preload
28 nov 2009  |  1.681 Commenti

Video: Femminismo; ideologia sessista

Di seguito  il secondo video che abbiamo realizzato.


1.681 Commenti

mauro recher 5:16 pm - 25th febbraio:

devo anche farvi vedere una cosa

  (Quota)  (Replica)

mauro recher 11:24 pm - 4th marzo:

Rino DV:
Si avvicina l’otto marzo.
.
A proposito dell’ 8 marzo ,non poteva esserci un collegamento con il teatro dove Lella Costa ha in programma “ferite a morte” e c’era anche il segretario della lega Salvini ,ho lasciato questo commento

Comunque la si vede, lei signor Salvini e la signora Lella Costa, non siete poi molto diversi ,anzi siete praticamente uguali ,dite le stesse cose , solo che cambiate i soggetti (di solito dovuti al colore della pelle e ,in caso di Lella Costa, anche del sesso ) la Signora Costa era in teatro con “ferite a morte” programma teatrale contro i femminicidi ,dove si indica negli uomini la feccia della società , i leghisti vedono negli extracomunitari ,quelli che uccidono e rubano e quindi sono loro la feccia della società , avete ragione entrambi perchè uomini cattivi ,come extracomunitari cattivi esistono eccome ,solo che nel caso della signora Costa era tutto politicamente corretto ,nel caso della lega è razzismo (lo è veramente intendiamoci ) ma lo è anche quello della signora Costa (chiamiamolo anche sessismo) perchè ,in entrambi i casi si giudica una persona per quello che appartiene e non per le sue azioni ,il colore verde della Costa era davvero pertinente

  (Quota)  (Replica)

Animus 1:25 pm - 5th marzo:

Oggi, come ogni mattina, ho “aperto” (virtualmente si intende) il giornale (IlCorriere, non “cronaca nera”), prima pagina:

Donna schiacciata da masso, alberi e tetti crollati,
allerta in toscana,danni al mugello.
allarme bomba evacuata la sede del sole 24 ore,
IL PESTAGGIO A GENOVA,
17enne cade dal balcone,
Perseguita la star de «I Cesaroni», Stalker a processo ,
un figlio dopo il tumore,
pulcini bolliti e tritati vivi,
etc etc etc … (si può continuare quanto si vuole, )

e c’è anche, “Quei 450 euro che dividono uomini e donne”.

Giustamente arriva la “festa” della donna, ed anche questa, doveva essere “infangata”, ovvero dire… cristianizzata.

Ecco, forse la parola giusta sarebbe “battesimata”.

Del resto, non è stato proprio Cioran (non Galimberti e il suo compare) a dire che “l’ideologia ha ereditato dalla religione la lotta contro il buon umore” e “tutto ciò che c’è rimasto di vivo nella cultura popolare è antecedente al cristianesimo”?

Ora, gli ambientalisti, le femministe, gli animalisti i giustizialisti, e bla bla bla bla bla bla, ognuno c’ha le sue “buone ragioni” per aggiungere la sua porzione di veleno, ad una torta, che nel suo insieme, con tutti i suoi ingrdienti uccide , non a mangiarla….ma solo a starle vicino!

Certo, c’è a chi fa comodo che si veda solo la singola porzione, ogni porzione singolarmente, e non la “bomba velenosa” nel suo insieme…si rischierebbe di svelarne la dinamica, e poi, addio potere morale.

E allora, animalisti, femministe, comunisti, ambientalisti, genderisti, giustizialisti, e .. bla bla bla bla…a non finire.

Infatti, prima c’erano le grandi guerre, prima ancora le pandemie, e ai “teologi del dolore” per alimentare i “(ri)sentimenti cristiani” non serviva aggiungere altro, l’inferno, per sperare il paradiso, era già servito capilalrmente quasi ad ogni domicilio.

Dopodiché, in tempo di crisi di “passioni” (cioè di patimenti), la cristianità ha avuto bisogno di ravvivare il fuoco ed espandere il suo mercato (non si possono avere mire uiniversali, cioè cattoliche, se poi si rimane confinati nella propria chiesetta di campagna), e sia quello induista, che quello islamista, sono “mercati” immensi …fanno gola.
.
E dunque, cosa c’è di meglio dei diritti di donne (gay e schiavi) per insinuare il cavallo di troia della cristianità?

Induismo, islam…terre di conquista, dove poter scaricare “l’eccesso dei mali che ci opprimomo”.

