è mai giunti ad una soluzione condivisa. Da una parte c’è stato chi ha sostenuto l’impossibilità di modificare la natura umana appunto perché la condizione naturale degli uomini, la loro ontologia, è immodificabile. Dall’altra invece molti altri hanno sostenuto e sostengono che la natura umana possa essere modificabile, anche radicalmente, attraverso un processo culturale profondo e sistematico nel tempo.

Questa riflessione ha coinvolto autorevolissimi filosofi e correnti filosofiche nel corso della storia e ha finito per dividerli il più delle volte drasticamente e senza possibilità alcuna di incontro o di mediazione.

Questa discussione ha soprattutto coinvolto, e non poteva essere diversamente, l’ambito della filosofia politica. E’ ovvio che considerare immutabile la natura umana presuppone una scarsissima fiducia nella possibilità di poter trasformare l’ordine di cose esistenti, considerato appunto come “stato di natura”. Questo stato di cose esistenti può, secondo questa concezione ( sappiamo di semplificare moltissimo argomenti assai complessi e ce ne scusiamo) tutt’al più essere governato ma certamente non trasformato. Non solo. I sostenitori di questa tesi sono generalmente portatori di una concezione “negativa” della condizione umana all’interno dello stato di natura, costituendo quest’ultimo il luogo della prevaricazione assoluta dell’uomo sull’uomo, della rapacità, del dominio violento dell’uno sull’altro, insomma dell’”homo homini lupus” di hobbesiana memoria. E infatti proprio questo grande filosofo della politica è universalmente considerato, non a torto, l’inventore di una concezione della politica e dello stato fondata sul predominio assoluto di questo sugli uomini che devono cedere, o essere messi nella condizione di cedere, ogni loro diritto naturale al potere politico, cioè allo stato. O meglio allo Stato, con la S maiuscola. Solamente in questo modo, secondo Hobbes, cioè solamente spogliando completamente gli uomini di ogni loro diritto naturale (tranne quello alla sicurezza delle loro persone fisiche e delle loro proprietà, che deve essere garantito appunto dal Sovrano) e trasferendo ogni potere allo Stato, è possibile una pacifica e civile convivenza fra gli uomini, altrimenti destinati ad uno stato di guerra assoluta l’un contro l’altro armati. E questa è appunto, sempre secondo Hobbes, la condizione dell’essere umano nello stato di natura. Una condizione immodificabile che può essere disinnescata solo attraverso la cessione di ogni diritto naturale da parte dei membri di una comunità (con le sole eccezioni di cui sopra), allo Stato. In altre parole solo attraverso il passaggio dallo stato di natura alla stato civile (politico)

Viceversa, secondo altrettanto autorevoli pensatori, lo stato di natura, per lo meno alle sue origini, prima cioè dell’intervento di fattori esterni, non sarebbe l’inferno sulla Terra testè descritto ma invece uno stato di pace, serenità e armonia fra gli uomini. Secondo questa concezione, che ha avuto nel filosofo francese Rousseau senz’altro il più autorevole rappresentante, è proprio l’intervento di ciò che chiamiamo col termine di società civile che ha modificato questo equilibrio naturale, creando diseguaglianze fra gli uomini, conflitti, violenza e ingiustizie e rompendo quindi quell’armonia di cui gli uomini godevano prima che tale condizione fosse artificialmente modificata.

Rousseau ravvede sostanzialmente la rottura di questo equilibrio e di questa armonia nella nascita e nella irruzione della proprietà privata e di tutto ciò che questa comporta.

Celebre il suo passo del “Discorso sull’origine e i fondamenti dell’ineguaglianza tra gli uomini” che merita di essere citato al fine di comprendere meglio il cuore della questione. “Il primo che, recintato un terreno, ebbe l’idea di dire: Questo è mio, e trovò persone così ingenue da credergli, fu il vero fondatore  della società civile. Quanti delitti, guerre, assassini, quante miserie ed orrori avrebbe risparmiato al genere umano colui che, strappando i paletti o colmando il fossato, avesse gridato ai suoi simili: Guardatevi dall’ascoltare quest’impostore; siete perduti, se dimenticate che i frutti sono di tutti e la terra non è di nessuno”.

Naturalmente, come dicevamo prima,  la discussione su questi temi sarebbe interminabile. E noi non abbiamo certo la capacità o la pretesa di aggiungere o togliere nulla, né tanto meno la presunzione di chiuderla.

Costituisce però una premessa necessaria per affrontare il tema della condizione ontologica delle donne e degli uomini e della loro relazione, dell’eguaglianza, del concetto di reciprocità fra i generi e della estrema difficoltà se non, molto probabilmente, addirittura dell’impossibilità di arrivare ad una posizione oggettiva e condivisa su queste tematiche.

In molti sostengono che la natura degli uomini e delle donne sia immodificabile. Pertanto sarebbe illusorio e depistante, oltre che utopistico, prefigurare scenari in cui il rapporto fra i due generi possa fuoriuscire dai binari che la natura ha prestabilito.

“Da che mondo è mondo” – questa è la vulgata ricorrente – uomini e donne sono fatti in un certo modo e nulla potrà modificare la loro natura. Ergo, sempre seguendo questo tipo di ragionamento, alcune differenze di natura ontologica fra i sessi non potranno mai essere modificate, neppure in una ipotetica e futuribile società dove sia stata realizzata la perfetta parità ed eguaglianza fra uomini e donne. Ma questa ipotetica parità, secondo questa teoria, non potrà mai aversi, appunto perché le diversità ontologiche fra i generi impediscono che ciò possa essere realizzato.

Da una posizione opposta c’è invece chi sostiene che la natura degli uomini e delle donne possa invece essere trasformata, anche radicalmente, attraverso un processo, più o meno graduale, di natura sociale, politica e culturale.

Per parte nostra, ribadiamo, anche in questo caso, che il nodo non potrà mai essere sciolto né si potrà mai arrivare ad una posizione condivisa.

Ciò non significa però, nel modo più assoluto, che la questione non esista. Al contrario, è senz’altro uno dei nodi mai sciolti che condiziona pesantissimamente la relazione fra i sessi.

“Da che mondo è mondo”- sostengono in molti, sia uomini ma soprattutto donne (ed è ovvio che una simile affermazione ha senso solo se la si considera come un derivato dello stato di natura che si decide di mantenere), – è l’uomo che corteggia la donna e non viceversa”. Non c’è dubbio che si tratti di un’ affermazione difficilmente contestabile. E’ altrettanto incontestabile però che, nello stesso stato di natura, vigeva l’ordine del più forte (con tutto il rispetto per le idee di Rousseau). E infatti per millenni, prima che gli uomini si organizzassero in società civili, la legge del più forte, cioè del capobranco, era quella che regolava i rapporti fra gli uomini e anche fra gli uomini e le donne. A questa affermazione in base alla quale “da che mondo è mondo è l’uomo che corteggia le donne”, gli stessi sostenitori (e soprattutto sostenitrici) di questa tesi dovrebbero altresì confermare che nello stato di natura i maschi dominanti (alpha), essendo più forti fisicamente delle donne e anche degli altri uomini, avevano la libertà di prendersi quelle che preferivano, con le buone o con le cattive e senza tanti complimenti o giri di parole. D’altro canto, nessuno, e soprattutto nessuna, avrebbe mai potuto mettere in discussione questa modalità, dal momento che avrebbe rischiato di essere percossa/o, allontanata/o dal branco o addirittura uccisa/o. E anche questo è difficilmente contestabile. Se i sostenitori e le sostenitrici della immutabilità di alcune “leggi” che governano lo stato di natura, soprattutto per quanto riguarda la relazione fra i generi, fossero coerenti, non potrebbero smentire neanche questa seconda tesi. Anche perché non c’è una legge più naturale di questa, cioè la legge del più forte, “da che mondo è mondo”. Quindi, volendo fare un esempio banale ma calzante, laddove una donna, (e di fatto sono tuttora la stragrande maggioranza a pensarla così),  ribadisse che “da che mondo è mondo è l’uomo che deve sbattersi per avere una donna e non viceversa”, un uomo potrebbe risponderle che “da che mondo è mondo lui è il più forte e quindi lei non deve avere  voce in capitolo su nulla”.

Naturalmente noi riteniamo che entrambe queste due leggi non scritte siano due grandi imbecillità, anche se di fatto tuttora imperanti pur con modalità molto più sofisticate rispetto al passato. Due leggi che si bilanciano perfettamente nella loro stupidità.

E infatti gli esseri umani, uomini e donne, ritenendo lo stato di natura invivibile, hanno scelto di superarlo e di vivere in società civili organizzate. Di più. Le donne nella seconda metà del secolo scorso, presupponendo di trovarsi in una condizione di subordinazione, hanno rivendicato legittimamente il superamento di tutte le vecchie logiche che regolavano i rapporti fra i sessi, non solo nello stato di natura ma anche nelle società civili che si sono avvicendate nel corso dei millenni, per andare nella direzione di una piena e totale eguaglianza e parità dei sessi.

Di conseguenza, proprio sulla base di quest’ultima considerazione, ci sembra quanto meno contraddittorio, continuare a fare riferimento a determinate leggi naturali e soprattutto a seguire determinati modelli e comportamenti di vita. A meno che non si decida di farlo a piacimento, cioè solo quando conviene o quando serve a mantenere determinate posizioni di privilegio o di potere. Il che non cambia la sostanza, anzi, la aggrava.

Quindi da una parte (le donne)  rivendicano piena eguaglianza e parità dei diritti mentre dall’altra, nei comportamenti pratici (la prassi), vogliono mantenere e di fatto mantengono i privilegi di sempre. Delle due l’una. Non si può mantenere il piede in due staffe senza cadere in una macroscopica contraddizione.

Non solo. La grandissima maggioranza delle donne rimangono tutt’oggi psicologicamente e culturalmente subalterne ai cosiddetti maschi dominanti (alpha) nei confronti dei quali, questo è l’altro gigantesco paradosso, si inverte completamente il paradigma vigente per i maschi normali (beta). Nei confronti dei primi si scatena fra di loro (le donne) una concorrenza sfrenata per cercare di accaparrarseli, fino al punto di arrivare a rovesciare completamente il tipo di rapporto che si instaura invece con i maschi beta. Assistiamo quindi quotidianamente allo spettacolo, non edificante per la verità, delle donne che fanno a gara a chi si propone con maggior sfacciataggine pur di arrivare all’obiettivo. Ed è normale che sia così. Il maschio alpha, in quanto tale, ha un peso specifico enormemente superiore a quello di un maschio beta, e anche a quello della maggioranza delle donne “normali”, cioè non appartenenti alle elite femminili dominanti, le quali ormai godono dello stesso potere dei maschi dominanti, essendo state cooptate dal sistema che ha fatto la loro fortuna.

Quindi, come vediamo, anche la famosa legge mutuata dallo stato di natura, e cioè “da che mondo è mondo sono gli uomini a doversi sbattere per le donne e non viceversa”, corrisponde solo in parte alla verità. Se questo valesse per tutti gli uomini, sempre, comunque e dovunque, in qualsiasi contesto storico, sociale, economico, culturale e religioso, tutto sommato, ci si potrebbe anche stare…(si fa per dire…). Perché ciò significherebbe che questa è veramente una legge naturale che corrisponde all’ontologia dell’essere (femminile, in questo caso). Ma così non è, come abbiamo visto e come vediamo quotidianamente nella vita di tutti i giorni. E non c’è bisogno di fare un’indagine sociologica per capirlo; basta essere onesti e avere un po’ di buon senso.

Sarebbe quindi più corretto dire che “da che mondo è mondo sono gli uomini beta che devono sbattersi per le donne”, e non tutti gli uomini indistintamente.

Ma si potrebbe legittimamente obiettare che proprio questa è la legge ontologica che regola i comportamenti femminili perché da sempre, sottolineiamo da sempre, la grande maggioranza delle donne si è fatta correre dietro dai maschi beta ma si è sempre sbattuta per conquistare i favori e le simpatie  dei maschi alpha.

Quindi la regola che le donne devono sempre essere corteggiate “da che mondo è mondo” vale solo ed unicamente per i maschi beta.

Come ribadiamo, e come si evince facilmente, è assai difficile sbrogliare il rapporto fra natura e cultura. D’altronde, dove finisce la natura e dove e quando cominciano i processi culturali? E’ ancora più difficile tracciare dei confini spazio-temporali per descrivere questo percorso.

La cosa più realistica è considerare che gli uomini e le donne sono esseri naturali e culturali e che è impossibile separare del tutto questi aspetti.

Per queste ragioni ma anche per una scelta metodologica, cioè come approccio interpretativo alla realtà, il Movimento degli Uomini Beta, ha scelto di partire dalla prassi, cioè dalle condizioni materiali di esistenza, qui ed ora, degli Uomini Beta. E quando parliamo di condizioni materiali non ci riferiamo solo alle condizioni economiche, sociali e ambientali, ma anche a quelle culturali, psicologiche e spirituali che non possono essere separate dalle prime. Ed è proprio grazie alla prassi, cioè alla osservazione attenta e lucida della nostra condizione di uomini all’interno di questo contesto storico, sociale e culturale che abbiamo preso coscienza di essere degli oppressi e dei discriminati.

Noi riteniamo che questo sia il migliore strumento per interpretare la realtà, non per convinzione ideologica o per uno schema a priori, ma perché questo è l’unico metodo che ci consente di prendere atto delle nostre condizioni reali, senza infingimenti di nessun genere.

Attardarsi, o meglio limitarsi, ad una discussione interminabile (pur filosoficamente e storicamente importante) sul rapporto fra natura e cultura e sull’ontologia dell’essere femminile e maschile porta solo alla paralisi e alla mancanza di iniziativa.

Scegliamo di partire dall’analisi lucida e concreta della nostra condizione reale di uomini oppressi e subordinati e dalla nostra ovvia e naturale esigenza di trasformarla. Ovviamente non diamo affatto per scontato che la condizione di oppressione in cui si trovano a vivere gli uomini beta sia una condizione naturale; al contrario. Così come non riteniamo che la condizione femminile, o meglio, le diverse condizioni femminili, debbano rimanere immutate perché appartenenti ad un immodificabile stato di natura.

In conclusione, a noi preme relativamente poco stabilire se questo ordine di cose e questi comportamenti concreti (femminili ma anche maschili) che costringono gli uomini beta in una posizione di subordinazione, siano di derivazione naturale oppure il risultato di un processo culturale.

Quello che ci preme è lavorare affinché il maggior numero possibile di uomini beta diventi consapevole di questa condizione e cominci ad avviare un percorso che con il tempo possa  tradursi  in un movimento di massa capace di trasformare questo stato di cose e di riequilibrare la situazione in proprio favore.

Fabrizio Marchi


80 Commenti

STRIDER 7:59 pm - 8th dicembre:

Sono sostanzialmente d’ accordo, tuttavia credo che vadano precisate alcune cose. Per esempio, quando si afferma che “da sempre, sottolineiamo da sempre, la grande maggioranza delle donne si è fatta correre dietro dai maschi beta ma si è sempre sbattuta per conquistare i favori e le simpatie dei maschi alpha”, va anche specificato che questo discorso riguarda anzitutto le donne giovani e belle o, comunque, carine e ancora attraenti.

Di sicuro non riguarda le brutte, le grasse o quelle sopra gli “anta”, le quali, agli occhi dei cosiddetti “uomini alpha”, non contano niente.
Certo, c’e’ pure da dire che tantissimi “uomini beta”, (come me) agli occhi di coloro che vengono snobbate dai cosiddetti alpha, contano poco piu’ di nulla. Basti dire che, molto spesso, e’ gia’ tanto se qualcuna di loro si dimostra gentile nei confronti degli “sfigati” (termine che detesto profondamente) che tentano di corteggiarle.

E al riguardo, vorrei pure fare notare che questo genere di donne, solitamente… “sceglie chi ha provato a corteggiarle”. Mi riferisco piu’ che altro ad eventuali relazioni affettive, perche’ e’ chiaro che se ci si riferisce al puro e semplice sesso, anche una bruttina puo’ rimorchiare molto piu’ facilmente di un uomo, anche se bello.

Tanto per fare un provocatorio esempio, le basterebbe sedersi su un marciapiede della propria citta’ e vestirsi in maniera un po’ scollacciata, per trovare qualcuno disposto anche a pagarla…
Viceversa, anche al bello toccherebbe pagare.

Resta il dilemma: natura o cultura ? Secondo me, piu’ la prima che la seconda, tuttavia anch’ io ritengo che l’ aspetto culturale c’ entri molto. Per esempio, anni fa, quando ero iscritto al forum sulla QM, (2005-2007) feci notare che noi viviamo in un sistema dove gli uomini pagano per parlare (per parlare!) con delle giovani e avvenenti ragazze, nei night gestiti da altri uomini (alpha?).

Oppure arrivano a sborsare 50 euro, ogni dieci minuti, per toccare culo e tette a una ragazza durante un prive’ ! Oggi, come allora, mi chiedo: cosa c’e’ di naturale in tutto cio’ ? Secondo me, poco o niente.
Questa altro non e’ che l’ “alleanza” non scritta, fra uomini alpha e donne, (di cui parla Rino, nel suo pezzo, piu’ unico che raro) dalla quale ne esce massacrato l’ uomo beta, costretto a pagare cio’ che dovrebbe essere gratuito.