  (Quota)  (Replica)

Fabrizio Marchi 2:42 pm - 5th marzo:

Animus,
“E allora, animalisti, femministe, comunisti, ambientalisti, genderisti, giustizialisti, e .. bla bla bla bla…a non finire”. (Animus)
Hai dimenticato di aggiungere all’elenco anche noi, cioè i militanti del movimento maschile…Per coerenza e per onestà intellettuale ci dobbiamo stare…anche se in realtà l’elenco sarebbe ancora straordinariamente più lungo, cioè praticamente tutto ciò che è avvenuto dalla nascita del Cristianesimo in poi con l’esclusione del nazifascismo…
P.S. io ci metterei pure i tifosi romanisti che da sempre sostengono di essere vittime del complotto del “palazzo” ai loro danni… http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif

  (Quota)  (Replica)

Animus 3:35 pm - 5th marzo:

Fabrizio Marchi: i militanti del movimento maschile

Hai ragione, ma non l’ho dimenticato, c’ho pensato e non l’ho messo solo perchè non ha raggiunto ancora una massa critica.

Insomma, nella torta è un ingrediente che ancora non si sente.

Cnq ne ho fatto un “pezzo” per il mio blog, per la festa della donna, aggiungendoci qualcos’altro.

http://anticristo.org/2015/03/05/approssimandosi-alla-festa-della-donna/

  (Quota)  (Replica)

mauro recher 6:27 pm - 5th marzo:

Fabrizio Marchi:
Animus,
“E allora, animalisti, femministe, comunisti, ambientalisti, genderisti, giustizialisti, e .. bla bla bla bla…a non finire”. (Animus)
Hai dimenticato di aggiungere all’elenco anche noi, cioè i militanti del movimento maschile…Per coerenza e per onestà intellettuale ci dobbiamo stare…anche se in realtà l’elenco sarebbe ancora straordinariamente più lungo, cioè praticamente tutto ciò che è avvenuto dalla nascita del Cristianesimo in poi con l’esclusione del nazifascismo…
P.S. io ci metterei pure i tifosi romanisti che da sempre sostengono di essere vittime del complotto del “palazzo” ai loro danni… http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif

beh ,hanno ragione, http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_whistle3.gif non sono di certo come i laziali che si vendono ai potenti http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yes.gif *friends*

  (Quota)  (Replica)

Fabrizio Marchi 8:51 pm - 6th marzo:

E questa invece, sempre scovata da Luigi?

“Siamo certi che la comunità internazionale tutta, senza nessuna esclusione, si mobiliterà contro questa intollerabile discriminazione sessista che vede le donne lituane private del diritto di servire la propria patria; diritto ancora una volta rigorosamente garantito solo agli uomini.
Intollerabile”.
https://www.facebook.com/movimentouominibeta/photos/a.552723048195561.1073741828.447572515377282/604098756391323/?type=1
P.S. il commento sopra è mio, non della premier lituana… smile

  (Quota)  (Replica)

Luigi Corvaglia 7:08 pm - 9th marzo:

Penso che niente come questo video renda meglio il titolo del post. Anzi, è persino riduttivo.

Una fondazione per i figli uccisi dai padri

  (Quota)  (Replica)

armando 7:53 pm - 9th marzo:

Animus,

Questa volta ti “correggo” in un punto. Universalità e chiesette di campagna vanno benissimo d’accordo.

  (Quota)  (Replica)

Animus 10:31 am - 10th marzo:

Ok, Armando, diciamo anche che hai ragione te, ma se si sta a guardare sempre, o solo, il pelo nell’uovo, poi si corre il rischio di non vedere cose ben più grandi.

L’articoletto che hai citato, insieme a pochi altri, vorrebbe chiudere il cerchio intorno ad una serie di riflessioni, sulle quali anch’io ho iniziato a prendere coscienza da poco, non più di un paio d’anni, ovvero, come nella continua necessità (storia docet) della ns. civiltà di “espandersi” e di fabbricarsi dei nemici esterni (ma anche interni, infatti è in mancanza di quelli esterni, come ho diverse volte evidenziato, che nasce il bisogno di crearsi quelli interni), femminicidio e violenza domestica/sulle donne, fanno parte di una morale che è del tutto funzionale a combattere le nuove potenze emergenti, quelle economiche, Cina e India (dato i femminicidi veri sono loro, quelli che praticano l’aborto selettivo di feti femminili) e musulmana che bob è una potenza economica, ma lo è una bomba demografica, “sarà l’utero delle ns donne a darci la vittoria”.

Insomma, è un tentativo di applicare (in maniera diversa) l’uso (e l’abuso) delle tematiche di genere, a fenomeni che solitamente rientrano nella sfera della politica internazionale.
Se ti interessa (anche se l’avevo già citato), la “riflessione” iniziava da qui:http://www.questionemaschile.org/?p=711

Obiezioni?

  (Quota)  (Replica)

armando 1:19 pm - 10th marzo:

Vero che l’aborto selettivo sia il vero femminicidio. Obietto solo a chi strilla e protesta per la cattiveria dei cinesi che, per coerenza logica, qualsiasi aborto è da ritenere omicidio o personicidio. Ma il fatto è che costoro protestano solo quando si abortisce un feto femminile, il che la dice lunga su quanto sono falsi. Vero, almeno mi sembra, anche che la Cina stia adottando quella politica per fini economici, come scrivi. Però si tratta, a lungo termine, di un vero e proprio suicidio di genere. Perchè la grande maggioranza dei maschi si sbudelleranno per avere i favori delle poche femmine. Il capitalismo e il mercato elevati a dogma, non limitati da altre istanze (ammesso che oggi, dove tutto è parametrato sull’economia, tranne in qualche paese come ad esempio la Russia, sia possibile) proprio questo generano. E sempre nel lungo termine, il sesso meno numeroso diventerà ancor più prezioso e da trattare con ogni riguardo. Altro che maschilismo!
Sulla bomba demografica islamica: e’ un fatto che quando i musulmani saranno più numerosi conquisteranno più potere e inevitabilmente prevarranno i loro costumi. Ciò pone il problema del denatalismo in Occidente, e quindi del suo suicidio e del suo tramonto. Non sono xenofobo o antiislamico per principio come la Fallaci o Ferrara. Certo, nel Corano si trovano passi inquietanti nei quali il fondamentalismo trova le sue asserite ragioni, ma credo che il problema sia molto più interno che esterno. Se l’Occidente e in particolare l’Europa rinnegano le loro radici culturali, se si sottomettono agli USA ed al loro capitalismo ormai sganciato da ogni istanza etica o religiosa (neocon e liberal sono identici su questo, mentre discorso diverso va fatto per i conservatori storici) e impregnato fino al midollo di genderismo, femminismo e omosessualismo (che, ribadisco, è concetto diverso da omosessualità), se l’Europa condivide la politica espansionistica americana, se si condivide l’abbattimento di regimi discutibilissimi ma non terroristi per poi trovarsi l’Isis, allora è del tutto ovvio che si attiri l’odio e il disprezzo dei musulmani, e non solo dei musulmani perchè la stessa cosa, mutatis mutandis, accade con la Russia. I musulmani hanno una identità simbolica forte, fortissima, noi non più. ecco tutto.
Un’obiezione la devo fare sul patriarcalismo musulmano, però. Sociologicamente è così, è evidentissimo. Ma se andiamo oltre e osserviamo le strutture psichiche profonde, allora le cose si possono vedere diversamente, un pò come nel nostro meridione, dove l’archetipo della Grande Madre è ben vivo e può benissimo convivere con una struttura sociologica maschilista (non patriarcale). Nei paesi islamici le donne sono escluse, in genere, dalla vita pubblica etc. etc. ,ma hanno un grandissimo potere in quella domestica e privata, checchè ciancino i nostri media. Potere sotterraneo, invisibile , ma reale e concreto. C’è un vero culto della donna (e della Madonna, anche in Islam come al sud). Con la differenza che mentre in parte del cristianesimo , come nel sud e troppo spesso anche all’interno della stessa Chiesa) ci si dimentica che Dio è Padre , Allah non è, per definizione, padre, bensì un’entità molto più astratta e lontana, il che lascia spazi enormi, potenzialmente illimitati.
Tutto questo sproloquio per dire, infine, che siamo messi male, da qualunque parte ci si rigiri.

  (Quota)  (Replica)

Animus 2:44 pm - 10th marzo:

armando: Allah non è, per definizione, padre,

Armando, sei sicuro della veridicità di questa affermazione?
Io ne dubito totalmente, e se anche lo leggessi, non ci crederei, voglio dire, hai mai fatto caso a cosa v’è “stilizzato” nel segno/simbolo di Allah?

E allora…http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_whistle3.gif

  (Quota)  (Replica)

Luigi Corvaglia 7:07 pm - 20th marzo:

L’ordinario sessismo delle redattrici di Repubblica

  (Quota)  (Replica)

armando 9:14 am - 21st marzo:

Luigi Corvaglia,

I massschi, si sa, sono brutti, sporchi e cattivi, quindi se lo meritano.
Ma quanto incoffessabile e nascosto rimpianto per i massschi si nasconde in quel termine!!

  (Quota)  (Replica)

mauro recher 2:20 pm - 27th marzo:

https://bambolediavole.wordpress.com/…/chi-ha-paura-del-fe…/ gli rispondo con un articolo che ho scritto tempo fa https://femdominismo.wordpress.com/…/ecco-il-perche-la-sin…/ insostanza il femminismo è un movimento “verticale” per questo movimento una signora di prima classe ,se la passa peggio di un uomo di terza classe , paura no ,ma che mi faccia veramente schifo , quello si

  (Quota)  (Replica)

Luigi Corvaglia 10:10 pm - 9th aprile:

Fortunatamente siamo una società maschilista.
Immaginatevi allora cosa succederebbe in una società femminista!!
Milano, spari in Tribunale: le donne evacuate per prime

  (Quota)  (Replica)

Rino DV 9:04 pm - 16th aprile:

Cicconate.
.
Nel giorno in cui Hamilton viene definito molestatore per aver sparato lo spumante (anche) verso una hostess, Veronica Ciccone si permette ben altro con ben altra valutazione.
http://www.corriere.it/spettacoli/15_aprile_16/i-baci-sgraditi-madonna-rapper-302efb48-e410-11e4-868a-ccb3b14253dc.shtml
Da notare il tono compiaciuto e adulatorio dello zerbo-giornalista e i commenti maschili tutti davvero pertinenti.
Tuttavia, direbbe Stefano Ciccone, gli strabici siamo noi.
Strabici perché misogini.