  (Quota)  (Replica)

STRIDER 8:06 pm - 8th dicembre:

Questo e’ quanto scrivevo circa tre anni e mezzo fa.
http://questionemaschile.forumfree.it/?t=1340605&st=1170
“Riguardo a questa dannata questione della prostituzione, ritengo che anche l’impostazione stessa della società aumenti “artificialmente” il già preesistente potere sessuale che la natura ha dato alle femmine; e che cmq è limitato al periodo della gioventù e soprattutto a quelle belle.
Perchè è ovvio che una ragazza brutta o grassa, o una 60-70/enne piena di cellulite non ha alcun potere sugli uomini.
Es.(l’ho già scritto ma lo ripeto): COME E’ POSSIBILE CHE UNA PRESUNTA SOCIETA’ MASCHILISTA – QUALE SAREBBE LA NOSTRA – INVENTI DEI LOCALI DOVE GLI STESSI UOMINI SONO COSTRETTI A PAGARE PER PARLARE CON UNA FEMMINA O PER TOCCARLE TETTE E CULO DURANTE UN PRIVE’ ?
Converrete con me sul fatto che c’è qualcosa che non quadra.
Spesso penso che i primi misandrici siano gli stessi uomini o, perlomeno una parte di essi, quelli di potere in primis.
(Ovvero coloro che ce lo mettono nel didietro dalla mattina alla sera)”

  (Quota)  (Replica)

STRIDER 8:09 pm - 8th dicembre:

Sempre in quel periodo, silverback posto’ quanto segue.
http://questionemaschile.forumfree.it/?t=1340605&st=1110
Dunque…
A far luce sui diversi desideri dei due sessi sono i rapporti omosessuali.
Quelli eterosessuali rappresentano un compromesso tra i desideri di un uomo e i desideri di una donna, e tendono quindi a minimizzare le differenze tra i sessi.
Gli omosessuali, invece, non hanno bisogno di giungere a compromessi, e la loro esperienza mette in mostra la sessualità umana in una forma più pura.
In uno studio sugli omosessuali di San Francisco condotto prima dell’epidemia di AIDS (il primo caso ufficiale fu registrato il 5 giugno 1981), emerse che il 25% degli uomini gay aveva avuto più di mille partner sessuali; il 75% oltre 100.
Viceversa, nessuna femmina lesbica risultò essere così promiscua, solo il 2% di esse dichiarò un centinaio di partner.
Anche altri desideri dei gay, come quelli riguardanti la pornografia, la prostituzione e l’attrazione per partner giovani, rispecchiano o portano all’eccesso i desideri degli eterosessuali.
(Tra l’altro, il fatto che i desideri sessuali degli uomini siano gli stessi a prescindere dal fatto che siano rivolti alle femmine o ad altri uomini confuta la tesi che si tratti di strumenti di oppressione della femmina.)
Non è che gli uomini gay siano sessualmente “più calorosi”: sono semplicemente uomini i cui desideri maschili si incontrano con altri desideri maschili anziché con desideri femminili.

Tra gli eterosessuali, se gli uomini desiderano la varietà più delle femmine, quello che dovrebbe conseguirne può dircelo un qualunque corso di economia.
L’accoppiamento dovrebbe essere considerato un’elargizione femminile, un “favore” che le donne possono decidere se concedere o negare.
Fiumi di metafore parlano del rapporto sessuale con una donna come di una merce preziosa, sia che assumano il punto di vista di lei (concedersi, dargliela, sentirsi usata), sia che assumano quello dell’uomo (averla, favori sessuali, farcela).
E le “transazioni sessuali”, come i cinici di ogni genere hanno scoperto da tempo, obbediscono spesso a logiche di mercato.
In tutte le società sono quasi esclusivamente gli uomini che corteggiano, fanno approcci, ricorrono a “filtri d’amore”, fanno regali in cambio di rapporti sessuali, pagano le prostitute, etc.
L’economia sessuale, naturalmente, dipende anche dalla desiderabilità dei singoli individui, non solo dai desideri medi dei due sessi.
Si paga per il sesso (in denaro, impegni, favori, regali, vacanze, cene, etc.) quando il partner è più desiderabile di noi.
Dato che le donne discriminano più degli uomini, l’uomo medio deve pagare per avere rapporti sessuali con la donna media…* (Non sempre è così ma poco ci manca*…)
Un uomo medio può attrarre una moglie di qualità superiore a quella di una partner occasionale (presumendo che l’impegno matrimoniale sia una forma di pagamento…), mentre una donna media può attrarre un partner occasionale (che non pagherebbe niente…) di qualità superiore al marito*.

Solo con gli uomini di qualità “più alta” sono disposte ad avere rapporti sessuali (gratis) un gran numero di femmine.

  (Quota)  (Replica)

Silver 1:06 am - 9th dicembre:

Personalmente faccio parte di coloro che considerano la natura più importante e influente della cultura.
Basti evidenziare che la prima può esistere a prescindere, la seconda no.
La seconda, senza la prima, non può esistere.
Ciò non toglie che la cultura abbia una sua forte influenza sulla specie umana.

Per esempio, l’antica cavalleria maschile nei confronti delle donne, c’entra molto con la cultura.
Pertanto, mi auguro che le future generazioni maschili riescano a liberarsi, una volta per tutte, da questa ormai obsoleta usanza, che li obbliga alla deferenza verso le donne (ormai non più dame…) ed a tirare sempre su il portafoglio.

In merito, anche alcune sere fa, in pizzeria, mi è capitato di assistere per due volte, alla solita patetica scena di una lei che vuole pagare il conto e di un lui che si impunta e dice alla sua metà che “non se parla neppure; pago io”…

  (Quota)  (Replica)

Silver 8:40 pm - 20th dicembre:

Questo è un brano tratto dal libro:
“LA SCIMMIA CHE SIAMO – Il passato e il futuro della natura umana”, di Frans de Waal.
Titolo originale dell’opera:
“Our Inner Ape” (2005).
——————————————————————–
In Totem e tabù, Sigmund Freud immaginava che la nostra storia cominciasse con quella che chiamava “l’orda primitiva di Darwin”. Un padre geloso e violento teneva tutte le donne per sé, scacciando i suoi figli appena diventavano grandi, e questo scatenò una rivolta contro la sua autorità. I figli si allearono per uccidere il padre, dopo di che lo divorarono, si cibarono di lui sia in senso letterale sia metaforico, interiorizzando la sua forza e la sua identità. Durante il suo regno l’avevano detestato, ma in seguito alla sua morte riuscirono finalmente a riconoscere anche l’affetto che avevano nutrito per lui e pertanto provarono rimorso, a cui seguì un’ammirazione eccessiva, e da ultimo la comparsa dell’idea di dio:”In fondo, il dio non è altro che un padre di un ordine più elevato” concludeva Freud. Le religioni tendono a presentare le morali sessuali come date da dio e così facendo richiamano alla mente l’immagine di un maschio alfa ancestrale che, secondo Freud, ha sempre mantenuto una salda presa sulla nostra psiche. E’ l’affascinante idea che gli antichi modelli di competizione sessuale siano perpetuati dalle religioni senza che noi ce ne rendiamo conto. Ma questi modelli hanno resistito anche nella vita reale. Gli antropologi ci hanno fornito ampie prove che gli uomini potenti controllano un maggior numero di donne e hanno più figli. Un esempio sbalorditivo ci viene offerto da una recente ricerca genetica nei paesi dell’Asia centrale. Lo studio riguardava il cromosoma Y, che si trova solo nei maschi. Tra gli uomini asiatici non meno dell’8 per cento ha dei cromosomi Y virtualmente uguali, facendo pensare così a un unico progenitore per tutti loro. Quest’uomo ha avuto così tanti figli che si calcola che ora abbia 16 milioni di discendenti maschi. Poiché è stato determinato che questo grande inseminatore è vissuto circa mille anni fa, gli scienziati hanno scelto Gengis Khan come il candidato più probabile. Khan, i suoi figli e i suoi nipoti controllavano il più grande impero della storia del mondo e i loro eserciti sterminarono intere popolazioni. Le donne giovani e belle non erano comunque destinate alle truppe: venivano portate dal dominatore mongolo in persona. Negli uomini potenti rimane la tendenza a pretendere una fetta sproporzionata della torta riproduttiva. Ma la rozza rivalità maschile è stata sostituita da un sistema in cui potenzialmente ogni maschio ha una sua propria famiglia e l’intera comunità sancisce e rispetta il legame con la sua compagna. Che questo accordo duri fra di noi da un bel pezzo è indicato sia dalla differenza di dimensioni che c’è tra uomini e donne sia, per quanto sembri strano, dalle dimensioni dei nostri testicoli. Ci sono duecento specie di primati e quelle in cui un unico maschio monopolizza molteplici femmine sono quelle in cui i maschi hanno dimensioni di gran lunga più grandi delle femmine. L’orda primitiva di Freud ricorda molto l’harem di un gorilla, con il temibile padre che è grande due volte le sue tante compagne. Paradossalmente, comunque, più il maschio di una specie è dominante, più piccoli sono i suoi testicoli; per esempio quelli di un gorilla pesano estremamente poco rispetto alle dimensioni complessive del suo corpo. E la cosa ha senso, perché nessun altro maschio si avvicina alle femmine di un maschio dominante. Essendo lui l’unico che le feconda, bastano piccole quantità di sperma. Questo contrasta con gli scimpanzé e i bonobo, entrambi promiscui, tra i quali molti maschi si contendono la stessa femmina: se una femmina si accoppia con parecchi maschi nello stesso giorno, gli spermatozoi di tutti i suoi amanti saranno in corsa verso l’ovulo. Questo fatto è conosciuto come la competizione degli spermatozoi: il maschio il cui sperma è più abbondante e più sano vince. In questo caso, non è necessario che i maschi siano possenti e con pesanti armi di offesa come i grandi proprietari di harem del regno animale, i trichechi, i gorilla, i cervi e i leoni. Quando gli animali dipendono dalla competizione degli spermatozoi, le femmine non sono molto più piccole dei maschi. Le femmine degli scimpanzé pesano circa l’80 per cento di quanto pesino i loro corrispettivi maschili, e nei bonobo e negli umani la differenza di dimensioni tra i sessi è addirittura poco inferiore. Tutte e tre le specie, ma in particolare le ultime due, mostrano segni di una competizione maschile ridotta. Comunque c’è una differenza importante: sia gli scimpanzé sia i bonobo sono ben più promiscui di quanto non lo siamo noi. I nostri testicoli stanno a testimoniarlo: sono semplici noccioline in confronto alle noci di cocco delle grandi antropomorfe nostre parenti. In rapporto alle dimensioni del corpo, i testicoli dello scimpanzé sono circa dieci volte più grandi di quelli dell’uomo. I testicoli del bonobo non sono stati misurati precisamente, ma sembrano più grandi di quelli degli scimpanzé, anche se il corpo dei bonobo ha più piccole dimensioni. Quindi anche rispetto a questo, i campioni sembrano essere i bonobo. La scienza ha versato più inchiostro sulle dimensioni del nostro cervello che su quelle delle nostre palle, eppure, nel più ampio schema di comportamento animale, i confronti tra genitali sono estremamente istruttivi. Ci indicano che nell’uomo si combinano due elementi che non si trovano abbinati in nessuno dei nostri parenti stretti: una società plurimaschile e con un basso livello di competizione degli spermatozoi. A dispetto della storia di Gengis Khan – che riguarda essenzialmente la competizione di un maschio per le femmine esterne al proprio gruppo – i nostri piccoli testicoli stanno a indicare che i nostri antenati, perlopiù, non correvano tutti dietro alle stesse femmine. Qualcosa deve averli trattenuti dalla promiscuità diffusa e deve averli sviati in modo radicale dall’aperta competizione per l’accoppiamento che vige tra scimpanzé e bonobo: questo “qualcosa” è senza dubbio la famiglia nucleare, o come minimo l’esistenza di legami di coppia stabili di tipo eterosessuale. La nostra anatomia racconta una storia d’amore e di unione tra i sessi che va indietro nel tempo di un bel pezzo, forse proprio agli inizi della nostra stirpe. Questo è confermato dai fossili di Australopithecus la cui leggera differenza di dimensioni tra maschi e femmine suggerisce implicitamente una società monogamica.
Nonostante questa eredità, gli effetti della dominanza e del privilegio maschile restano presenti all’interno della nostra società, non solo nella misura in cui certi uomini rivendicano più partner sessuali di altri, ma anche per quanto riguarda il modo di trattare le donne. Quando i maschi dominano, hanno dei sistemi per estorcere il sesso: lo “stupro” tra gli umani e l’”accoppiamento forzato” tra gli animali. Fatemi aggiungere subito, però, che il fatto che si verifichi un comportamento simile non significa che sia dettato biologicamente. Un recente libro in cui si afferma che lo stupro è naturale, ha suscitato un pandemonio incredibile, essenzialmente perché è stato inteso come un tentativo di giustificare questo comportamento. L’idea derivava originariamente dalle ricerche sugli insetti, tra cui alcune specie hanno delle caratteristiche anatomiche, una sorta di morsa, di cui i maschi si servono per costringere le femmine al sesso. Ovviamente agli uomini manca questa caratteristica e, anche se la psicologia che è implicita nello stupro (come la predisposizione alla violenza o la mancanza di empatia) può benissimo avere un aspetto genetico, pensare che lo stupro sia inscritto nel nostro codice è come presumere che delle persone siano nate predisposte a dar fuoco alle case o a scrivere libri.
La specie umana è programmata in maniera troppo imprecisa perché un comportamento così altamente specifico possa considerarsi genetico. Tanto nel caso dell’uomo quanto in quello delle grandi antropomorfe, è meglio guardare al rapporto forzato come a un’opzione disponibile per ogni maschio che desideri una femmina e che sia in grado di dominarla. Per i maschi bonobo quest’opzione non c’è perché le femmine sono dominanti, per cui non ricorrono mai a nulla di simile neanche lontanamente. Gli scimpanzé maschi però sono diversi, e costringere le femmine al sesso per loro non è da escludere.

Frans de Waal

  (Quota)  (Replica)

Strider 6:06 pm - 9th aprile:

Lo posto qui, perche’ e’ da un po’ che mi chiedo quanto ci sia di naturale e quanto di culturale in certe leggende urbane, tipo quella della presunta “incomprensibilita’ delle donne”, che invece per me (e non solo per me) non sono affatto cosi’ incomprensibili. Anzi, come ho avuto modo di scrivere in un altro forum, poco tempo fa, sono del parere che siano molto piu’ complicati gli uomini.
Leggete questa lettera, con relativa risposta di quel succube di Gervaso.

http://carta.ilmessaggero.it/view.php?data=20100409&ediz=20_CITTA&npag=12&file=WGERVASO_323.xml&type=STANDARD
Venerdì 09 Aprile 2010
>>>>>>>>>>>>>>>>>>
Caro Gervaso, a quasi cinque anni dal suo “Se vuoi che t’ami”, prezioso libello di consigli e dritte per cavarsela in amore (Ars amandi italiano), al momento attuale riscriverebbe per intero il libro o l’aggiornerebbe soltanto in qualche capitolo? E poi, a suo avviso, il pianeta donna è stato tutto esplorato, o no?
Vincenzo – Viterbo
>>>>>>>>>>>>>>>>