  (Quota)  (Replica)

Rino DV 9:08 pm - 16th aprile:

Luigi Corvaglia,
.
Magari qualcuna ha gridato: “Porci maschi sciovinisti, questa volta prima voi!” ma i giornalisti, agenti del patriarcato, intrisi di misoginia, non vogliono farcelo sapere.
.
Potrebbe essere.
E’ un’ipotesi.

  (Quota)  (Replica)

Daniele 8:59 am - 17th aprile:

Rino DV:
Cicconate.
.
Nel giorno in cui Hamilton viene definito molestatore per aver sparato lo spumante (anche) verso una hostess, Veronica Ciccone si permette ben altro con ben altra valutazione.
http://www.corriere.it/spettacoli/15_aprile_16/i-baci-sgraditi-madonna-rapper-302efb48-e410-11e4-868a-ccb3b14253dc.shtml
Da notare il tono compiaciuto e adulatorio dello zerbo-giornalista e i commenti maschili tutti davvero pertinenti.
Tuttavia, direbbe Stefano Ciccone, gli strabici siamo noi.
Strabici perché misogini.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>
Rino, il fatto è che gli uomini non conoscono la “solidarietà di genere”, per cui in certe situazioni – come questa – sono portati a sorridere, ridere, sghignazzare e magari a bollare come frocio un giovane uomo che fa (giustamente) la faccia schifata. L’espansione femminil/femminista non potrebbe esistere senza l’imperante idiozia maschile, in materia di rapporti e di c.d. guerra dei sessi.
>>>>>>>
PS: saltando di palo in frasca (ma mica tanto…), vorrei farti vedere questo video, risalente al 2007 in Iraq.
http://www.military.com/video/operations-and-strategy/iraqi-war/female-soldier-boxes-infantry-marine/2805127752001/
Trattasi di un marine maschio e di una marine femmina, che all’epoca era convinta di poter picchiare sul ring i suoi colleghi uomini. Beh, uno di questi accettò di salire con lei sul ring e la gonfiò di botte (giustamente), ma il suddetto fu fischiato alla grande dagli altri soldati di sesso maschile.
Al contrario, ovvero se avesse perso, sarebbe stato deriso dai medesimi. Ed infatti per un uomo non c’è alcun onore nel combattere contro una femmina, perché se vince è considerato “un vigliacco che ha menato una donna”; se perde “un mezzo uomo che si è fatto picchiare da una donna”. Viceversa, per le femmine il problema non si pone, perché comunque vada saranno osannate, o per aver sconfitto un uomo, o per “il coraggio mostrato”… Ma questi sono particolari che il 99,99% degli uomini odierni non “vede” neppure di striscio.

  (Quota)  (Replica)

Rino DV 5:38 pm - 17th aprile:

Daniele:
>>
Ma questi sono particolari che il 99,99% degli uomini odierni non “vede” neppure di striscio.
>>
Analisi ineccepibile.
E accasciante

  (Quota)  (Replica)

Fabrizio Marchi 6:13 pm - 17th aprile:

In tutta sincerità ho trovato ridicolo il tutto, lei che vuole cimentarsi con un uomo rendendosi ridicola e suscitando anche una certa pena, perché è ovvio che non è bello vedere una persona clamorosamente più debole che prende colpi su colpi in quella maniera… e naturalmente non è neanche un incontro di boxe che ovviamente è tutt’altra cosa rispetto a questo scempio…
E poi anche lui ha fatto una figuraccia, a mio parere, anche perché il divario fra i due era molto evidente. Avrebbe potuto e dovuto limitarsi a controllare la ragazza, schivare i colpi, girarle attorno e ogni tanto allungarle qualche jab per tenerla a distanza e farle capire che sarebbe stato meglio per lei non avvicinarsi. Invece gliele ha suonate di brutto (sia chiaro, avrebbe potuto anche farle ancora più male, se avesse voluto…) e non ci ha fatto una bella figura.
Chi ha praticato la boxe sa perfettamente che con un avversario nettamente più debole di te ci giochi, ti ci puoi divertire e allenare senza farti alcun male e senza farne a lui, e ci si può divertire entrambi…lo so bene perché la maggior parte delle volte (ma non proprio sempre, non ci buttiamo giù…http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wink.gif) ero io quello più debole…http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif
Ma la cosa più ridicola è appunto il retroterra ideologico e culturale che genera simili grottesche e patetiche pantomime … Nell’insieme uno spettacolo penoso, anch’esso figlio di questo sistema degenerato.