No, caro Amico, non lo riscriverei ex novo. Aggiungerei o toglierei qualcosa, non più di moda o non abbastanza di moda. Le voci sono sempre attuali perché la natura umana, maschile e femminile, è quella che è. Si può cambiare tutto, meno questa natura. Quella maschile, se non altro perché sono un uomo, credo di conoscerla abbastanza bene. Quella femminile, no. Non mi sono mai illuso di conoscerla e sono contento di non capirla perché, se la conoscessi, non mi riserverebbe tante sorprese. Le donne non sono un pianeta inesplorabile: sono una galassia, un altro mondo. Loro, forse, di noi, hanno capito tutto, anche perché non pensano ad altro; noi, o almeno io, di loro non abbiamo capito nulla. Ed è, ripeto, la nostra fortuna. A cogliere l’essenza della loro femminilità ci hanno provato in tanti, ma con risultati, secondo me, non convincenti. Battute, solo battute, amare o divertenti, ma battute.
Per Balzac, “Un uomo, per malizioso che sia, non dirà delle donne tanto bene e tanto male, quanto ne pensano loro stesse”. Per Ambroce Bierce, “La donna sarebbe più affascinante se si potesse cadere fra le sue braccia senza cadere nelle sue mani”. Per Lord Chesterfield: “Le donne si somigliano molto più degli uomini; in verità hanno soltanto due passioni: vanità e amore. E queste sono le loro caratteristiche universali”. Per Conrad: “Essere donna è terribilmente difficile perché ha soprattutto a che fare con gli uomini”. Per Dostoevskij, nei “Fratelli Karamazov”: “La donna, solo il diavolo sa che cosa è; io non ci capisco niente”. E non ci capisco niente io, come non ci doveva capire niente Sacha Guitry, spiritosissimo e versatilissimo attore, commediografo e incallito libertino, vissuto a cavallo fra il 1800 e il 1900.
Sacha compie settant’anni e la moglie per festeggiarlo gli regala due cravatte, la sua passione, e invita a una cena una decina di amici intimi. Guitry va in camera da letto, apre l’armadio dei vestiti e ne sceglie uno intonato ad una delle cravatte ricevute in dono. Si prepara come un damerino e si presenta in sala da pranzo dove gli amici lo attendono. Li saluta uno per uno, finché gli occhi della moglie, che doveva essere una specie di Santippe, non si posano su di lui. Inviperita lo apostrofa: “Perché l’altra cravatta non ti è piaciuta?”.
Per capire che è impossibile capire le donne basta vedere e inventariare il contenuto delle loro borsette. Sia chiaro, chiarissimo: io non ho mai nemmeno sbirciato dentro la borsetta di una donna, tanto meno non l’ho mai svuotata. Ma capita spesso che mia moglie, donna straordinaria in tante cose, ma inguaribilmente distratta, apra la borsetta per cercare qualcosa che non trova e ne versi il contenuto sul letto. Contiene di tutto e mi manca la voglia e la pazienza, se anche lo potessi fare, di descrivere questo tutto. Ci ho sempre rinunciato e continuerò a rinunciarvi.
Tornando a “Se vuoi che t’ami”, sottotitolo “Galateo erotico”, penso, e non è presunzione, che sia sostanzialmente attuale. Con qualche ritocco potrei ridarlo alle stampe, specialmente alla voce “Educazione erotica: che cosa leggere per essere bravi amanti”.
I classici sono sempre quelli. In primis, “L’ars amandi” di Ovidio Nasone, abruzzese di Sulmona, insuperabile e inimitabile maestro di voluttà. Il poeta latino non c’insegna soltanto a conquistare una donna, impresa spesso laboriosa, ma a conservarla, arte fra le più difficili e sottili. I suoi, in realtà, più che suggerimenti sono comandamenti che, osservati con scrupolo, ci garantiranno quel paradiso senza il quale la vita sarebbe un inferno.
Non dimentichiamo che “Un seduttore deve diffidare degli amici, corteggiare i mariti, approfittare delle infedeltà”, e “non aspettare dopo il bacio, a scendere più giù”. Scolpiamo nella nostra mente eccitata questa aurea confessione: “Odio gli amplessi che non lasciano ambedue sfiniti e ansimanti… Odio la donna che si fa prendere perché necessario, che resta come di legno e, durante l’amore, pensa alla sua conocchia… Ciò che mi piace (e piaceva tanto anche a noi) è sentire le parole che confessano il suo godimento, che mi chieda di rallentare, di trattenermi. Oh che io possa vedere con gli occhi languidi della mia amante quasi incosciente, vederla spossata e sentirla che mi prega di non più toccarla”. Parole sante.
Altri autori che consiglio nel mio galateo erotico, il “Decamerone” di Boccaccio (di quante sue novelle ci sarebbe piaciuto essere i protagonisti), i “Ragionamenti” di Pietro l’Aretino, la “Storia della mia vita” di Giacomo Casanova e l’imperdibile ”Kamasutra” dell’indiano Vatsayayana, geniale coreografo di Venere e Cupido.
atupertu@ilmessaggero.it

  (Quota)  (Replica)

Strider 6:35 pm - 9th aprile:

Questa e’ l’ interessante e (per me) condivisibile risposta, data altrove al “sottoscritto”.
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

”E allora come fare a capirle?”

La domanda che in realtà ti stai facendo,non è come fare a capirle,ma come fare a conquistarle,o come fare a tenertele,soprattutto come fare a interessarle,che sono cose profondamente diverse.

Il fatto è questo:a una donna di bellezza media per attrarre un uomo basta schiocare le dita:ergo ne deduce che gli uomini sono ”semplici” e che a loro basta poco.

Questo è dovuto principalmente al fatto che per motivi culturali e naturali sono gli uomini ad andare dalle donne e non viceversa,e quindi loro sono abituate a ottenere un risultato con un minore sforzo.
Se invece un uomo ha esigenze diverse e non ci sta con una donna,viene definito ”pisello che scappa”,o ”pisello complessato” da lei.

Anche gli uomini hanno parte in questo gioco,perchè se uno non ci stesse con una a caso che ci provasse con lui,allora verrebbe definito gay,o rincoglionito.
Alcune donne ci provano una volta,non va,e poi dicono:”noi donne non ci proviamo perchè o ”scappano”,”oppure ci stanno e pensano che sei una puttana”.
Il fatto è che se ci provi per forza di cose un certo numero di volte andrà male,è un pò come cercare la chiave giusta da un mazzo che non conosci,vai per tentativi.
Se una donna non ci sta comunque nessuno dice che ”scappa”,o che è ”lesbica” o ”rincoglionita”.

Quindi l’uomo riceve una certa pressione a a starci,dagli ormoni,in primis,e poi se non dagli ormoni da una certa parte di giudizio sociale.

Per l’uomo medio invece attirare una donna è molto più difficile.
Primo:per motivi naturali e culturali:è lui a doverci provare,e questo implica CHE E’ LUI A DOVER FARE QUALCOSA,E SPESSO LA COSA PIU’ DIFFICILE E’ CAPIRE COSA.
Siccome non sai che cosa fare per attirare l’attenzione ,pensi,”ummh,ma come è complicata”.
In realtà le cose stanno in modo semplice:non le interessi,e se riesci ad attirare la sua attenzione soltanto con trovate funamboliche,non è perchè le piacciono le trovate funamboliche,è perchè non le piaci tu.
Capirla in questo caso è molto semplice:non le piaci.

Secondo:dopo un pò di porte in faccia che ti prendi,abbassi per forza di cose il tuo standard e se una ci sta con te,quasi la ringrazi di averti dato l’obolo di guardarti in faccia.

Mediamente si dice che la donna ha una sessualità più complessa di quella maschile:falso.
Ha meno desiderio.

Spesso si dice che l’uomo ”non può nemmeno immaginare la complessità della sessualità femminile”:falso.
E’ il contrario.

Oggi uno è stato arrestato perchè fotteva le foto delle lapidi di ragazze morte.
Il cosiddetto maniaco.Ok.Una cosa brutta per carità.
Fottere le foto sulle lapidi non è bello,però ai fini del nostro discorso,volevo chiedere:avete mai visto donne fare cose simili?
Mi si dirà,no, le donne(che non sono mai maniache,che brave),da brave bambine lo prendono in tre orifizi diversi e in ciò finisce la loro variabilità e complessità della loro sessualità.

Prendiamo le chatline…sono destinate quasi esclusivamente ad un pubblico maschile,quindi gli uomini riescono ad eccitarsi soltanto con una VOCE?
Bene vogliamo dire che l’eros maschile ha più sfumature?

Ed è per questo che dico,che una donna,non può neanche immaginare la sessualità di un uomo,cosa ci trovava quel tipo di eccitante nella morte?
Può una donna capire questo desiderio,seppure deprecabile?
La mente di un uomo,per una donna è un mistero,nel bene e nel male,è un abisso.

Una volta una ragazza mi ha detto che il computer non ha nulla di interessante perchè dopotutto ”è solo una scatola”.
Le ho risposto che è l’unica scatola che può contenere il mondo intero,nonostante sia solo una scatola.

Una mi ha detto che la meditazione buddhista è una cazzata,perchè fai una cosa da vegetali.
Perchè un uomo come Siddharta Gautama,pieno di ricchezze e di agi,si è ritirato dal palazzo ed è andato a vivere ‘come un vegetale” isolato da tutto e da tutti?
Che cos’era che gli mancava?aveva tutto…
le femministe dicono che gli uomini fanno così perchè sono delle donne ”incomplete”,mentre se fossero delle donne sarebbero a posto e non si inventerebbero cose strane.

No,non potrò credere che le donne sono più complicate di noi,fino a che non lo vedrò con i miei occhi.

Morale della favola,se a essere complicato sei tu:è perchè sei sbagliato,se a essere complicate sono loro,sei tu che non ci arrivi.
In ogni caso le cose vengono lette in una ceta luce,se a essere complicato è un uomo,allora la complicazione è una cosa negativa e lui è semplicemente complessato,se è complicata una donna,bhe allora si dia inizio alle danze,fatevi un giro su internet:

”il caleidoscopico mondo femminile…ecc…l’inafferrabile principio femmineo”ecc…e chi più ne ha più ne metta…

No,i responsabili di tutta questa disparità di giudizi,siamo anche noi.

Condannare e capire sono 2 cose opposte,e anche per questo che dai tempi della grande condanna femminista,le donne HANNO SMESSO(tranne alcune lodevoli eccezioni)DI TENTARE DI CAPIRE L’UOMO.

NOI TENTIAMO DI CAPIRLE,LORO NO,PERCHE’ DOVREBBERO CAPIRCI SE POSSONO LIMITARSI A CONDANNARCI?

  (Quota)  (Replica)

Fabio 1:31 pm - 10th aprile:

No,i responsabili di tutta questa disparità di giudizi,siamo anche noi.

Condannare e capire sono 2 cose opposte,e anche per questo che dai tempi della grande condanna femminista,le donne HANNO SMESSO(tranne alcune lodevoli eccezioni)DI TENTARE DI CAPIRE L’UOMO.

NOI TENTIAMO DI CAPIRLE,LORO NO,PERCHE’ DOVREBBERO CAPIRCI SE POSSONO LIMITARSI A CONDANNARCI?
********************************
Opinione mia. Secondo me i responsabili di tutta questa disparità di giudizi, non siano “anche noi”, bensì soprattutto noi. Vorrei rammentare che certi luoghi comuni sulle donne, sono antecedenti al femminismo di secoli, e sono stati propagandati in primis dagli “uomini illuminati ” del passato.

  (Quota)  (Replica)

Silver 8:12 pm - 2nd maggio:

http://www.corriere.it
Lo ribadisce una ricerca dell’Università nazionale del Messico
Orientamento: le differenze tra uomini
e donne risalgono al Pleistocene
I primi sanno leggere meglio le carte geografiche, le seconde si basano sui punti di riferimento

Lo ribadisce una ricerca dell’Università nazionale del Messico

Orientamento: le differenze tra uomini
e donne risalgono al Pleistocene

I primi sanno leggere meglio le carte geografiche, le seconde si basano sui punti di riferimento

MILANO – Vero: gli uomini sanno leggere le cartine stradali meglio delle donne e se ne vantano in ogni occasione, ma se si tratta di raggiungere una destinazione già nota, allora il gentil sesso non conosce avversari, perché il cervello femminile registra meglio di quello maschile i punti di riferimento. E la superiorità risale addirittura al Pleistocene, ovvero due milioni e mezzo di anni fa, quando i primi ominidi maschi hanno affinato le loro tecniche di caccia e le femmine quelle di raccolta del cibo. Lo ribadisce una ricerca dell’Università nazionale del Messico, dopo che già tre anni fa gli scienziati inglesi dell’Università di Warwick erano giunti alla stessa conclusione.

MAPPA MENTALE – In Messico hanno studiato la popolazione di un villaggio messicano, analizzando quanto tempo impiegava e quante energie consumava per raccogliere i funghi. Dotati di rilevatori Gps e di monitor per controllare le pulsazioni cardiache, gli studiosi hanno tenuto costantemente sotto controllo gli abitanti e i risultati, pubblicati sulla rivista scientifica Evolution and Human Behaviour, hanno mostrato una profonda diversità di comportamento a seconda del sesso, sebbene non vi fossero, invece, grosse differenze nel numero di funghi raccolti: mentre, infatti, gli uomini scalavano montagne e sembravano andare ovunque, consumando il 70% di energia in più delle donne, queste ultime hanno fatto più soste ma dato l’impressione di sapere esattamente dove andare. Da qui, l’idea che le competenze maschili e femminili in tema di spostamenti si siano evolute in maniera differente nel corso del tempo e così, se la strategia maschile si rivela più utile quando si tratta di cacciare la preda, permettendo così agli uomini di costruirsi una sorta di «mappa mentale», quella femminile porta a ricordare un determinato percorso ricorrendo a punti di riferimento precisi, che rendono più agevole il raggiungimento della destinazione.

ORIENTAMENTO – «I nostri risultati», ha spiegato il professor Luis Pacheco-Cobos, che ha eseguito lo studio, «confermano come le donne sappiano adottare più velocemente strategie di ricerca migliori rispetto agli uomini». E a conforto della ricerca dell’Università di Città del Messico arriva anche quella condotta precedentemente dall’Università Queen Mary di Londra, che ha analizzato il comportamento di 140 volontari nella ricerca di oggetti: mentre gli uomini erano bravissimi nello scoprire quelli nascosti, le donne erano fenomenali quando si trattava di ricordare dove tali oggetti fossero stati collocati. «Ciò non significa che le donne abbiano una miglior capacità di orientamento», ha spiegato al Sunday Times il professor Frank Furedi dell’Università del Kent, «ma solo che hanno una maggiore intuizione, mentre gli uomini tendono a complicare di più le cose».

SUPERMERCATO – Una teoria – quella messicana – che trova d’accordo anche Annabelle Bond, l’alpinista donna più veloce nello scalare le sette vette più alte di ogni continente. «Se sono già stata in qualche posto, allora posso ritrovarlo molto velocemente», ha raccontato la Bond, «ma non fidandomi della mia capacità di lettura di una mappa, in montagna farei sempre affidamento su un uomo». Capito ora perché quando un uomo va al supermercato, dà l’impressione di vagare senza meta fra le corsie, nell’affannosa ricerca di un determinato prodotto, mentre una donna va a colpo sicuro, riempiendo il carrello e non dimenticando nemmeno una delle cose sulla lista? Sostituite il supermercato con una cartina stradale ed ecco dimostrata «sul campo» la teoria degli studiosi messicani.

Simona Marchetti
02 maggio 2010

_________________

Ora, tralasciando i soliti commenti idioti di certe povere, astiose giornaliste, che come termine di paragone portano il supermercato (sic!), per l’ennesima volta c’è da rilevare che ogni occasione è buona per denigrare il sesso maschile e parimenti per esaltare quello femminile.
Ancor più “divertente” è che si vogliano far passare certi studi come delle novità…
Dico solo che su PANORAMA, del 31 marzo 1995, fu pubblicato un articolo di Daniela Mattalia, intitolato ” E IL TUO CERVELLO DI CHE SESSO E’ ? “, in cui alla pagina 171 si affermavano sostanzialmente le stesse cose. Mah…

  (Quota)  (Replica)

ilmarmocchio 9:53 pm - 2nd maggio:

Simona Marchetti : un bel tacer non fu mai scritto

  (Quota)  (Replica)

Strider 7:17 pm - 9th luglio:

Fabio
>>>>>>>>>>>>>>
Vorrei rammentare che certi luoghi comuni sulle donne, sono antecedenti al femminismo di secoli, e sono stati propagandati in primis dagli “uomini illuminati ” del passato.
>>>>>>>>>>>>>>>

Mai sostenuto il contrario, anzi, se leggessi certi miei vecchi scritti postati su U3000, ti accorgeresti che io sono sempre stato molto critico verso gli uomini.
Tanto e’ vero che, a causa di cio’, dovetti fare delle vere e proprie guerre telematiche contro alcuni vecchi membri del momas. Ora chi fossero non ha piu’ alcuna importanza.

  (Quota)  (Replica)

Silver 12:55 am - 26th luglio:
Peppe 12:08 pm - 29th luglio:

Mi ripermetto di ripostare questo mio umile scritto: http://giubizza.blogspot.com/2007/08/il-dilemma-tra-natura-e-cultura.html

Faccio qualche noticina sulle stronzate dette sulla presunta e falsa dicotomia tra natura e cultura che altro non sono che due aspetti dell’essere umano.

“Viene prima la natura e poi la cultura”. Stronzata! L’uomo fa cultura per sua natura e la cultura forgia a sua volta la sua natura. Sono due cose strettamente interrelate tra loro e nessuna viene “prima” dell’altra.

“Senza la cultura la natura ci sarebbe lo stesso”. Stronzata! senza la cultura i nostri progenitori sarebbero stati sterminati dai grandi predatori. L’uomo è un animale sociale nel senso che la sua stessa sopravvivenza, e quindi la sua stessa struttura dipende dalla sua capacità di fare cultura.

Usare la natura per giustificare le proprie problematiche personale per poi assurgerle a QM è cosa da stupidi. Della serie “Sono un povero morto di fica che ha speso capiatali per andare appresso a puttane di vario tipo, beh è la natura e questa è la condizione maschile.
No raga, così non regge!

Mi rendo conto che molto probabilmente anche questo mio post sarà censurato dalla nomenklatura perché non in linea con l’ideologia del “partito”, ma assai mi fotte. Io ho la coscienza pulita, chi censura ce l’ha sporca.