  (Quota)  (Replica)

Marco Pensante 7:03 pm - 17th aprile:

Tutto vero, ma forse è proprio questo il motivo per cui bisogna stare moooooolto attenti quando si fa, come si dice qui al nord, gli sboroni, cioè quelli che si vantano. Perché magari un giorno incontri uno che non gioca leale, se ne frega che sei più piccolo o che hai gli occhiali o che sei una marine femmina, e di conseguenza ti massacra e stop, senza fastidiosi scrupoli morali.

  (Quota)  (Replica)

Daniele 7:37 pm - 17th aprile:

Fabrizio
>>>>>>>>>>>>>
Ma la cosa più ridicola è appunto il retroterra ideologico e culturale che genera simili grottesche e patetiche pantomime …
>>>>>>>>>>>>>>
Esatto, è il retroterra culturale che genera simili bestialità il problema di fondo.
In tal senso gli USA sono “avanti” rispetto al resto del mondo…
>>>
Fabrizio
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>
Chi ha praticato la boxe sa perfettamente che con un avversario nettamente più debole di te ci giochi, ti ci puoi divertire e allenare senza farti alcun male e senza farne a lui, e ci si può divertire entrambi…lo so bene perché la maggior parte delle volte (ma non proprio sempre, non ci buttiamo
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>
Sì, di norma è così e dovrebbe essere così, ma nello specifico il marine maschio ha fatto benissimo a suonarle alla marine femmina…
Certe tipe hanno un assoluto bisogno di essere riportate sul pianeta Terra.

  (Quota)  (Replica)

mauro recher 4:51 pm - 23rd aprile:

A me fá paura questa immigrazione maschile…..barconi e barconi stracolmi di uomini (donne e bambini pochissimi) ….saranno i futuri (molto prossimi) combattenti o esercito che si sta costituendo in italia per occuparla? Dategli il tempo di procurarsi armi ….di farne arrivare altri poi inizierà l occupazione…Mi sá che Oriana Fallaci aveva visto bene. Questo commento viene dalla pagina della Meloni ,e poi il femminismo è solo di sinistra , ma anche alle simpatizzanti di destra non mi sembra che gli uomini li vadano a genio

  (Quota)  (Replica)

romano 9:21 pm - 10th maggio:

Elsa Fornero: «In Italia fascismo contro le donne»

“…E spiega anche che nei suoi confronti è scattata una discriminazione che è il riflesso di un più generale atteggiamento misogino. “Assolutamente sì – risponde l’ex ministro del lavoro del governo Monti- io sono convinta che in Italia ci sia ancora un substrato di maschilismo diffuso, di un atteggiamento misogino di non risconoscimento della parità dei diritti delle donne e di discriminazione. Qualche volta questo sconfina in atteggiamenti che sono squisitamente fascisti», dice Fornero. …”
http://www.nextquotidiano.it/elsa-fornero-in-italia-fascismo-contro-le-donne/

  (Quota)  (Replica)

Luigi Corvaglia 11:24 pm - 11th maggio:

romano,
.
Il maschilismo non si capisce cosa sia se non attraverso la definizione che di esso ne dà il femminismo. All’uopo basta citare wikipedia italia, su queste tematiche ampiamente monopolizzata dalle stesse femmniste: “l maschilismo è una forma di sessismo, basata sulla presunta superiorità dell’uomo nei confronti della donna. Tale termine divenne di uso comune negli anni 1960 per indicare un atteggiamento socio-culturale basato sull’idea di una supremazia maschile e sulla continuità del sistema patriarcale: ciò in contrapposizione al femminismo, che proclama invece la parità e l’uguaglianza tra i due sessi.“.
Che è un pò come se io fossi un acerrimo nemico di Romano, ne parlassi malissimo dipingendolo come il ricettacolo di tutti i mali. E contemporaneamente descrivessi me stesso come una persona a modo ed esente da tutte le nefandezze di questo mondo: un angelo.
Dovete ammettere che non sarei il massimo dell’obiettività.
Il male tutto da una parte, il bene tutto dall’altra. Questo è il quadro che suggerisce, ancorchè implicitamente, la definizione incorsivo di cui sopra. Ampiamente di parte e quindi per niente oggettiva.
In realtà i due termini, sono equivalenti. nel bene e nel male.
Però il messaggio mainstream, il pensiero ampiamente dominante oggi è quello citato da wikipedia.
Oggi però si assiste ad un passaggio ulteriore, come ben dimostrano le parole della Fornero (e non è l’unica).
L’assimilazione del concetto maschilismo=fascismo. Dove il primo termine si è dilatato a descrivere qualsiasi persona (anche altre donne volendo) che si contrapponga ad una femminista. Che osi replicare o controbattere.
Ovviamente se quelli sono brutti maschilisti fascisti, noi, anche senza dirlo, di riflesso, siamo i femmnisti, belli, buoni e democratici. E da bravi democratici i brutti maschilisti, e quindi fascisti, li mettiamo a tacere:
(e) Take concrete action to combat intolerance, in particular with aview to eliminating racism, colour bias, ethnic discrimination,religious intolerance, totalitarian ideologies, xenophobia, antiSemitism, anti-feminism and homophobia.”

  (Quota)  (Replica)

Armando 9:52 pm - 12th maggio:

Se vuoi mettere qualcuno all’indice, basta ormai accusarlo di maschilismo e fascismo. I due termini basta pronunciarli, anche a vanvera, per far scattare l’interdetto.

  (Quota)  (Replica)

Fabrizio Marchi 6:51 pm - 13th maggio:

Armando,

Verssimo. Però anche definire uno come comunista non suona ormai più bene: è l’equivalente di vecchio rudere stalinista incartapecorito sconfitto dalla storia che ancora si ostina a non arrendersi all’evidenza (cioè all’evidenza dell’inevitabilità del capitalismo come unico orizzonte per l’umanità da qui all’eternità); un vecchio arnese arruginito che non si può neanche tenere più in soffitta tanto è inutile e ingombrante.
Diciamo che i primi due simboleggiano il male; il comunismo lo ha rappresentato (il male) per tanto tempo, e ora serve a descrivere una sorta di poveraccio nostalgico e dogmatico, alla meglio (ma proprio alla meglio) un illuso che ancora crede alle favole.

  (Quota)  (Replica)

Armando:-) 9:08 pm - 13th maggio:

Vero anche quello che dici tu. Aggiungo che spesso i due epiteti fascista e comunista sono usati strumentalmente insieme. Come accadde con Milosevic. Invece maschilista non c’è bisogno. È Sottinteso.

  (Quota)  (Replica)

Aliquis 2:54 pm - 15th maggio:

Intervengo di nuovo qui per dire che ancora una volta, nella mia attività pubblica che porto avanti da tanto con molte difficoltà, ho subito di nuovo un’ ingiustizia da parte di una donna. E noto che le clienti più prepotenti sono soltanto loro, le donne. Mai successa la stessa cosa con un uomo.

  (Quota)  (Replica)

romano 12:21 pm - 6th giugno:
Luigi Corvaglia 9:20 pm - 7th giugno:

Succede che il Partito Donnista non porti neppure una donna in Consiglio.
E succede invece che un altro partito/movimento senza leggi (elettorali) coercitive e incostituzionali ne porti 4 su 7.
Succede, è successo in Puglia: Parità di genere, lezione grillina.
ps. da notare il solito pippotto sul potere maschile (mentre è solo e semplicemente il potere) della femminista invidiosa dei 5 stelle.
ps. Peraltro avrà letto gli eletti sul giornale di Paperopoli: i 5 stelle portano in consiglio regionale 7 persone: quattro donne e tre uomini.
Ovviamente il sindacato della vagina, GiULiA, procede invece imperterrito nel suo intento liberticida e di casta: Elezioni, parità di genere e l’emblematico caso Puglia. In attesa della svolta .

  (Quota)  (Replica)

Rino DV 8:49 pm - 9th giugno:

Pesco da forum Questionemaschile: trovati in metro a gambe larghe: arrestati.
.

.
Quand’ero piccolo la tv trasmetteva una serie (ovviamente USA) dal titolo “Ai confini della realtà” (piuttosto interessante devo dire).
.
Adesso dagli USA arrivano, ciclicamente, le puntate della nuova serie: “Al di là dei confini dell’immaginabile”.
.
A proposito: quello che oggi è l’impossibile, inconcepibile femalspreading in cosa potrebbe consistere? Come lo potremo immaginare?
.
Anche solo nel semplice mostrare le cosce?
.
Sì, se fossimo capaci di pensarlo possibile.