  (Quota)  (Replica)

Fabrizio Marchi 1:43 pm - 29th luglio:

Peppe, ti rispondo e pubblico il tuo ultimo post perché ciò che hai scritto sulla “nomeklatura” mi ha fatto sorridere…
Però, dico, se tu vai a flirtare con personaggi come Nicole o Chiara di Notte dicendo queste cose:” Uomini 3000 forse è il più sbagliato, contorto, fuorviante e ingannevole che ci sia. E forse la deriva sessuomane è nata proprio dalla “filosofia tremilista”.
Uominibeta è nato con buone intenzioni ma purtroppo è diventato, come fai giustamente notare tu, un covo di poveri morti di figa frustrati, rancorosi e incazzati. Oddio, c’è anche da dire che la rabbia che esprimono andrebbe non solo criticata ma anche capita, però il problema è che su questa strada non saranno mai presi sul serio. sad
Cosa dovremmo fare con te? Come dovremmo comportarci? Posso capire se tu parlassi di noi su un altro sito maschili, ma vai a fare questi discorsi con gente che ci attacca sistematicamente dicendocene di tutti i colori, di tutto e di più, fra cui le cose che tu stesso hai detto in quel tuo post. Ho anche letto che pensi che io sia una “personcina perbene” e ti ringrazio per questo tuo apprezzamento, però tu capisci che così facendo metti in difficoltà sia il sottoscritto che tutti noi.
Peppe, siamo alle solite. Sei una variabile impazzita. Io non ce l’ho con le variabili impazzite, non sono loro il mio nemico, però datti una regolata. Lo dico anche per te, perché con questo tuo modo di essere e di fare perdi dei possibili amici invece di acquistarli.
E non mi sembra una cosa intelligente ma molto, molto stupida.
Da queste parti siamo impegnati nel tentativo di costruire una nuova identità maschile; un progetto molto ambizioso, un percorso propedeutico alla costruzione di un Movimento. Le due cose marciano assieme, non sono separate.
Io non posso e non voglio perdere tempo in sciocchezze, Peppe. Deciditi. Abbiamo bannato altri su questo blog perché si comportavano in modo provocatorio. Lo abbiamo anche fatto con te per un periodo e poi ti abbiamo riammesso. Hai pubblicato una serie di post in cui argomentavi le tue ragioni, e poi a ricominciato con i tuoi atteggiamenti. E poi ci arrivano queste sorpresine dalla rete di cui sopra…
Che dobbiamo fare con te? Diccelo tu. Secondo te come dovrei comportarmi con te?
Fabrizio

  (Quota)  (Replica)

Luke Cage 1:57 pm - 29th luglio:

Giubizza si è sputtanato in tutta la rete,se ci esponiamo alle sue scorribande anche noi possiamo anche prendere baracca e burattini e tornarcene a casa, altro che grande cambiamento…

  (Quota)  (Replica)

Fabrizio Marchi 2:14 pm - 29th luglio:

Hai ragione Luke, sottoscrivo completamente. Ho pubblicato quel post di Peppe (Giubizza) solo perché trovavo grottesca la sua affermazione e per metterlo di fronte ai suoi stessi atti…
Fabrizio

  (Quota)  (Replica)

Damien 3:43 pm - 29th luglio:

Personalmente non trovo Peppe spesso in linea con noi, ma questo non mi stupisce quando riesco a vedere e valutare le cose a 360°.

Tuttavia, egli espone, seppur in modi e da angolature diverse, interessanti sfaccettature, esattamente come Lestat, seppur talvolta non condivisibili, disarmanti per la loro cinicità, ma reali, nasconderle equivale a ritirarsi senza combattere..

Condividere le loro opinioni, nel bene e nel male, al pari di altri/e, laddove vie sempre e comunque un rispetto reciproco, ritengo sia un percorso obbligato, basato sul confronto e sulla diversità che, de facto, introducono ai mille aspetti dei temi trattati; limitarsi a bannare l’indifferenza, lo sfotto’ e la sterilità di tante altri/e, contrariamente, risulta quantomai necessario.

Questa appare evidente che sia la mia umile posizione rispetto a Peppe come Lestat, in fondo, non sono anche io criticato per alcuni mie opinioni?

Per concludere, Peppe ha pubblicato un articolo interessante di julius Evola “Le ragazze italiane” sul suo sito: http://giubizza.blogspot.com/2007/08/le-ragazze-italiane.html che trovo abbia molte analogie con quanto pubblicato da Barnard, inoltre spesso Lestat, coi suoi interventi, mi ricorda i cartelli stradali, essi ci dicono la verità, nuda e cinica, ma non per questo mi sognerei mai di girare e tornare indietro dinanzi ad un cartello di curva pericolosa o pericolo frana, semplicemente, prendendone atto, proseguo nel mio cammino, magari piu’ consapevole, esattamente quello che nel sociale svolgo sulla QM ivi trattata, conosco i “pericoli” ma niente mi farà cambiare strada..

  (Quota)  (Replica)

Luke Cage 6:15 pm - 29th luglio:

Questa storia che Lestat dica la verità nuda e cruda (“le donne sono tutte stronze”???)mi lascia perplesso…mi sembra più corretto sostenere che espone il suo punto di vista,cosa che nessuno gli ha mai vietato di fare, sarebbe magari meglio da parte sua essere un pò meno insistente nel ribadire quanto il suo modo di vedere la QM sia distante dal nostro,soprattutto perchè una volta presone atto non se ne vede l’utilità.
Per quel che riguarda Peppe,ok, se vogliamo rendere il sito un ambito “ricreativo”, con annesso “rutto libero”, benissimo..divertitevi.
Ricordatevi però che Peppe applica a suo modo il famoso verso di Whitman “mi contraddico perchè sono molteplice”, cioè è uno che sostiene tutto e il contrario di tutto, a seconda di come gli gira e/o a seconda del/degli interlocutori, si autodefinisce un fiero qualunquista, sostiene che per lui le donne sono puttane,gli omosessuali froci, che gli assassini andrebbero linciati (compresi coloro che praticano l’aborto) e così via..Benvenuti a “Disneyland”

  (Quota)  (Replica)

Fabrizio Marchi 6:30 pm - 29th luglio:

Damien, chiariamo una cosa. Qui nessuno è mai stato bannato o allontanato per le sue idee politiche o per le opinioni che esprime. Mi sembra evidente e non c’è neanche bisogno di dirlo. Sono stati allontanati i provocatori, quelli/e che ci hanno insultato o che si sono prodotti in comportamenti poco seri, come è stato quello di Peppe in questo caso. E non è la prima volta, come sai benissimo. Ti dirò di più, e te lo possono senz’altro confermare, che molti amici e utenti del blog mi hanno messo ripetutamente in guardia da lui, ma io non ho voluto essere intransigente e non gli ho dato ascolto, sempre nella speranza di un “ravvedimento” da parte sua. Speranza mal riposta, a quanto pare. Mesi fa se ne uscì con quella fantomatica lettera del Doctor X che era sostanzialmente un attacco a Rino, poi ritorna, e va bene, lo riammettiamo senza problemi. Poi straparla di noi su forum e siti a noi palesemente ostili…
Non mi sembra un comportamento serio, non trovi Damien?
Ti risulta che Lestat o altri con idee diverse dalle nostre siano stati censurati? Quando mai? Ti risulta che posizioni diverse da quelle ufficiali di UB siano state oscurate? Ma quando mai? Abbiamo discusso per settimane sul tema aborto e chissà quante volte ci ritorneremo, e ti risulta che qualcuno sia stato censurato perché non la pensa come noi? Non scherziamo…
Quello che chiediamo qui è solo serietà, rispetto e autentico spirito di confronto, il che non significa certo che non si possa fare anche dell’ironia, anzi. Ma un conto è l’ironia, altro la buffonaggine.
Altra cosa ancora è il caso di uno/a che con idee e posizioni diametralmente opposte alle nostre si mette a fare il muro contro muro o la polemica fine a se stessa. A me questo non sembra un atteggiamento costruttivo. Credo che non serva a nulla e a nessuno. Ma non mi pare proprio che questo blog difetti di democrazia…
La verità, a mio parere, è che molti qui non hanno ancora capito che questo è qualcosa di più di un semplice blog, per lo meno queste sono le mie intenzioni, e credo anche quelle di altri. Come ripeto per l’ennesima volta, l’obiettivo che ci siamo dati (non tutti, certo, ma sicuramente il fondatore e un piccolo gruppetto di temerari) è molto alto ed è quello a cui lavoro. Altrimenti non dedicherei tutto questo tempo a questo sito…
Per troppo tempo la QM è stata un luogo di “svacco”, di maschi che si sfogano su un pc, “smadonnando”, imprecando, lamentandosi, le donne di qua, le donne di là, la natura, la cultura, non cambierà mai nulla, gli uomini sono fatti così, le donne colà, la natura umana è quella che è, non si potrà mai cambiare nulla…
E allora che senso ha stare qui? Che senso ha occuparsi di QM?
Discorsi triti e ritriti…è ora di dare una scossa a tutta la vicenda altrimenti non si uscirà mai dalle secche…Non siamo finiti sul Venerdì di Repubblica con questi atteggiamenti ma con una iniziativa molto concreta e soprattutto con un’analisi alle spalle che ci caratterizza e ci contraddistingue, diciamo la verità. E’ per questo e non per altro che siamo stati presi in considerazione, e altre volte lo saremo, sempre se riusciremo a mantenere alto il livello del dibattito e a darci una disciplina e un metodo di lavoro.
Fabrizio

  (Quota)  (Replica)

armando 6:43 pm - 29th luglio:

Fabrizio, dammi retta. Sai bene che non ho problemi ad ammettere quando una persona molto distante da me dice una cosa che ritengo giusta, quindi non ho pregiudizi verso nessuno. Ma quando si va a sputtanare pubblicamente un movimento con cui si vuole poi intrattenere rapporti, allora non ci siamo, per niente. Qualsiasi movimento è criticabile, ovvio, ma lo si fa con argomenti seri e non con sarcasmo o malevolenza. Ancora peggio se lo si fa su siti dichiaratamente “nemici”.
Quindi non esitare, poni condizioni chiare e chi non le rispetta taglialo senza incertezze. Per il bene di Ubeta e di tutti i movimenti seri che non devono diventare un pollaio di gossip o peggio, poco maschili e molto femminei.
armando

  (Quota)  (Replica)

Strider 7:13 pm - 29th luglio:

Luke Cage
>>>>>>>>>>>>>>
Ricordatevi però che Peppe applica a suo modo il famoso verso di Whitman “mi contraddico perchè sono molteplice”, cioè è uno che sostiene tutto e il contrario di tutto, a seconda di come gli gira e/o a seconda del/degli interlocutori, si autodefinisce un fiero qualunquista, sostiene che per lui le donne sono puttane,gli omosessuali froci, che gli assassini andrebbero linciati (compresi coloro che praticano l’aborto) e così via..Benvenuti a “Disneyland”
>>>>>>>>>>>>>>
Tutto vero.
Trattasi di un personaggio estremamente immaturo e infantile, da evitare come la peste.

  (Quota)  (Replica)

Leonardo 7:16 pm - 29th luglio:

Veramente Lestat dice cose dal suo punto di vista, forse con un po di fanatismo.
Con Giubizza non ci capisco niente, cosa dice?
Riguardo alla naturale, chiamiamola stronzagine femminile, io l’ho sempre fatta risalire a differenze fisiche, io più che altro ho un ‘idea pessimistica della vita, basta guardare la storia: fortificazioni, violenza, paura tra uomini e belve feroci, poi cataclismi e altro.
Malgrado ciò il mondo va avanti, malgrado le differenze tra sessi si va avanti.

  (Quota)  (Replica)

cesare 4:28 pm - 23rd dicembre:

Tolto il “dente”, tolto il dolore

da Repubblica on line
Così transgender e così sexy.
“Le nuove generazioni sono sempre più allergiche alle ataviche definizioni che separano uomini e donne. Ne è convinto Raf Simons, direttore creativo di Jil Sander ma anche Luis Venegas, editore della prima rivista transgender, Candy magazine che dice: ‘Nel nostro secolo non c’è bisogno di giustificare se stessi, ma solo di celebrare la diversità di stili di vita e la libertà di scelta. Le possibilità sono tante quante sono le persone che vivono sulla terra’. Gli stilisti con la rivincita del crossdressing lo hanno preso in parola, emulando il grande antesignano di questo filone Jean Paul Gaultier che negli anni ’80 lanciò la gonna da uomo. Intanto sulle copertine dei magazine patinati fioccano baci saffici come quello fra Kate Moss e Lea T., musa di Riccardo Tisci per Givenchy. Glenn Close nel film ‘Albert Nobbs’ abbandona corpetti e crinoline per diventare un maggiordomo e a Roma debutta Man Burlesque, nato da un’idea di Maximo De Marco come la prima versione maschile dell’arte di Dita Von Teese. In omaggio al nuovo maschio senza tabù”.
di Enrico Maria Albamonte
(http://espresso.repubblica.it/style_design/fotogalleria/31079334/1)

  (Quota)  (Replica)

armando 6:26 pm - 23rd dicembre:

E certo, come no! E’ l’inno liberal/progressista all’individuo sganciato da ogni appartenenza, ossia l’individuo perfetto per un iperpostcapitalismo perfetto. Che lo si capisca o meno!
armando

  (Quota)  (Replica)

Sandro2 3:14 pm - 24th dicembre:

La solita, falsa propaganda, originata dagli altrettanto soliti e insopprimibili complessi di inferiorità femminili.
>

http://27esimaora.corriere.it/articolo/giocattoli-rosa-de-gregorio/#more-3038

>>
A sostegno del nulla innato-tutto acquisito, potete leggere le riflessioni di un’altra psicologa inglese, che vive in Australia: Cordelia Fine. In un libro diventato famoso anche da noi (“Maschi=Femmine”, Ponte alle Grazie editore) bolla di “neurosessismo” i tentativi della comunità scientifica di provare con Tac, Pet e altri esami sofisticati che il cervello maschile e quello femminile sono diversi. Le differenze tra i sessi – dice lei – non sono innate nel nostro cervello, ma frutto dell’educazione, della cultura, delle aspettative della società. E sono gli stereotipi a incidere negativamente sulle performance.
>>
________________________
http://questionemaschile.forumfree.it/?t=780616&st=15
>
Riporto alcune affermazioni fatte in passato da esponenti di primissimo piano delle scienze sociali che si dettero il cambio per dichiarare che “la tabula era rasa”. Ergo, niente di nuovo sotto il Sole…
>
Gli istinti non creano costumi; i costumi creano istinti: i presunti istinti degli esseri umani, infatti, sono sempre appresi, mai originari.
ELLSWORTH FARIS (1927)
>
I fenomeni culturali non sono sotto nessun aspetto ereditari, ma tipicamente e senza eccezione acquisiti.
GEORGE MURDOCK (1932)
>
L’uomo non ha natura; quello che ha è storia.
JOSE’ ORTEGA Y GASSET (1935)
>
Con l’eccezione delle reazioni istintoidi degli infanti a repentine sottrazioni del sostegno e forti rumori improvvisi, l’essere umano è del tutto privo di istinti. L’uomo è uomo perché non ha istinti; perché tutto ciò che è ed è divenuto l’ha appreso, acquisito, dalla sua cultura, dalla parte dell’ambiente prodotta dall’uomo, da altri esseri umani.
ASHLEY MONTAGU (1973)
>
Si è costretti a concludere che la natura umana è incredibilmente malleabile, tale da adattarsi infallantemente, con aspetti contrastanti, a condizioni culturali in contrasto.
MARGARET MEAD (1935)
>
Gran parte di quella che è comunemente detta “natura umana” è meramente cultura passata per un setaccio di nervi, ghiandole, organi sensoriali, muscoli, ecc.
LESLIE WHITE (1949)
>
Le nostre idee, i nostri valori, i nostri atti, perfino le nostre emozioni sono, come lo stesso nostro sistema nervoso, prodotti culturali fabbricati usando tendenze, capacità e disposizioni con cui siamo nati, ma ciò non di meno fabbricati.
CLIFFORD GEERTZ (1973)
>
Anche l’antropologo Loren Eiseley scrisse:
“La mente umana, con la sua indeterminatezza, con il suo potere di scelta e di comunicazione culturale, è prossima a sfuggire al cieco controllo di quel mondo deterministico con il quale i darwinisti avevano inconsapevolmente incatenato l’uomo. Le caratteristiche innate imposte a quest’ultimo dagli estremisti della biologia si sono sbriciolate. Wallace vedeva giusto quando diceva che con l’avvento dell’uomo l’evoluzione di parti era divenuta in notevole misura qualcosa di superato, che ora era la mente l’arbitro del destino umano.”

Il Wallace menzionato da Eiseley è Alfred Russel Wallace (1823-1913), che scoprì la selezione naturale contemporaneamente a Darwin e si allontanò poi da quest’ultimo, sostenendo che la mente umana non poteva essere spiegata con l’evoluzione e doveva essere stata progettata da un’intelligenza superiore. Assolutamente convinto che la mente umana potesse sottrarsi al “cieco controllo di un mondo deterministico”, Wallace divenne uno spiritista e passò gli ultimi anni della sua vita alla ricerca di un modo per comunicare con le anime dei defunti.

  (Quota)  (Replica)

Sandro2 3:22 pm - 24th dicembre:

Colgo l’occasione per aggiungere dell’altro.
>
Negli ultimi anni si sono andate accumulando prove che il testosterone influenzi non soltanto gli ornamenti e la corporatura, ma anche i cervelli. Il testosterone è un composto chimico antico, presente in forma pressoché identica in tutti i vertebrati.
La sua concentrazione determina l’aggressività in modo così preciso che, negli uccelli con scambio di ruoli sessuali come i falaropi o nei clan a dominanza femminile delle iene, è la femmina ad avere livelli ematici di testosterone più alti.
Il testosterone mascolinizza l’organismo (in sua assenza il corpo resta di tipo femminile, quali che siano i geni dell’individuo) e mascolinizza anche il cervello.

Tra gli uccelli, in genere canta solo il maschio.
Un diamante mandarino che non ha nel sangue un livello sufficiente di testosterone non canta.
In presenza dell’ormone, la parte del cervello preposta alla produzione del canto cresce e l’uccello comincia a cantare. Anche una femmina di diamante mandarino può cantare, purché sia stata esposta al testosterone in una fase precoce della vita e poi da adulta.

In altre parole, il testosterone prepara il cervello del nidiaceo a reagire di nuovo, più avanti nella vita, al testosterone e quindi a sviluppare la tendenza al canto.
Se si può parlare di mente per un diamante mandarino, l’ormone è una sostanza che ne altera la mente.
Lo stesso vale per gli esseri umani.

In questo caso le testimonianze provengono da una serie di esperimenti, in parte naturali e in parte no.
La natura ha dotato alcuni soggetti maschili e femminili di dosi alterate di ormoni e negli anni Cinquanta i medici hanno fatto lo stesso iniettando certi tipi di ormoni in alcune pazienti gravide.