  (Quota)  (Replica)

Luigi Corvaglia 10:40 pm - 12th giugno:

mauro recher,
.
Danilo Lupo è un buon giornalista e non è nuovo a inchieste scottanti.
Ma il caporalato in Puglia non è mai scomparso e non è una questione di sesso. Se per le ciliege vanno bene le donne per altri tipi di lavoro trovi anche gli uomini.
Diciamo che per un certo periodo di tempo il fenomeno ha subito una contrazione, ma da quando la crisi ha colpito duro son tornati i “tempi d’oro”.
Quaggiù si è fermato un pò tutto, parziale eccezione le attività legate al turismo (ma anche lì se vuoi lavorare e non puoi vantare posizioni eccelse di professionalità, zitto e mosca), e le persone in questo stato sono estremamente “ricattabili”.
Molti hanno ripreso ad andare via (anche se per la verità il flusso in uscita non si era mai interrotto) e chi rimane si adegua.
Comunque il Salento comprende le provincie di Lecce, Brindisi e Taranto ed il fenomeno è sempre stato più evidente a partire dalla zona nord della provincia di Lecce. Non che altrove, cioè nel resto della provincia leccese siano rose e fiori. Nella mia zona so si braccianti (donne o uomini) pagati pochissimo, in alcuni casi non sono nemmeno pagati ma vanno a lavorare solo per i contributi.
ps. Comunque, tolto qualche sporadico caso che forse ci sarà (con la stessa probabilità che una pianta di loto cresca nel deserto sad ), tutti e dico tutti e in tutti i campi d’attività che non sia il pubblico impiego ricevono un salario che non è quello dei contratti collettivi di lavoro (quello contrassegnato sulle buste paga per intenderci). Quando va bene il salario reale arriva a 2/3 di quello legale.

  (Quota)  (Replica)

romano 5:50 pm - 23rd giugno:

Lo scrittore e poeta Erri De Luca ha dedicato alle donne in carcere questa poesia:

Per ogni donna in prigione.

Una donna in prigione è spreco maggiore di un uomo in prigione.

Per ogni donna in prigione c’è più mancanza e povertà di fuori.

C’è una madre di meno e figli sparsi tra parenti, affidi.

C’è una cucina spenta, una finestra chiusa, un filo steso, vuoto.

Al banco della frutta, del pane, del sapone,

del caffè, del pesce, dei fiori c’è un’ esperta di meno.

Una donna in prigione è una mutilazione di energia.

L’uomo si stanca prima della donna,

l’ uomo si stanca prima senza una donna.

La città è spenta senza il ritorno a casa di una donna.

La città è infelice senza l’ amore in casa di una donna.

Solo il carcere è in festa: che lusso il doppio concentrato rosso

di donne che buttano via il mestruo e l’ esistenza

nell’ alveare che non porta miele.

Io sto dalla parte del torto pagato dalla specie umana

per ogni donna in prigione.

Erri De Luca

http://www.mi-lorenteggio.com/news/29716

  (Quota)  (Replica)

armando 12:57 pm - 24th giugno:

Sarà un caso che Erri De Luca è un sinistro ex sessantottino (mi sembra, ma potrei sbagliarmi, lottacontinuista) ed ex rivoluzionario? Che tristezza per la fine fatta da molti, per fortuna non tutti, costoro.
Dall’egualitarismo senz se e senza ma sono approdati al differenzialismo x sesso, ma non per riconoscere le differenze naturali, bensì per teorizzare la superiorità di un sesso, ovviamente quello femminile, sull’altro.
Aboliamo il carcere per le donne, dunque.

  (Quota)  (Replica)

Animus 2:56 pm - 24th giugno:

armando: Sarà un caso che Erri De Luca è un sinistro ex sessantottino

________________________________________________
Armando … è molto più semplice….è napoletano.

“Ogni scarrafone è bello a mamma soia.”

Prova a dire ad uno di quelle parti, che allora deve valere anche che “ogni scarrafonA e bella o figl’suoj”, e vedi se afferra il concetto…

Te lo dico io, no, generalmente, non lo afferra affatto.
Un tabù, impedisce di vedere la mamma , che genera “scarrafoni”, come una “scarrafona”!

Una cosa giusta che i MS hanno detto, è che da “certi parti”, terre di “padrini” e di paredri, la Grande Madre, non ha mai perduto il suo potere.

  (Quota)  (Replica)

Rino DV 1:12 pm - 29th giugno:

Dare prestigio alla maternità.
.
http://www.repubblica.it/cronaca/2015/06/29/news/quanto_vale-117902951/?ref=HREC1-19
.
Come ben sappiamo la manipolazione femm.sta, la GNF, si avvale di ogni possibile metodo, tra i quali primeggia la negazione/contraddizione sistematica dei propri giuramenti, ossia delle verità cui tutti devono credere (se non sono misogini).
.
Ora si scopre che la maternità non ha il prestigio che dovrebbe avere. E’ il maschilismo patriarcal misogino che ne ha distrutto il valore.
.
Poi ci si ricorda improvvisamente dell’altro dogma: la maternità “rende la femmina schiava del maschio e della specie” e infatti i maschi (anche se non lo confessano) non vorrebbero altro se non che le FF fossero sempre incinte. Questo è il sogno inconfessabile del maschio italiano: il maschilista patriarcal misogino.

  (Quota)  (Replica)

mauro recher 5:36 pm - 29th giugno:

Rino DV,

Infatti Rino è il sogno infranto al quale mi sveglio ogni mattina

Senza fare un secondo post vi invito a leggere questo mio post https://femdominismo.wordpress.com/2015/06/29/il-virus/

  (Quota)  (Replica)

Daniele 6:48 pm - 29th giugno:

Rino DV:
Dare prestigio alla maternità.
.
http://www.repubblica.it/cronaca/2015/06/29/news/quanto_vale-117902951/?ref=HREC1-19
.
Come ben sappiamo la manipolazione femm.sta, la GNF, si avvale di ogni possibile metodo, tra i quali primeggia la negazione/contraddizione sistematica dei propri giuramenti, ossia delle verità cui tutti devono credere (se non sono misogini).
.
Ora si scopre che la maternità non ha il prestigio che dovrebbe avere. E’ il maschilismo patriarcal misogino che ne ha distrutto il valore.
.

>>>>>>>>>>>>
Considerando che l’Italia è uno dei Paesi più mammisti del mondo, si fa veramente fatica a decidere se ridere o piangere…
Un mio amico, che conosci pure tu, direbbe che questa “è una puttanata che fa ridere pure i sassi, che notoriamente non ridono mai”…

  (Quota)  (Replica)

Rino DV 7:43 pm - 6th luglio:

Instabilità finanziaria causata dagli ormoni maschili.
http://elpais.com/elpais/2015/07/03/ciencia/1435944232_074611.html

  (Quota)  (Replica)

armando 8:39 pm - 6th luglio:

gli ormoni maschili, il famigerato testosterone, sono responsabili di tutto, compresa la vita, egregie signore. Eliminateli e sarete eliminate anche voi, ridotte ad amebe sempre ugualia se stesse. Non vi piace ma è così. fatevene una ragione, se ce l’avete.

  (Quota)  (Replica)

mauro recher 5:12 pm - 7th luglio:

Ho appena letto questo post della Zanardo ,
ITALIA 73 POSTO LIBERTA’ di INFORMAZIONE: ricordate di proporre Educazione ai Media nelle scuole e ai vs figli/e. Ecco come è stata raccontata la questione greca dai “più autorevoli quotidiani”
CORRIERE della SERA
“Gli ultimi sondaggi danno il Sì in recupero”
“il Sì è davanti al No”,
“un Sì può forse evitare il peggio, ma probabilmente non sarà schiacciante”
“più folla alla manifestazione del Sì che a quella del No”
“se vincesse il Sì, come sembra possibile visto il panico nel Paese, Tsipras lascerebbe a un nuovo governo”
In caso di vittoria del No,
“Crollo del turismo”
“il Paese sprofonda nel caos”
“il fallimento del sistema bancario”
“presto scontri a tutti i livelli, dai tribunali alla piazza”
“nessuno sale più all’Acropoli”
“i torpedoni dei turisti sono spariti”
(Federico Fubini)
LA REPUBBLICA
“Io non capisco affatto perché siano ad Atene anche Fassina e i suoi compagni della sinistra. Vogliono che l’Europa si arrenda al ricatto greco o che vada per aria?”
(Eugenio Scalfari)
“il governo Tsipras è sostenuto dai nazisti di Alba Dorata”
(Stefano Folli)
LA STAMPA
“Grecia, la mafia russa allarga il suo potere grazie alla crisi”.
(Federico Varese)
“Gli stalinisti che militano in Syrizaeinazisti di Alba Dorata alleati nel No”
“la vittoria del Sì va sostenuta e auspicata” contro la “follia” di Tsipras”
“Martin Wolf del «Financial Times» critica il «sinistrismo idiota» di Tsipras come l’«ipocrisia dell’eurozona”.
“La vittoria del Sì aprirebbe la strada a una meno irrazionale politica greca e va sostenuta ed auspicata”
(Gianni Riotta)
IL MESSAGGERO
“Il Sì un argine alla demagogia”
(Pierferdinando Casini)
IL FOGLIO
la Troika vuole soltanto “mettere la Grecia con la testa a posto o sulla buona strada in cambio di altri miliardoni”
(Claudio Cerasa)
LIBERO
“Uno di quei matti (Tsipras) che minacciano di farsi esplodere con l’appartamento che occupano pur di impedire lo sfratto”
(Maurizio Belpietro)
(tratto da Il Fatto quotidiano)
Tutto condivisibile , però poi ho letto i suoi commenti
Solo un pochino di terrorismo psicologico. O no?
lei risponde

Il corpo delle donne direi di sì
Strano però che ,quando lei parla di femminicidio non si preoccupa poi molto del terrorismo psicologico

  (Quota)  (Replica)

Lascia un commento

* Richiesto
** Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico
Markup Controls

http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_bye.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_good.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_negative.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wacko.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cool.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_smile.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_whistle3.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yes.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cry.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_mail.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_sad.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_unsure.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wink.gif 
 

Aggiungi un'immagine