Le donne affette dalla sindrome di Turner nascono senza ovaie e quindi hanno meno testosterone nel sangue di quelle che le hanno (le ovaie producono un po’ di testosterone, sebbene non quanto i testicoli).
Queste donne sono esageratamente femminili nei loro comportamenti, di solito hanno uno spiccato interesse verso i bambini, i vestiti, i lavori domestici e le storie d’amore.

Gli uomini che da adulti hanno nel sangue meno testosterone rispetto alla norma, gli eunuchi per esempio, si riconoscono per l’aspetto e l’atteggiamento femminile. Gli uomini che durante lo stato embrionale sono stati esposti a un livello di testosterone inferiore alla norma, per esempio i figli di diabetiche che durante la gravidanza hanno dovuto assumere ormoni femminili, sono timidi, poco energici ed effeminati.

Gli uomini con troppo testosterone sono bellicosi.
Le figlie di donne che negli anni Cinquanta sono state trattate con iniezioni di progesterone (per prevenire un aborto spontaneo) dicono di essere state “maschiacci” da bambine; il progesterone non ha effetti diversi dal testosterone.

Anche le femmine affette da iperplasia surrenale congenita o sindrome adrenogenitale, sono dei maschiacci: le loro ghiandole surrenali, poste vicino ai reni, anziché produrre cortisolo, come dovrebbero, producono un ormone ad azione simile a quella del testosterone.

  (Quota)  (Replica)

cesare 5:50 pm - 5th gennaio:

Oggi su Repubblica on line compare un articolo che, in merito alla differenza tra Maschi e Femmine riporta quello che tutti sanno da sempre e che uno studio italiano uscito su Public Library of Science conferma“ lo scarto fra i sessi esiste”. Infatti:“ i profili di personalità tipici dei maschi e delle femmine si sovrappongono solo per il 10-20 per cento. Si tratta di una differenza di grandi dimensioni, anche se ovviamente parliamo di profili statistici che non descrivono le singole persone e lasciano spazio alle eccezioni”. Grande il mio stupore: oggi dire “la Scienza afferma” o dire “la Statistica afferma” è dire “il Rolex venduto al casello autostradale è garantito d’oro massiccio”: uno spot per vendere il prodotto falso costruito dalla narrazione femminista. Così per decenni ci hanno venduto la differenza sessuale, Maschio o Femmina, come totalmente ininfluente ai fini della definizione delle attitudini naturali personali. E invece, ohibò!: “La ricerca torinese ribalta quello che era considerato l’ultimo grido in fatto di studi sui rapporti fra uomini e donne. Dall’università del Wisconsin nel 2005 la ricercatrice Janet Shibley Hyde aveva infatti scritto in maniera molto assertiva che “maschi e femmine sono uguali, fatta eccezione per piccole variabili psicologiche”. Su questa verità “scientifica “ di Janet Shibley Hyde, verità alla “Rolex-ottonato”, ai “caselli” dei media, e delle rivendicazioni pari-opportuniste, ci hanno mangiato in tanti e per anni, nonostante tutti , ma proprio tutti, sapessero che era una patacca. E’ dunque il caso che ci si attenga al buon senso: per smontare l’incredibile insieme sconclusionato di false affermazioni “scientifiche” della narrazione femminista basta e avanza. http://www.repubblica.it/scienze/2012/01/05/news/differenze_uomo_donna-27611496/?ref=HRERO-1

  (Quota)  (Replica)

Luigi Corvaglia 6:26 pm - 5th gennaio:

@ Cesare
Si l’ho letto anch’io. E sono d’accordo con te su tutta la linea.
Ho notato anche la “velocità” con cui sta sparendo dalla homepage. :cry:

  (Quota)  (Replica)

armando 6:29 pm - 5th gennaio:

Dico solo che se per confermare una cosa evidente e risaputa da millenni, come l’acqua calda, occorrono ricerche di isitutizioni universitarie e scientifiche, significa solo che da un certo punto in poi ogni prospettiva è stata forzosamente rovesciata come un guanto e imposta culturalmente a tutto l’Occidente. Su quella forzatura ideologica sono costruite non solo carriere di lobbies e corporazioni, ma la stessa impostazione delle politche economiche e sociali. Una gigantesca truffa di cui ora vediamo gli effetti. Spero sempre che la ragione riemerga, ma certo intanto si sono bruciate generazioni e generazioni, rese spaesate e private di identità profonda dal maintream.

  (Quota)  (Replica)

Leonardo 7:38 pm - 5th gennaio:

http://www.repubblica.it/scienze/2012/01/05/news/differenze_uomo_donna-27611496/?ref=HRERO-1
Nel tentativo di raggiungere posizioni politically correct, infatti, negli ultimi anni ci si è dati da fare per sfumare le differenze e declassare al rango di boutade la tesi secondo cui le donne vengono da Venere e gli uomini da Marte.
La ricerca è stata condotta da Del Giudice con due colleghi della Manchester Business School su un campione di 10mila americani su 15 diversi tratti della personalità. La discrepanza maggiore riguarda la
sensibilità, tradizionale dominio femminile. Le donne registrano valori molto alti anche per quanto riguarda il calore e l’apprensione, mentre gli uomini si distinguono per equilibrio emotivo, coscienziosità e tendenza alla dominanza. Perfezionismo, vitalità e tendenza all’astrazione vedono invece la quasi totale parità fra i sessi. “I maschi – spiega Del Giudice – si descrivono come più stabili emotivamente, più dominanti, più
legati alle regole e meno fiduciosi, mentre le femmine si vedono come più calde emotivamente, meno sicure di sé e più sensibili”.
—————————————————–
Però le differenze riportate mi sembrano le solite caxxate, che ce lo mettono nel di dietro peggio che essere uguali. Ci vuole una ricerca “scientifica” per dire una stronzata come L’uomo viene da marte e la donna da venere? L’uomo e a donna al limite vengono dalla scimmia. Il resto è solo propaganda…
Tornando alle divinità greche: ADONE e NARCISO erano dei di bellezza e non venere

  (Quota)  (Replica)

Sandro2 8:34 pm - 5th gennaio:

Riguardo alle intrinseche differenze fra i sessi, con me equivale a sfondare una porta aperta.
Nondimeno, mi viene sempre da “sorridere” quando leggo affermazioni del genere,

>>>>>>>>
La discrepanza maggiore riguarda la
sensibilità, tradizionale dominio femminile
>>>>>>>>
al cui riguardo, in passato aprii pure una discussione, nella quale contestavo tale convinzione.
Ossia, cosa si intende di preciso per “superiore sensibilità femminile”?
Sensibili nei confronti di chi o di cosa?
Forse nei confronti delle altre femmine o di un figlio?
Oppure di un cane o di un gatto?
No, perché se ci riferiamo ad una presunta sensibilità femminile verso gli uomini, verso i maschi adulti, specie se non appartenenti alla propria famiglia, non è che mi viene da sorridere, ma da ridere…
Il motivo? Di norma, gli uomini sono molto (ripeto: molto) più sensibili nei confronti delle donne, di quanto quest’ultime lo siano nei confronti dei suddetti.
Nella maniera più assoluta.
Non c’è il più lontano paragone.

  (Quota)  (Replica)

Marco 11:59 pm - 5th gennaio:

@ Sandro2 -
Di norma, gli uomini sono molto (ripeto: molto) più sensibili nei confronti delle donne, di quanto quest’ultime lo siano nei confronti dei suddetti.
Nella maniera più assoluta.
Non c’è il più lontano paragone.
@@@@@@@
Anni fa, quando ero ancora “cieco e sordo”, non avrei condiviso questa tua affermazione; oggi, invece, la stra-quoto.

  (Quota)  (Replica)

Rino 11:23 am - 6th gennaio:

Sandro2
>>
Ossia, cosa si intende di preciso per “superiore sensibilità femminile”?
Sensibili nei confronti di chi o di cosa?
>>
Bravo. La domanda infatti è: verso chi è diretta quella sensibilità?
Non verso gli UU che sono uno strumento. Si può essere sensibili verso uno strumento?

RDV

  (Quota)  (Replica)

Leonardo 12:44 pm - 6th gennaio:

Allora visto che il primo che si alza la mattina fa la sua ricerca scientifica, ne faccio una io: le differenze tra maschi e femmine, cercando di non offendere nessuno.
L’uomo in media è più alto, ha una muscolatura più formata come pure il cranio più grande.
Dipende poi dalle razze, ma l’uomo ha molti peli sul corpo e tende a perdere quelli sulla testa, in compenso ha i peli sulla faccia: la barba (cio si manifesta anche negli altri mammiferi, specie nel leone o nelle scimmie antropomorfe come lo scimpanzè e i gorilla, in quest’ultimo la differenza tra maschi e femmine è enorme).
Le donne in media sono più piccole, anche lo scheletro ha delle variazioni di proporzioni: le ossa delle anche sono più aperte e larghe mentre quelle delle spalle sono più strette . I lineamenti del volto sono meno marcati e semplificati.
Per accoppiarsi i due hanno dei comportamenti che dipendono oltre che dall’istinto e la psicologia naturale, anche dalla cultura del paese dove vivono e pure dalla moda.
La donna cerca di non mostrare troppo interesse per l’uomo che, invece ne mostra troppo verso la donna, cosi facendo si riducono in parte le grandi differenze sopra elencate tra maschi e femmine; dove alla fine l’uomo è costretto a fare tutti i mestieri faticosi e quelli intellettuali, la donna a fare figli e comandare sul maschio, con vari ricatti: come dare sesso col contagocce in cambio di soldi. Il problema è che entrambi non si accontentano di come sono. La donna in particolar modo vorrà falsare la mediocre realta di come stanno le cose, cercando di prevaricare il maschio, il quale adotta un attegiamento di cecità che non gli fa capire fino in fondo l’altro sesso. Il risultato è una donna che vanta qualità inesistenti e un uomo che sminuisce se stesso.

  (Quota)  (Replica)

Leonardo 4:33 pm - 6th gennaio:

Seconda ricerca:
Nella prima avevo omesso la differenza sostanziale: il pene e la vagina; come dice il proverbio “chi ha il pene non ha i denti e chi ha i denti non ha il pene” e se la fica avesse i denti, saremmo tutti senza il pene.
Se sei un maschione, la femmina nei tuoi confronti non avra la minima sensibilità e calore (a differenza di quei ricercatori che attribuiscono queste qualità che in realtà le donne non hanno, ma dovrebbero avere)
Il maschione è visto dalle donne come un cavallo da monta, ma la loro delusione maggiore è quando si accorgono che i cavalli da soma hanno qualità inaspettate, come affrescare la cappella sistina, allora succede che le donne vogliono essere protagoniste delle qualità del cavallone col cervellone, come essere il soggetto principale di un pittore. Ma anche nella vita di tutti i giorni, uno che lavora e fa i soldi li deve spendere per lei, e se guida un automobile le deve fare da autista, e tutti i comportamenti che osserviamo nella nostra triste vita di uomini in parte consapevoli .
Da questo dipende la corsa cieca verso la fica, che diventa il bene più prezioso, visto anche il resto del corpo che la circonda, che per molti è più attraente della fica in se, ma non si può mettere in discussione la fica.
Ed ecco che scatta la violenza, c’è sempre lo zingarone cavallone pronto a violentarle (anche se non è vero es è completamente inventato). Qui farò un ipotesi che oltrepassa quella dell’invidia del pene freudiana, e cioè: l’invidia del pene maschile, specie se il pene è straniero. Questo perché gli uomini fanno cosi poco sesso e se arriva lo straniero che li frega sono invidiosi…

  (Quota)  (Replica)

claudio 8:03 pm - 6th gennaio:

Sandro2
>>
Ossia, cosa si intende di preciso per “superiore sensibilità femminile”?
Sensibili nei confronti di chi o di cosa?
>>
Bravo. La domanda infatti è: verso chi è diretta quella sensibilità?
Non verso gli UU che sono uno strumento. Si può essere sensibili verso uno strumento?

RDV
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Sono d’accordo con entrambi: le donne sono scarsissimamente sensibili nei confronti delle sofferenze degli uomini, esattamente come la maggior parte degli uomini lo è verso gli esponenti del proprio sesso. Anzi, sono dell’avviso che molti uomini siano anche più feroci di certe astiose donne.
I livelli di violenza che possono raggiungere due nemici maschi, molto raramente sono riscontrabili fra due femmine.
Io stesso, che da ragazzo ero molto timido, ho avuto più problemi con i miei coetanei – sempre pronti a sfottermi; ancor di più delle ragazze – che con le mie coetanee. Personalmente ritengo che la crescita di un maschio, quindi il diventare un uomo, sia un passaggio molto più difficile e doloroso del diventare donna.
Perlomeno nel nostro contesto sociale. Altrove non saprei.

  (Quota)  (Replica)

Fabrizio Marchi 8:31 pm - 6th gennaio:

Claudio, non so se lo hai letto, ma in un precedente post Saturno ti ha chiesto pubblicamente scusa per essere stato precipitoso e inopportuno con quella sua uscita nei tuoi confronti.
Mi sembra un comportamento leale, maturo e consapevole da parte sua.
Credo che le sue pubbliche scuse possano e debbano senz’altro essere altrettanto pubblicamente accettate.
Sono certo che sarai d’accordo con me.
Fabrizio

  (Quota)  (Replica)

claudio 8:37 pm - 6th gennaio:

Sì, Fabrizio, le ho lette poco fa.
Non c’è problema, è tutto a posto.

  (Quota)  (Replica)

Fabrizio Marchi 9:07 pm - 6th gennaio:

Non per essere pignolo,in fondo non è successo nulla, ma già che ci siamo, dovresti rivolgerti a lui, non a me…smile
Fabrizio

  (Quota)  (Replica)

Leonardo 10:53 pm - 6th gennaio:

claudio
Io stesso, che da ragazzo ero molto timido, ho avuto più problemi con i miei coetanei – sempre pronti a sfottermi; ancor di più delle ragazze – che con le mie coetanee. Personalmente ritengo che la crescita di un maschio, quindi il diventare un uomo, sia un passaggio molto più difficile e doloroso del diventare donna.
—————————————————
Voglio spezzare una lancia in favore delle donne; ricordo che ai tempi delle scuole medie e al liceo alcune ragazze più brutte erano prese in giro, intendo dai ragazzi; io più che altro mi accontentavo di ridere, loro poi a casa scoppiavano a piangere. Certo le donne non venivano picchiate, in genere; però ricordo che ad una compagna delle medie, che aveva messo su un corpo da adulta, si era preso l vizio di palparla in modo pesante…
Le donne non hanno sensibilità con gli uomini quando è il momento di accoppiarsi, non capiscono se abbiamo difficoltà, se siamo insicuri e cose già discusse…
In realtà ho spezzato una lancia in favore anche dei maschi che sono cattivi pure con le donne. La cattiveria è molteplice, l’infanzia e l’adolescenza possono essere un inferno.

  (Quota)  (Replica)

claudio 12:51 pm - 7th gennaio:

Per Leonardo.
°°°°°°°°
Spesso mi capita di ascoltare o di leggere frasi in cui si sostiene che le donne, fra di loro, sarebbero più cattive degli uomini. Personalmente la ritengo una sciocchezza bella e buona, perché solo chi vive sulla Luna o mente sapendo di mentire, può sostenere e credere che i rapporti fra uomini siano uno scherzo, specialmente da giovani. Secondo me, solo in età adulta i rapporti fra uomini migliorano; ma in gioventù sono una vera e propria guerra in cui bisogna sempre dimostrare di essere i più forti, i più “ganzi”, i più tosti, quelli capaci di “sedurre” più ragazze possibile, eccetera. Un vero e proprio inferno, un’autentica schiavitù, dove non è prevista alcuna comprensione nei confronti di coloro che non dimostrano di essere “all’altezza” (i cosiddetti “sfigati”), una realtà che non credo proprio le femmine conoscano.
°°°°°°°°°°°°

p.s.: Saturno, non c’è problema; scuse accettate.

  (Quota)  (Replica)

Leonardo 2:56 pm - 7th gennaio:

Sono d’accordo con quello che dici, claudio, la donne sono complici contro gli uomini, anche se a volte hanno idee differenti tra loro (per fortuna) e vero pure che gli uomini diventano più rispettosi tra loro in età adulta (alcuni perché si sono sposati e hanno nostalgia di quando erano ragazzi, mi è capitato con vecchi amici).
Le donne spesso litigano per motivi inutili, per aver ragione sulle stronzate, e portano rancore a vita, o fino a quando gli conviene.
Non sono molto differenti dagli uomini, cosi almeno ho capito io; la natura le ha fatte con un fisico diverso dal nostro, per cui noi ci aspettiamo gentilezza da loro, invece vogliono il potere comunque, anche se si picchiano meno da ragazzine.

  (Quota)  (Replica)

Leonardo 6:34 pm - 7th gennaio:

Aggiungo che le ragazzine crescendo capiscono che il potere glielo danno facilmente gli uomini senza dover essere violente

  (Quota)  (Replica)

Sandro2 11:53 pm - 21st febbraio:

Leggete qua…
>
http://carta.ilmessaggero.it/viewrubrmsgr.php?file=/WGERVASO.inc&type=STANDARD&keyword=
Martedì 21 Febbraio 2012
>
Vorrei capire le donne

>
Caro Signor Gervaso, con l’aiuto dei grandi maestri del passato vorrei capire le donne. Dopo trent’anni (ne ho cinquanta) di frequentazioni femminili, di conquiste e rifiuti, le donne sono per me ancora un mistero. E temo che continueranno ad esserlo. Di loro mi sfugge tutto, salvo la bellezza e la sensualità che sono, del resto, le virtù che più apprezzo. Non mi firmo perché sono sposato e ho anche l’amante. Sono sicuro che lei capirà.
M.T.
>
Caro Amico, fa bene a non firmare. Guai se certe esternazioni diventano di pubblico dominio. Se sua moglie e la sua amante venissero a conoscenza di quanto mi ha scritto la sbranerebbero. E sarebbe, mi creda, un’esperienza fra le più spiacevoli. Scorrerebbe verosimilmente anche del sangue e un mese almeno di prognosi riservata non gliela toglierebbe nessuno.
Le donne quando picchiano, picchiano duro. Per quanto amino un uomo se credono, a torto o a ragione, che questi le tradisca, non hanno più remore. Io ho subito tante scenate e le assicuro che preferisco affrontare un commando di kamikaze che una donna in preda ai fumi della gelosia. Non ragiona più e toglie anche a noi lucidità e senno. Mia moglie è una donna paziente ma un giorno, temendo una mia scappatella extra moenia (scappatella avvenuta per caso e contro la mia volontà) non esitò a lanciarmi contro un orologio d’argento di grande formato che mi colpì in piena fronte, producendomi un bozzo che Vittoria interpretò come la materializzazione di un corno. Io non reagii ma l’indomani portai da un artigiano sotto casa l’arma impropria e la feci incorniciare. Da allora non sono più stato bersaglio di oggetti contundenti di gran pregio ma di piatti, piattini e di una teiera che schivai con provvidenziali funambolismi.
Non sono mai stato un santo ma non sopporto di essere accusato e punito per colpe non commesse. È una specialità delle donne, che le rende indecifrabili, mettere con le spalle al muro il marito o l’amante ed estorcergli confessioni su fatti inesistenti. Le donne – diceva Wilde, che le conosceva, anche se preferiva loro i guaglioni – sono sfingi senza segreti. Penetrarle è impresa difficile, non di rado impossibile. L’intelligenza, per quanto io le abbia capite, non gli manca, ma hanno in più un istinto infallibile. Vedono cose che noi non vediamo. Sanno cose che noi ignoriamo e nell’arte di mentire sono maestre. Non dicono mai bugie inutili e quelle utili sono più convincenti delle nostre verità. Ricordo una triestina che, all’acme di un furibondo amplesso, mi giurò: «Non ho mai tradito mio marito e mai lo tradirò». Io, per non perdere i suoi soavi favori, mi guardai bene dal mostrarmi incredulo e sconcertato. In fondo, pensai, se faceva una simile affermazione doveva essere in buona fede. Quella buona fede che riscatta da qualunque peccato.
Delle donne non si può fare a meno (solo gli eunuchi vi rinunciano senza sforzo), ma non dimentichiamo, come scrive Ambrose Bierce, che «sarebbe più affascinante se si potesse cadere fra le loro braccia senza cadere nelle loro mani». E questo perché le donne sono astute, sanno manovrarci con la stessa abilità con cui sanno ingannarci. Non si concedono mai a caso: né per amore né per interesse né per fare dispetto a un’altra donna. Contro di loro non c’è niente da fare. Hanno risorse inesauribili e infiniti espedienti.
Se scoperte (come di dice) in flagrante adulterio, negano l’evidenza con argomenti così suasivi e, se necessario, con lacrime così ben dosate che tu finisci col chiedergli scusa per aver dubitato della loro sincerità. Io, come ho detto, non sono un santo, ma se mia moglie mi guarda negli occhi in tono accusatorio, ammetto ogni colpa, anche se inesistente. Siamo nelle mani delle nostre compagne, mogli o amanti che siano, e dobbiamo piegarci alla loro volontà, anche se questa diventa un arbitrio, un sopruso.
Un esempio illuminante, che è anche un monito, è quel che capitò all’attore, regista, commediografo brillante e arguto che fu Sacha Guitry. In occasione del suo settantesimo compleanno, la moglie gli regalò due cravatte, per le quali Sacha aveva un debole, e invitò a cena i più intimi amici. Guitry salì in camera, indossò il suo abito più bello, intonato a una delle cravatte e, azzimatissimo, si presentò a tavola. Gli amici lo salutarono e gli fecero gli auguri. Quando gli occhi della moglie si posarono sulla cravatta di Sacha, il volto della consorte si alterò, gli occhi s’infiammarono e inviperita apostrofò a Guitry: «Perché l’altra non ti è piaciuta?». E lei, caro amico, vorrebbe capire le donne?
atupertu@ilmessaggero.it

  (Quota)  (Replica)

paola conforti 2:48 pm - 22nd febbraio:

Questa mattina ,non so per quale intuizione, ho aperto la pagina di Uomini Beta e la lettura di un intervento mi ha mal predisposto nell’affrontare questo nuovo gg.non farò il nome di colui che ha commentato l’articolo,chi leggerà si riconoscerà,perchè il mio non vuole essere un attacco personale,semmai una considerazione.E’scoraggiante pensare che nell’immaginario maschile ci sia spazio solo per una determinata figura femminile.Leggo tra le righe una rassegnazione nell’accettazione di determinati comportamenti .Ognuno di noi ha la possibilità di riscattarsi e di slegare le catene. Mi rattrista constatare che ci si avvicini solo a quel genere femminile ,ma forse posso pensare che non si hanno le possibilità o le opportunità per avvicinarsi ad altro.Dalla mediocrità si ottiene solo squallore. Sarebbe invece opportuno mettersi in discussione nel tentativo di rendersi più consapevoli che ci può stare altro che non si può generalizzare od accettare una condizione di subalternità. Penso anche che questa predisposizione la si debba attivare su tutti i fronti ,specialmente nel quotidiano.Certo significa demolire qualcosa di cmq effimero,fragile. per costruire un nuovo concetto di noi stessi, che proietti l’essere umano verso il superamento di alcuni stereotipi. Intervengo su questo blog per migliorarmi, non per accettare consapevolmente le mie frustrazioni .Paola

  (Quota)  (Replica)

Damien 3:47 pm - 22nd febbraio:

@Paola:

tutto giusto! ….in teoria.. la pratica la conosciamo tutti..

in altre parole, Paola, se si parte da basi sociali, economiche, sessuali e legislative eque per entrambi i generi.. sarei il primo a portare come vessillo quanto affermi, con tanto di dedica sotto il vessillo a caratteri cubitali:

HA RAGIONE PAOLA! PAOLA I <3 YOU! DATE VOCE E SEGUITO AL PENSIERO DI PAOLA!

..ecco.. poi mi sveglio e vedo la società attuale.. ed il tuo messaggio assume diversi connotati..del tipo .. come parlare di fame dinanzi a chi ha la pancia piena.. insomma.. se realmente ci fossero i presupposti che cito, non credo neanche che avrei visto questo sito su internet..

Damien.

  (Quota)  (Replica)

Fabrizio Marchi 4:53 pm - 22nd febbraio:

“se realmente ci fossero i presupposti che cito, non credo neanche che avrei visto questo sito su internet..” (Damien)
Per la semplicissima ragione che se ci fossero stati quei presupposti, questo sito non sarebbe neanche nato e la QM non avrebbe avuto ragione di esistere.
Fabrizio

  (Quota)  (Replica)

cesare 4:56 pm - 22nd febbraio:

In “Guerra e pace” Tolstoi fa dire, mi sembra al conte Pierre, il protagonista maschile, che Natascia, la protagonista femminile, era una vera donna perchè aveva la capacità, secondo Tolstoi propria delle vere donne, di suscitare nel maschio che le avvicinava il desiderio irresistibile di essere un uomo buono, nobile e generoso, un uomo migliore, e di suscitare in lui anche la capacità di trasfomarsi in un uomo migliore. E di questo Natascia, da vera donna, era consapevole e se ne compiaceva.
Anch’io ho incontrato donne che mi hanno fatto fare esperienza di questa femminilità e ritengo anch’io che contraddistingue appunto le vere donne.

  (Quota)  (Replica)

cesare 10:21 am - 20th marzo:

Natura o cultura? C’è chi va in palestra e c’è chi viene in palestra.

http://www.liberoquotidiano.it/news/961630/Lo-sport–fa-venire-l-orgasmo-Ma-solo-alle-donne.html

  (Quota)  (Replica)

Marco 8:17 pm - 1st settembre:

Hanno “scoperto” il gene della felicità che, neanche a dirlo, è femmina…
@@@
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/scienza/2012/09/01/femminile-gene-felicita-_7409923.html

E’ femminile il gene della felicita’
Scoperto nelle donne, completamente assente negli uomini
01 settembre, 18:36
@@@

E’ femminile il gene della felicita’ Una nuova ricerca ha identificato, per la prima volta, il gene responsabile della felicità femminile. Lo stesso gene non esiste negli uomini. Gli scienziati della South Florida University hanno identificato il legame fra uno specifico gene, denominato monoamine assidasi A (MAOA), con le reazioni del cervello alla dopamina ed alla serotonina, sostanze chimiche connesse con gli stati d’animo positivi, come l’allegria, la serenità e la felicità. La ricerca è pubblicata sulla rivista Progress in Neuro-psychopharmacology and biological psychiatry di agosto. “Una bassa espressione del gene MAOA è correlata con stati d’animo sereni, una alta espressione invece è connessa con stati negativi come l’alcolismo, i comportamenti aggressivi e antisociali,” spiega Henian Chen, a capo dell’indagine al dipartimento di epidemiologia e biostatistica dell’università americana. “Negli uomini tale correlazione è invece del tutto assente. Probabilmente ci sono altri meccanismi neurologici ancora ignoti ma comunque diversi per il cervello maschile”. Lo studio ha analizzato il DNA di 193 donne e 152 uomini, approfondendo la presenza del gene MAOA in rapporto allo stato d’animo. I ricercatori avanzano anche l’ipotesi che la differenza fra la felicità maschile e quella femminile a livello cerebrale sia da ricercare nel testosterone: “Alti livelli di testosterone presenti negli uomini cancellano ogni possibile effetto del gene OMOA sul loro umore” precisa Chen che conclude : “Può essere che gli uomini siano più felici prima dell’adolescenza perché i loro livelli di testosterone sono bassi”.

  (Quota)  (Replica)

Luigi Corvaglia 9:25 pm - 1st settembre:

Ho cercato sul sito della rivista trovando questo abstract (al resto si accede pagando), ovviamente tradotto con google:
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0278584612001911
…………………………………….
Ricercatori psicologi, qualità della vita e il benessere sono diventati sempre più interessati a comprendere i fattori che sono associati con la felicità umana. Anche se gli studi sui gemelli stimano che i fattori genetici rappresentano il 35-50% della varianza nella felicità umana, la conoscenza di specifici geni è limitato. Tuttavia, i recenti progressi nella genetica molecolare può ora fornire una finestra sul marker neurobiologici della felicità umana. L’indagine prende in esame l’associazione tra felicità e monoamino-ossidasi A (MAOA) genotipo. I dati sono stati elaborati da uno studio longitudinale di una coorte basato sulla popolazione, seguita per tre decenni. Nelle donne, una bassa espressione di MAOA (MAOA-L) era correlata in modo significativo alla maggiore felicità (0,261 aumento SD con un L-allele, 0,522 SD con due L-alleli, p = 0,002) dopo aggiustamento per i potenziali effetti di età, di genere , razza, educazione, reddito familiare, stato civile, condizione lavorativa, disturbo mentale, la salute fisica, qualità della relazione, la religiosità, storia di abuso, i recenti eventi di vita negativi e autostima utilizzo in modelli di regressione lineare. Al contrario, nessuna associazione quali è stata trovata negli uomini. Questa nuova scoperta può aiutare a spiegare la differenza di genere sulla felicità e fornire un collegamento tra MAOA e la felicità umana.
…………………………………….
A parte l’aleatorietà insita della definizione di felicità, non mi sembra che sia un impostazione sessista. Dice semplicemente: abbiamo scoperto questa correlazione nel cervello femminile, correlazione che invece non vale per il cervello maschile.
A casa mia questo significa, al di là delle ipotesi che lasciano il tempo che trovano, che non hanno ancora trovato il meccanismo che regola questi processi negli uomini. Punto e basta.
Più interessante mi sembra, sempre che questa correlazione MAOA-femminile sia confermata da successivi studi ed infine sia individuata e confermata la diversa ma analoga correlazione YYYY-maschile, più interessante mi sembra dicevo, il messaggio che la scienza sempre di più e sempre più spesso, con questo tipo di scoperte ci porge: uomini e donne sono diversi (e meno male aggiungo io). E lo sono per caratteristiche intrinseche, naturali, non malleabili e non disponibili a manipolazioni di tipo culturale. Alla faccia di chi vorrebbe uomini e donne come lavagne vuote da riempire secondo i propri desiderata.
Di converso, ho invece ben pochi dubbi come questa notizia sarà diffusa dal baraccone cultural-mediatico femminista.

  (Quota)  (Replica)

dia 8:47 am - 2nd settembre:

ogni tanto spunta qualche gene-pigliatutto. Il gene dell’alcolismo, il gene della felicità, il gene della mania del gioco, ecc. Ma a ben guardare, spunta nei titoli dei giornali, è farina del sacco dei titolisti, perché nessun genetista – credo – potrà mai affermare che quando si parla di comportamento (non di malattie o altro), l’esperienza (nurture) batte i geni 10 a 5. E per esperienza intendo quello che ti sucede, dove ti succede e quando ti succede. Tutto quello che “esperisci” da quando sei nella pancia di tua madre (o, prossimamente, nell’utero artificiale), ad libitum.

Destrutturare le reciproche “mission” biologiche, comunque, è difficile. La femmina cerca il maschio migliore per accoppiarsi e figliare (in questo senso è, come la definisce Edoardo Lombardi Vallauri, una “frustratrice seriale” per vocazione), e il maschio cerca molte femmine con cui accoppiarsi (e in questo senso, è un “seduttore seriale” per vocazione).

Curiosamente, però, gli stessi pattern li troviamo anche nelle coppie omosessuali (uomo/uomo, donna/donna) dove spesso uno dei due tende alla monogamia, l’altro meno.Uno dei due spinge per accasarsi e avere figli, l’altro meno. Questo è quello che mi sembra di osservare, almeno. Le stesse dinamiche tipiche delle coppie etero (maschio/femmina).* Quindi è come se l’istruzione primaria biologica rispuntasse fuori anche, a sorpresa, dove non dovrebbe.
Bah, qualcuno ne tragga le conclusioni, io non mi ci raccapezzo.

(* La violenza domestica nelle coppie lesbiche, per esempio, sta emergendo come una realtà importante – qui non se ne parla, ma in America è argomento di inchieste e dibattiti, come pure il bullismo femminile, meno fisicamente violento ma altrettanto devastante, fondato sui meccanismi di inclusione/esclusione. Lo vediamo in azione nei forum e nei blog femministi, per esempio, dove ci sono i/le “paria” perennemente in moderazione o bannati con ramanzine e lezioncine ipocrite di bonton, e il commentarium dei/delle cortigiani/e ammessi/e a Corte. Un momento, ma lo vediamo anche nei blog antifemministi… Uhm forse è una roba italiota da guelfi e ghibellini. Prima o poi qualcuno scoprirà il gene ghibellino!)

  (Quota)  (Replica)

dia 8:49 am - 2nd settembre:

CORREZIONE:
…nessun genetista potrà mai affermare che in fatto di comportamento l’esprienza NON batta i geni 10 a 5.

  (Quota)  (Replica)

Rita 9:22 am - 2nd settembre:

Più interessante è il fatto che, ammesso e non concesso che sia confermata la tesi del cervello femminile che ha il gene della felicità, non si capisce perchè abbia bisogno di più protezioni e tutele per raggiungere la propria autodeterminazione e realizzazione (leggasi elementi che fanno la felicità). Dovrebbe essere il contrario, dovrebbero esserci più tutele culturali e legislative per i soggetti che non hanno il gene della felicità intrinseco e che, a rigor di logica, hanno più difficoltà naturali a realizzarsi nella felicità. O no?

  (Quota)  (Replica)

armando 3:53 pm - 2nd settembre:

“Una nuova ricerca ha identificato, per la prima volta, il gene responsabile della felicità femminile. Lo stesso gene non esiste negli uomin”
E allora cosa blaterano sugli uomini rrsponsabili dell’infelicità femminile etc. etc.
Se è colpa del gene……….
In realtà sono cazzate pseudoscientfiche a cui non dare peso che vorrebbero biologizzare tutto. L’anima, la felicità, l’omosessualità etc. etc. ma così non fanno che deresponsabilizzare le persone.
armando

  (Quota)  (Replica)

cesare 8:05 am - 3rd settembre:

Vi ricordate il prozac, la pillola della felicità? adesso siamo al genbere ovvero al DNA femminile, poi alla bisogna torneremo alla razza.
Resta poi vero che la felicità è sempre e solo una impresa ed una conquista spirituale e psicologica personale ma che della propria infelicità si accusano sempre gli altri, tranne poi nutrire timore ed odio inconfessato verso coloro da cui si pensa dipenda la nostra felicità personale. E’ per questo che le accuse nella psicologia del profondo sono interpretate come autoaccuse. Fra cui anche l’accusa ai maschi di mancare del gene della felicità.

  (Quota)  (Replica)

dia 8:55 am - 3rd settembre:

sottoscrivo integralmente armando.

x rita:
ahahahahaha, è vero!

  (Quota)  (Replica)

Leonardo 11:18 am - 3rd settembre:

cesare:
l’accusa ai maschi di mancare del gene della felicità.
——————————————-
Cercano sempre un qualcosa in più rispetto ai maschi.

  (Quota)  (Replica)

Damien 1:13 pm - 3rd settembre:

Che la donna abbia in sè la felicità è cosa risaputa.. ma non si trova nei geni.. continuare per dirvi dove si trova sarebbe superfluo..

  (Quota)  (Replica)

Marco 5:45 pm - 5th settembre:

Non sono certamente il primo a evidenziarlo, ma questo vizio mediatico (e non solo) di dire e scrivere “i maschi e le donne” anziché “gli uomini e le donne”, ha veramente rotto le palle.
@@@@
http://www.ansa.it/web/notizie/specializzati/scienza/2012/09/05/Uomini-donne-vedono-modo-diverso_7426287.html
@@@
i maschi hanno una sensibilità maggiore verso dettagli e soggetti in movimento, mentre le donne vedono meglio i colori.
@@@

  (Quota)  (Replica)

Leonardo 3:55 pm - 7th settembre:

Narra la leggenda, che la prima donna data ad Adamo da Dio, fosse una certa “LILITH” spesso presa a modello dalle femministe per i loro deliri di donna usurpata che si ribella ad Adamo.
Certo bisogna stare con i piedi per terra e si deve guardare solo alle cose tangibili; ma i miti sono sempre dei simboli tra natura e cultura.
Un’altra leggenda su questo demone femmina afferma che, Dio, non avendo abbastanza materia adamitica per completare la prima donna, le fece il sesso al posto del cervello. Cosi, essendo sterile, simboleggia la femmina che va con il maschio solo per appagamento sessuale. E, pare che ebbe molti rapporti con Adamo prima di essere cacciata dal paradiso terrestre, e dalla sua testa nacquero legioni di demoni.
Così la raffigurò Michael Desimon nel 1936:

http://jewishchristianlit.com/Topics/Lilith/Images/desimon2.jpg

  (Quota)  (Replica)

Manolo 12:19 am - 11th settembre:

Amici, propongo una rapida riflessione che spero qualcuno mi”contesterà”. Per quanto riguarda la disparità nell’appetito sessuale fra uomo e donna e sul maggior peso specifico, aritficioso,delle donne rispetto agli uomini, credo vi sia da arricchire l’assunto principale che va per la maggiore tra queste righe. L’assunto base è che le donne basino il loro strapotere sull’esistenza di una maggiore quantità di desiderio nel maschio umano rispetto alla femmina umana(e che lo strapotere del 100% delle donne sul 99% degli uomini esista non vi sono dubbi, là dove confermo non vi siano dubbi sullo strapotere dell’1%degli uomini – più qualche donna – sul resto dell’umanità, quest’ultimo ovviamente ben accolto dalla totalità femminile) . Io, personalmente, non credo le cose stiano propriamente così. O meglio, lo strapotere femminile c’è ed è puramente sessuale, non certo intellettivo – emotivo come vagheggiano le femministe (quindi il 99%delle donne, di fatto); si tratta, però, di uno strapotere sessuale (e quindi commerciale e politico) non basato su una maggior quantità del desiderio maschile, ma su una maggior capacità sessuale femminile. Mi spiego meglio: mi sbaglierò, ma proprio non riesco a vedere questa insaziabilità maschile seguita da ritrosia femminile. Sarò fortunato, ma ho sempre incontrato e visto donne di ogni età che il pene lo amano, a dire poco; e quelle che lo negano e fanno le ritrose, messe in certe condizioni per così dire “pure”, quasi da laboratorio, scevre da condizionamenti, si scatenano, letteralmente. Ma allora, direte voi: posto che c’è una superiorità femminile con cui “loro” ci schiacciano, dove sarebbe, se non in un minor bisogno che disequilibra la legge domanda/offerta a loro vantaggio? Qui casca l’asino.
La mia modesta, modestissima opinione, basata su una pura osservazione della realtà concreta (“analisi concreta di cose concrete,” diceva Qualcuno) è che non può esservi storia nè competizione fra un genere che 1. Deve avere una erezione 2. Deve mantenere una erezione 3. Ha un solo orgasmo alla volta, seguito da un lungo periodo refrattario 4: può soddisfare una partner femminile per volta, spesso nemmeno quella; 5. Ha un solo vero organo sessuale; 6 sviluppa tardi e quindi inizia la carriera sessuale-relazionale più tardi; e un genere che: 1. ha a disposizione una riserva quasi inesausta di orgasmi in serie…ed in parallelo 2. Ha tre orifizi fra cui due orgasmici (ebbene sì…constatato diverse volte, e non da omosessuale) 3. Inizia la propria carriera sessuale molto prima nella vita 4. Non deve avere una erezione 5.Non deve mantenere una erezione 6. può soddisfare contemporaneamente, volendo, decine di partner maschili alla volta – il nome “gangbang” vi dice nulla? 7. Iniziando a fare sesso molto prima, conosce meglio e prima l’altro sesso e può quindi arrivare a precederlo su molte cose, laddove può anche decidere come e quando distruggerlo.

Il sesso interessa parimenti a uomini e donne, ma le donne lo soddisfano anticipatamente e meglio, sviluppando le proprie capacità seduttive presto e meglio nei riguardi dei cosiddetti Alpha e sdegnando i Beta, Gamma e delta di turno. Beta, Gamma e Delta di turno che affollano la questua del sesso, e non facendolo, ovviamente, ne hanno – ne abbiamo – più necessità. Come dire che è banalmente vero quello che dicono certuni beceri filosofi da spogliatoio: le donne hanno meno bisogno di sesso perché scopano…
volgare ma efficace. Essendo sodisfatte mediamente più della media maschile, iniziano ben presto e prima di molti maschi a elaborare costrutti eterei romantici e filosofici, là dove solo alcuni maschi fanno la stessa cosa: o perché sono Alpha, quindi le poesie le danno a bere agli altri e loro se la spassano; o perché sono Betagammadelta che hanno abbandonato la competizione e si autocommiserano col romanticismo (e io ci cado spesso, lo ammetto).
Secondo me il maggiore peso specifico è quindi più una questione di competenza che di desiderio: è vero che A conta più di B se A necessita di X e B necessita di 2X; ma se assumiamo che A e B necessitano di X alla stessa maniera ma la natura ha dato ad A molte più abilità per avere X, il risultato non cambia…affatto. E, detto per inciso, poichè sesso ed emotività sono bene o male collegati, iniziare a formare sinapsi in un ambito aiuta molto a crescere anche nell’altro…ergo, poichè struttura (corpo) e sovrastruttura (anima) sono interdipendenti, le donne è inevitabile che ci stronchino anche nelle capacità relazionali…poichè le allenano e alimentano ben prima assieme al sesso alla mensa degli Alpha.
Sia chiaro che ovviamente semplifico: la questione è molto più articolata.

  (Quota)  (Replica)

Tiziano 12:38 pm - 11th settembre:

Manolo, premesso che a me di far polemiche non interessa proprio nulla, ti faccio notare che stai semplicemente affermando quel che afferma il 99,9999% degli uomini…
A sostenere il contrario sono solo un pugno di uomini che si occupano di QM.
Tu dici che le donne, scevre da condizionamenti, si scatenano letteralmente: bene, è quello che dicono TUTTI gli uomini che conosco, i quali, però, devono SEMPRE sbattersi per farsi una cazzo di scopata e frequentemente si rivolgono alle prostitute.
Manolo, ma tu non credi che gli uomini abbiano il vizio di proiettare le proprie fantasie sulle donne? E di attribuire loro desideri che normalmente albergano nelle menti maschili?
Insomma, se le “nostre” donne fossero realmente così “insaziabili” e dedite al sesso sfrenato, come si spiega il fatto che ancora oggi la prostituzione è diffusissima e addirittura in aumento? Bada bene: in aumento in un po’ ovunque, non solo in Italia…

  (Quota)  (Replica)

Tiziano 12:40 pm - 11th settembre:

Dimenticavo: immagina cosa farebbero gli uomini se potessero seguire letteralmente i loro istinti e le loro pulsioni… Sarebbe un’orgia continua…

  (Quota)  (Replica)

Leonardo 12:56 pm - 11th settembre:

Le donne hanno pure un’altro potere: la verginità, altro peso e freno per il maschio.
Tornando alle straniere, forse sembrano più rassicuranti, perché essendo noi cresciuti tra le nostre concittadine, e sapendo a memoria i loro sguardi, atteggiamenti, espressioni del viso, modo di parlare e le perfidie che abbiamo dovuto subire da loro. Le straniere al confronto sembrano una ventata di aria nuova…
Torno anche su alcune masturbazioni mentali (e non solo) sulla bibbia, Adamo, Eva e Lilith.
Il problema è come scopavano Adamo e Lilith: chi sta sopra e chi sta sotto?
http://www.youtube.com/watch?v=WXFu4skpRrg
Caro professor Massoni: magari tornasse questa Lilith che vuole essere pari ad Adamo, ma non esiste come non esiste la donna che veramente vuole la parità e fare sesso avidamente in tutte le posizioni.

  (Quota)  (Replica)

Fabio C. 6:13 pm - 11th settembre:

Essendo sodisfatte mediamente più della media maschile, iniziano ben presto e prima di molti maschi a elaborare costrutti eterei romantici e filosofici, [Manolo]
°°°°°°°°°°°°°°°
Mah… che in media le femmine inizino prima dei maschi a far sesso è una storia vecchia, ma questo non equivale certamente ad essere “più soddisfatte” della media maschile, (*) non fosse altro per il fatto che le donne passano la gran parte della loro vita a lamentarsi sistematicamente degli uomini, ed evitando accuratamente la benché minima autocritica.
Invece, per quanto riguarda la tesi secondo cui le esponenti del “gentil sesso” (?) inizierebbero ben prima dei ragazzi ad “elaborare” certi concetti romantici, sappi che le suddette non fanno altro che rifarsi a pensieri e parole di uomini, perché di loro non tirano fuori proprio nulla. Per esempio, nella storia quante poetesse ci sono state che hanno dedicato poesie d’amore agli uomini…? Io non ne rammento nemmeno una. Il contrario è la norma. I veri romantici sono gli uomini non le donne.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
(*) Per piacere evita di tirarmi fuori la solita storia degli uomini “che non ci sanno fare con le donne”, eccetera, perché, di rimando, io potrei affermare il contrario.

  (Quota)  (Replica)

Fabio C. 6:32 pm - 11th settembre:

Tornando alle straniere, forse sembrano più rassicuranti, perché essendo noi cresciuti tra le nostre concittadine, e sapendo a memoria i loro sguardi, atteggiamenti, espressioni del viso, modo di parlare e le perfidie che abbiamo dovuto subire da loro. Le straniere al confronto sembrano una ventata di aria nuova… [Leonardo]
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Infatti al primo impatto sembrano “più rassicuranti”, ma poi, quando le conosci, ti rendi conto che sono solo un po’ più educate delle nostre conterranee (sudamericane a parte, che hanno la lingua lunga e soventemente sono aggressive), perché l’indole è la stessa. In ogni caso condivido in pieno queste tue parole:
>>
essendo noi cresciuti tra le nostre concittadine, e sapendo a memoria i loro sguardi, atteggiamenti, espressioni del viso, modo di parlare e le perfidie che abbiamo dovuto subire da loro
>>
E’ vero, anch’io, che ormai vado per i quarant’anni (li compirò il prossimo marzo 2013), quando ripenso alla mia gioventù e alle prime esperienze con le ragazze, non posso che ricordare proprio ciò che tu evidenzi.
Relazionarsi con le ragazze prima e con le donne poi, è stato soprattutto un “lavoro”, più che un piacere.

  (Quota)  (Replica)

manolo 12:33 am - 13th settembre:

Riassumendo,tiz…scopano piu’ di te ma dissimulano e nascondono…perche ‘ non e’ certo con te che chiavano e se chiavano non sarebbe certo a te che voglion farlo sapere…e sono brave a farti credere quel che vogliOno pur NON essendo superiori perche ‘ la loro vita e ‘ qui, la lor forza sta tutta qua e vi concentrano le energie…e quelle che non chiavano sono represse o altro ma comunque devianti. Non la danno a te perche’ si saziano altrove e tu nemmeno te ne accorgi. La prostituzione mio caro significa solo che TU paghi quello che per altri e’ gratis perche’ TU ai loro occhi femminili sei un beta, quindi un bisognoso subalterno che se proprio deve fottere, almeno paghi. Ricorda che tu che ti spezzi la schiena il filetto lo paghi 25 euro al kg, al senatore costa meno della meta’… e’ una banale legge di natura e di mercato ultraliberista: chi meno necessita piu’ ottiene, come il pollo di Trilussa…ma secondo te chi fornisce tre polli al ricco obeso e glieli fa pagare due lire poi glielo va a raccontare ai due morti di fame che i polli per loro c’erano ma ha preferito svenderli a chi nemmeno li avrebbe voluti? No…il macellaio lecchino racconta che i polli non ci sono…io e te siamo i morti di fame, il panzone lo chiameremo alfa e indovina un po’ chi sono le pollivendole…

  (Quota)  (Replica)

Fabrizio Marchi 10:18 am - 13th settembre:

Condivido senz’altro l’ultimo post di Manolo (che, per chi non lo conosce, la maggioranza degli amici e dei frequentatori del blog, partecipa attivamente alle riunioni del gruppo romano degli Uomini Beta).
Rispondo invece brevemente, come promesso, ai suoi due post precedenti.
Intanto un chiarimento sul concetto di uomini alpha e beta, per lo meno per come li intendo io.
E’ ovvio che i parametri che distinguono un uomo alpha da un beta possono essere di diverso tipo (ma tutti riconducibile al medesimo concetto). A mio parere i principali sono: affermazione sociale, ricchezza, posizione di potere, prestigio, carisma, . Quest’ultimo con una precisazione doverosa. Puoi essere carismatico quanto ti pare , nel senso che la natura può anche averti donato di un certo fascino o appeal, ma se a 40 o a 50 anni ti ritrovi a fare il cameriere, il metalmeccanico, l’operaio edile, l’impiegato delle poste o il precario cronico (categoria sociale ormai in crescita esponenziale), indipendentemente da quale mestiere svolgi (quindi anche un mestiere “intellettuale”), il tuo fascino e il tuo carisma naturale vanno a farsi benedire.
Un altro parametro che distingue (o può distinguere) un uomo alpha da un uomo beta è certamente l’avvenenza fisica. Ma non sempre (anzi…), perché se un uomo è fisicamente attraente ma nella vita fa il cameriere, magari anche precario, il suo peso specifico sarà minimo rispetto a quello di un uomo fisicamente normale che però fa il top manager, il calciatore, il costruttore, il banchiere, l’imprenditore ecc. ecc. Tutt’al più, questo sì, finchè sarà giovane se la spasserà (anche rispetto a tanti altri uomini beta, fisicamente “normali”) e verrà scelto da tante donne per fare sesso (e anche per una relazione stabile, se la donna in questione è una donna beta), ma superata la soglia dei 35 anni, la sua avvenenza fisica non sarà più sufficiente a determinare un suo peso specifico (che è ciò determina la condizione di un alpha rispetto ad un beta).
Tutto questo perché, a mio parere, ciò che solletica la libido femminile non è tanto l’aspetto fisico degli uomini (che per questi ultimi è invece fondamentale, a parti invertite) quanto appunto il “carisma” che essi esprimono, che è il risultato di una serie di elementi combinati fra loro che abbiamo più volte descritto. Per fare un esempio banalissimo, spoglia completamente il fu avvocato Agnelli del suo ruolo, del suo potere e della sua ricchezza, fagli indossare la tuta blu di uno dei suoi operai e vedrai che nessuna, o quasi, lo guarderà più neanche di striscio, con o senza r moscia …
Naturalmente, sia nella categoria degli alpha che in quella dei beta, ci sono diversi livelli e stratificazioni. E’ ovvio che un uomo beta fisicamente attraente avrà una vita sessuale e in parte relazionale senz’altro molto più ricca e relativamente soddisfacente rispetto a un altro uomo beta, fisicamente non attraente. Questo è ovvio. E la stessa cosa vale anche per gli uomini alpha, ma solo in (minima, a mio parere) parte. Perché a quel livello, se sei un divo del cinema piuttosto che un calciatore, il peso specifico dato dall’avvenenza fisica tende sensibilmente a scemare.
Ancora. Un uomo beta che fa l’insegnante di matematica o di lettere al liceo sarà più appetibile di un altro che fa il commesso in un supermercato o il garzone di una panetteria, e via discorrendo.
In altre parole, si ripropongono all’interno del concetto di alpha e soprattutto di beta, gli stessi parametri che costituiscono l’ossatura della gerarchia sociale, ai quali bisogna aggiungere quello della condizione fisica, ma nei limiti che abbiamo però spiegato. Come sempre, è un problema di peso specifico. Sono convinto che la commessa di un bar tenderà a scegliere per una eventuale relazione, in linea di massima, il direttore della filiale della banca o il prof. di matematica che vanno a fare colazione la mattina, fisicamente normali, piuttosto che il suo collega che sciacqua i bicchieri insieme a lei dietro al bancone, anche se fisicamente più attraente.
Tutto ciò può verificarsi, a mio avviso (e qui arriviamo al punto da te sollevato), proprio perché le donne hanno parametri diversi da quelli degli uomini. Ma li hanno proprio in virtù del fatto che il loro rapporto con il sesso e il loro bisogno di sesso sono diversi rispetto a quelli degli uomini.
Il fatto che, come dici tu stesso, le donne siano attratte dagli uomini alpha, testimonia quanto sto dicendo. Il che non significa che anche loro non abbiano una pulsione sessuale, anche potente. Significa che questa pulsione è di diverso tipo, che può “scatenarsi” in determinate situazioni o frangenti, ma può tranquillamente rimanere sopita (e anche per un tempo relativamente lungo) se quei frangenti di cui sopra non si verificano. Per gli uomini non è così, come ben sappiamo, perché la pulsione sessuale maschile è costante, continua, e in linea di massima non condizionata da qualsiasi altro fattore che non sia la ricerca del piacere sessuale (poi che da questo possa nascere una relazione affettiva ecc. è altro discorso…).
Ergo, gli uomini hanno delle necessità sessuali costanti e continue che le donne non hanno. Ciò non significa, ripeto, che le donne non abbiano desiderio sessuale. Anzi, una donna che ha “scelto” il “suo” uomo (indipendentemente ora dal tipo di relazione che si instaura), a quel punto può “scatenarsi” ed essere anche molto più “focosa” di lui dal punti di vista sessuale. Ma perché lo ha “scelto”. Se non ci fosse stato quell’incontro e quella scelta, lei avrebbe continuato a vivere serenamente senza neanche porsi il problema del sesso. Cosa che per un uomo non è. Perché per gli uomini il sesso è un bisogno appunto costante e continuo, indipendentemente dal contesto, dai frangenti e dalle situazioni che si determinano.
Per chiudere, siccome molto spesso capita che mi chiedano (secondo me chi lo chiede non è propriamente in buona fede, sia che sia una donna o un uomo) quale sia la differenza tra un uomo alpha e un beta, uso rispondere con quel vecchio razzista, sessista, classista e spregevole (ma efficace ai fini della comprensione di ciò che stiamo dicendo) spot pubblicitario che recitava “Per l’uomo che non deve chiedere mai”. (i più anziani fra noi lo ricorderanno; era il vecchio spot pubblicitario di un profumo (una chiavica, peraltro…).
Ecco, l’uomo alpha è quello che non deve chiedere mai. L’uomo beta è quello che deve chiedere sempre, o quasi. Questo è, a mio parere, ciò che fa la differenza , non il numero o la qualità di scopate che uno si è fatto o si fa nella vita. Stiamo parlando di una relazione dialettica, necessariamente e concettualmente conflittuale, proprio perchè caratterizzata e strutturata su di una logica di dominio e di potere sull’altro/a
E proprio a partire da questo concetto dovrebbero essere evidenti a tutti le ragioni per le quali la QM è innanzitutto una questione politica.

  (Quota)  (Replica)

mauro recher 5:47 pm - 13th settembre:

Quest’ultimo con una precisazione doverosa. Puoi essere carismatico quanto ti pare , nel senso che la natura può anche averti donato di un certo fascino o appeal, ma se a 40 o a 50 anni ti ritrovi a fare il cameriere, il metalmeccanico, l’operaio edile, l’impiegato delle poste o il precario cronico (categoria sociale ormai in crescita esponenziale), indipendentemente da quale mestiere svolgi (quindi anche un mestiere “intellettuale”), il tuo fascino e il tuo carisma naturale vanno a farsi benedire.(fabrizio)
Certo che aiuti a tirare su il morale ad un povero metalmeccanico come il sottoscritto smile ,ma è la verità …
E’ ovvio che un uomo beta fisicamente attraente avrà una vita sessuale e in parte relazionale senz’altro molto più ricca e relativamente soddisfacente rispetto a un altro uomo beta, fisicamente non attraente. Questo è ovvio. E la stessa cosa vale anche per gli uomini alpha, ma solo in (minima, a mio parere) parte. Perché a quel livello(fabrizio)
Il livello del morale tende clamorosamente allo 0 smile ,ma anche questa è una verità sacrosanta ,infatti un altra ipocrisia femminista e di non vedere l’aspetto fisico come fanno gli uomini ….lo vedono eccome ,insieme ad altri parametri …
Oggi ,per esempio ,sono uscito dal lavoro e nessuna mi “aspettava” ,cosa che succede in tutte le fabbriche ,però ,un mio conoscente ,è andato a fare un provino per l’Inter ,fuori dall’allenamento c’era qualcuno che li “aspettava” eccome se c’era smile
Mi si può obbiettare che sono un cesso e che cavolo ti aspetti ? Vero , però anche quelle diciamo “non attraenti” preferiscono “aspettare ” fuori ad un allenamento che fuori da una fabbrica …
————————————————————————-
Ergo, gli uomini hanno delle necessità sessuali costanti e continue che le donne non hanno. Ciò non significa, ripeto, che le donne non abbiano desiderio sessuale. Anzi, una donna che ha “scelto” il “suo” uomo (indipendentemente ora dal tipo di relazione che si instaura), a quel punto può “scatenarsi” ed essere anche molto più “focosa” di lui dal punti di vista sessuale. Ma perché lo ha “scelto”. Se non ci fosse stato quell’incontro e quella scelta, lei avrebbe continuato a vivere serenamente senza neanche porsi il problema del sesso. Cosa che per un uomo non è. Perché per gli uomini il sesso è un bisogno appunto costante e continuo, indipendentemente dal contesto, dai frangenti e dalle situazioni che si determinano.(fabrizio)
Vero anche questo ,se no non si spiegherebbe il gran numero dei clienti delle prostitute e non è solo per “possedere” come pensano le femministe ,e proprio un bisogno fisico
————————————————————————–
Per chiudere, siccome molto spesso capita che mi chiedano (secondo me chi lo chiede non è propriamente in buona fede, sia che sia una donna o un uomo) quale sia la differenza tra un uomo alpha e un beta, uso rispondere con quel vecchio razzista, sessista, classista e spregevole (ma efficace ai fini della comprensione di ciò che stiamo dicendo) spot pubblicitario che recitava “Per l’uomo che non deve chiedere mai”. (i più anziani fra noi lo ricorderanno; era il vecchio spot pubblicitario di un profumo (una chiavica, peraltro…).(fabrizio)
Me lo ricordo eccome ,anche se ero piccolino smile

  (Quota)  (Replica)

Leonardo 2:17 pm - 14th settembre:

LA BELLA E LA BESTIA, il film del 1946 di Jean Cocteau.
Il DVD presenta tra tracce audio:
1 DOPPIAGGIO italiano originale dell’epoca.
2 RIDOPPIAGGIO recente
3 LINGUA ORIGINALE FRANCESE (riportata erroneamente inglese)
Naturalmente ho optato per la prima traccia d’epoca e migliore.
All’inizio avverte che ci sono scene inedite reinserite in lingua originale.
Nel film BELLA (oltre che dalla bestia) è corteggiata da un ragazzo chiamato SPLENDORE.
Finito il film non mi sono accorto di scene originali con sottotitoli (tranne l’introduzione scritta e sottotitolata).
Sono andato per curiosità nel RIDOPPIAGGIO e mi sono accorto che SPLENDORE è stato rinominato ARMANDO.
Sono andato in LINGUA ORIGINALE FRANCESE dove SPLENDORE- ARMANDO si chiama AVENANT che tradotto in italiano da AVVENENTE.
———————————————
Ne parla pure wikipedia:
http://it.wikipedia.org/wiki/La_bella_e_la_bestia_(film_1946)#Versioni_italiane
Come si conviene ad una fiaba che si rispetti, tutti i nomi dei personaggi sono tradotti in italiano, ma con due differenze a seconda dei due doppiaggi esistenti: nella versione italiana del 1947, Avenant (letteralmente avvenente) è tradotto piuttosto opportunamente con Splendore, mentre nel ridoppiaggio assume stranamente il comune nome di Armando; la sorella Félicie, inoltre, è Felicita nel doppiaggio originale e Felicia nel ridoppiaggio (anche in questo caso la prima versione italiana si mostra migliore). Il DVD della Sinister Film presenta la pellicola con entrambi i doppiaggi italiani, una saggia decisione da parte di questa casa di distribuzione che offre in questo modo la possibilità di scegliere la versione che più si preferisce ed inoltre non getta nel dimenticatoio l’edizione italiana d’epoca e il valore storico insito in essa.
————————————————
Perché questo cambio arbitrario che non centra niente con l’originale?
Per me, sembra proprio una cosa voluta, un RIDOPPIAGGIO RIEDUCATIVO, un piccolo cambiamento per togliere spessore a l’AVVENENTE SPLENDORE così BELLA riempire più lo schermo, visto ciò che ci si aspetta da un titolo simile. In realtà questo primo adattamento è un grande film, cupo e surreale.

  (Quota)  (Replica)

Fabio C. 2:23 pm - 14th settembre:

[Manolo]
Riassumendo,tiz…scopano piu’ di te ma dissimulano e nascondono…perche ‘ non e’ certo con te che chiavano e se chiavano non sarebbe certo a te che voglion farlo sapere…e sono brave a farti credere quel che vogliOno pur NON essendo superiori perche ‘ la loro vita e ‘ qui, la lor forza sta tutta qua e vi concentrano le energie…e quelle che non chiavano sono represse o altro ma comunque devianti. Non la danno a te perche’ si saziano altrove e tu nemmeno te ne accorgi. La prostituzione mio caro significa solo che TU paghi quello che per altri e’ gratis perche’ TU ai loro occhi femminili sei un beta, quindi un bisognoso subalterno che se proprio deve fottere, almeno paghi. Ricorda che tu che ti spezzi la schiena il filetto lo paghi 25 euro al kg, al senatore costa meno della meta’… e’ una banale legge di natura e di mercato ultraliberista: chi meno necessita piu’ ottiene, come il pollo di Trilussa…ma secondo te chi fornisce tre polli al ricco obeso e glieli fa pagare due lire poi glielo va a raccontare ai due morti di fame che i polli per loro c’erano ma ha preferito svenderli a chi nemmeno li avrebbe voluti? No…il macellaio lecchino racconta che i polli non ci sono…io e te siamo i morti di fame, il panzone lo chiameremo alfa e indovina un po’ chi sono le pollivendole…
###############################
Ma credi veramente di essere tanto intelligente e di scrivere roba fuori dal comune?
Credi realmente che i tuoi discorsi non siano a dir poco inflazionati nel nostro contesto sociale, ed in particolar modo fra gli uomini? Manolo, ma fammi il piacere.
Non ti conosco, ma dai tuoi discorsi si evince chiaramente che in tal senso sei il classico maschio medio, perennemente impegnato ad adulare le donne e ad attribuire loro chissà quali astuzie e voglie.
Non che la cosa mi stupisca, intendiamoci, perché ormai da tempo ho preso atto del fatto che per quanto concerne il rapporto fra i due sessi la massa maschile è realmente inferiore alla massa femminile, in fatto di consapevolezza, di coscienza, ed è per questo che il sesso maschile è sempre stato sostanzialmente perdente nei confronti del sesso femminile e lo sarà ancora di più in futuro, quando diventerà, a tutti gli effetti, il secondo sesso.
Ma in fin dei conti è giusto così…

  (Quota)  (Replica)

Luigi Corvaglia 9:13 pm - 6th gennaio:
Animus 10:37 am - 7th gennaio:

Luigi Corvaglia,

Una volta l’avrei letto, ora no, mi sembrano soltanto fregnacce, questioni mal poste, come quella dell’uovo e la gallina per intenderci, seppure di tipo diverso, strumentali a risposte preconfezionate, servono soltanto ad affermare una tesi, piuttosto che un altra.

  (Quota)  (Replica)

Luigi Corvaglia 11:57 am - 7th gennaio:

Animus,
….
In realtà è abbastanza equilibrato e “laico”. Riporta equamente le due ipotesi e, come è giusto che sia, lascia aperti tutti gli scenari.

  (Quota)  (Replica)

armando 1:53 pm - 7th gennaio:

Alla base di tutte queste ricerche esistono due presupposti.
1) Che donne e uomini dovrebbero avere per forza uguali passioni e desideri. E per conseguenza, ove tali presupposte uguaglianze non trovono riscontri concreti, la causa sarebbe che sono sempre esistite discriminazioni di genere in sfavore delle donne, condannate a non poter dimostrare le loro capacità.
2)Che la cultura scientifica sia superiore a quella umanistica. Perchè tutti si preoccupano del minor numero di donne scienziate e nessuno del fatto che in Italia, ad esempio, il liceo classico è ormai scelto in grande maggioranza da femmine?
Che questa società sia ormai orientata verso e da La Tecnica è un fatto inoppugnabile. Che sia una società capitalistica altrettanto. Ergo…….
D’altra parter anche Lenin diceva che il socielismo era “elettrificazione più soviet”, che è certo un modo sbrigativo per definirlo, ma pur sempre indicativo di una direzione.
Personalmente non ritengo veri nessuno dei due presuppost che ho indicato.
armando

  (Quota)  (Replica)

Animus 3:33 pm - 7th gennaio:

Luigi Corvaglia: In realtà è abbastanza equilibrato e “laico”.

Luigi, sarebbe troppo lungo da spiegare cosa voglio dire, e lo scrivere “papiri”, contrariamente ad altri, non rientra tra le mie qualità….

Osservo ad es. che il voler stabilire se X dipende Y piuttosto che da Z, dove una negherebbe l’altra, ma dove Y e Z non sono “variabili indipendenti”, ma come osserva giustamente Fabrizio nell’articolo di testa, esiste una innegabile mutua-relazione (ognuna agisce sull’altra). è già un’operazione, a mio parere, viziata all’origine…che serve quindi solo a supportare qualcos’altro.

Armando ha accennato qualcosa: una serve l’ipotesi che le donne siano state sempre discriminate, l’altra, serve a negarla, e mantenere lo status quo.

Molto più importante sarebbe invece leggere di uno studio che evidenziasse perchè prima era così ed ora la direzione sembra essere un’altra, senza, e qui si che si entra nella religione, far ricorso a spiegazioni che avvalorano la colpa, il vittimismo, l’oppressione, e le solite balle della visione del mondo cristiana…

Dove sono questi studi?
Perché, se “la verità è che la verità cambia”, che cosa ha fatto cambiare la verità?
Perchè prima ciò che era vero (apparteneva ed era sinonimo di maschile), ora è falso, e ciò che era falso, ora è vero?

La risposta a questi quesiti, una volta diventati di pubblico dominio, cioè acquisiti come bagaglio culturale della società, farebbero immediatamente scadere nel ridicolo, o quanto meno nell’insignificanza, queste “ricercuccole” …

Non mi aspetto risposte, Luigi, solo per dire, che queste sono le cose davvero interessanti….le altre, sono principalmente al servizio dell’ideologia dominante e all’altra che le fa opposizione.

  (Quota)  (Replica)

Fabrizio Marchi 3:55 pm - 7th gennaio:

armando,

Bè, se se siamo in vena di semplificazioni però, caro Armando, quel “più soviet” non è un particolare da poco…
Ciò detto, capisco cosa vuoi dire e sono d’accordo nel criticare la teoria leniniana (e non solo sua) del cosiddetto rispecchiamento. Ho scritto diversi commenti sull’Interferenza nell’ambito dell’articolo “Hegel, si ma non troppo”, proprio sulla relazione fra Soggetto e Oggetto e sulla critica al concetto di Necessità.
Penso però che non si possa fare una colpa né a Marx né in fondo al marxismo a lui successivo per essersi lasciati condizionare e in taluni casi pervadere dalle correnti positiviste e scientiste, alle quali noi siamo oggi in grado di portare una critica, ma perché esistono le condizioni oggettive e in un certo qual modo il contesto per portarle. Se siamo onesti, anche solo una ventina di anni fa non saremmo stati in grado di farlo. Del resto siamo tutti figli dei nostri tempi, e un certo modo di approcciare alle cose è stato largamente egemone più o meno ovunque e in tutte le culture.
La Scienza e la Tecnica hanno finito per soppiantare completamente la filosofia (quando invece sono solo due diversi ambiti) e in alcuni casi per sovrapporsi.
In parole ancora più povere, quella celebre affermazione di Lenin, è del tutto giustificabile e comprensibile, se consideriamo i tempi e il contesto storico. Oggi, ovviamente, non lo sarebbe più.

  (Quota)  (Replica)

Luigi Corvaglia 4:42 pm - 7th gennaio:

Animus: Luigi, sarebbe troppo lungo da spiegare cosa voglio dire, e lo scrivere “papiri”, contrariamente ad altri, non rientra tra le mie qualità….

.
Tranquillo, per me è ancora peggio. E comunque ti sei spiegato benissimo. E sono sostanzialmente d’accordo. Ma, visto quello che passa il convento, mi accontento anche solamente di leggere qualcosa che non sia “talebanamente” di una parte. O dell’altra.

  (Quota)  (Replica)

Daniele 7:58 pm - 7th gennaio:

Luigi Corvaglia:
,
In realtà è abbastanza equilibrato e “laico”. Riporta equamente le due ipotesi e, come è giusto che sia, lascia aperti tutti gli scenari.

>>>>>>>>>>>
Per come la vedo io lo scenario di Pinker è più equilibrato e realista.

  (Quota)  (Replica)

Lascia un commento

* Richiesto
** Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico
Markup Controls

http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_bye.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_good.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_negative.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wacko.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cool.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_smile.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_whistle3.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yes.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cry.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_mail.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_sad.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_unsure.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wink.gif 
 

Aggiungi un'immagine