preload
02 dic 2013  |  1 Commento

La “coscienza infelice” di alcune donne

Il “povero” conduttore televisivo (del video pubblicato qui sotto), preoccupatissimo per le possibili conseguenze di questa intervista (della serie:”Qui se non sto bene attento a quello che dico, mi cacciano…”) e soprattutto di mantenere il posto di lavoro probabilmente “guadagnato” dopo anni e anni di estenuanti pubbliche relazioni e frequentazioni “giuste” (chi scrive conosce l’ambiente, anzi, l’”ambient”…), dopo ogni risposta dell’autrice del libro (praticamente degli squarci di luce nelle tenebre della disinformazione e dell’occultamento mediatico relativamente al fenomeno della violenza subita dagli uomini…), si sforza (poveretto…) di ribadire che “Per carità, sia chiaro, il fenomeno della violenza sulle donne è drammatico, nessuno vuole metterlo minimamente in dubbio, anzi, la violenza subita dalle donne è comunque stratosfericamente superiore a quella subita dagli uomini , e che parlare per una volta della violenza subita dagli uomini non significa minimamente sminuire la tragedia, ben più grave, di quella subita dalle donne ecc… “. Lo avrà ribadito almeno tre o quattro volte nel corso dell’intervista.

E va bè, bisogna capire, anche lui “tiene famiglia” e la vita del giornalista free lance senza un contratto a tempo indeterminato è quella che è (non parlo per sentito dire…). Del resto come non tutti nascono con la camicia, neanche tutti nascono con le “palle”.

Non è la prima donna che comincia a dire certe cose, e soprattutto che sceglie di dirle pubblicamente. Cominciano a essere non dico tantissime ma diverse. In proporzione (ho scritto, in proporzione…) forse più degli uomini che sono completamente paralizzati da questo punto di vista dopo quarant’anni e più di sistematico pestaggio psicologico, morale, culturale e politico.

In fondo, da un certo punto di vista, l’atteggiamento assunto da parte di queste donne deriva da una sorta di “coscienza infelice”, se mi consentite, sia pur indebitamente e anche  presuntuosamente, di prendere in prestito un celebre concetto di un altrettanto celebre filosofo.

La consapevolezza cioè che quanto sta accadendo (la criminalizzazione sistematica del genere maschile, ritenuto responsabile di ogni bruttura esistente al mondo e ridotto ad una macchina di violenza, brutalità e ogni genere di sopraffazione) prima o poi, con il tempo, indirettamente, potrebbe avere effetti nocivi anche per le donne. Se non altro perché relazionarsi con un genere maschile completamente spappolato, non è proprio il massimo della vita.

Che dire,  butto lì una provocazione (diretta soprattutto agli uomini dormienti e pavidi…).

Tutte le rivoluzioni sono sempre state guidate da soggetti che, volendo, avrebbero potuto tranquillamente starsene in poltrona, godere dei privilegi della loro condizione, conservare o accrescere la loro posizione sociale e invece, forse proprio a causa o in virtù di quella “coscienza infelice” di cui sopra, hanno scelto di mettersi in gioco, di andare in un’altra direzione, addirittura contro i loro stessi interessi sociali e materiali. Se ci pensiamo bene, tutto ciò non è affatto casuale. Le condizioni materiali (e oggi anche immateriali) oggettive impediscono infatti alle classi e ai soggetti subordinati, di assumere in prima persona l’iniziativa. Ecco quindi che l’iniziativa viene assunta da altri, cioè da alcune “elite” che riescono poi a fare da traino e a coinvolgere tutti gli altri.

Che stia accadendo qualcosa di simile, mutatis mutandis, anche per quanto riguarda la relazione fra i sessi? Dobbiamo anche considerare che per una donna è infinitamente più facile che per un uomo pronunciare quelle parole. Ma questo non toglie valore e merito al loro impegno.

Una giovane donna sta dicendo, anche se forse con un pizzico di imbarazzo del tutto comprensibile, ciò che alcune associazioni e movimenti maschili sostengono da anni:

http://www.youtube.com/watch?v=ajdWm1mwZNI&feature=c4-overview&list=UUnDqy4eA9Vr5g6Vy30d3N8w


1 Commento

armando 10:05 pm - 30th dicembre:

Caro Fabrizio, condivido interamente le tue parole sul merito indubbio di quelle donne che dicono cose che la stragrande maggioranza degli uomini non osa dire per quella paralisi di cui parli. Ben vengano e “Onore a loro”!
E’ vero, in effetti, che date le circostanze oggettive in cui siamo e quelle soggettive del genere maschile (le due cose si intrecciano), le donne, o meglio quelle a cui la ragione e l’intuizione non fanno difetto, sono in posizione migliore per dire alcune verità precluse agli uomini. Se, ad esempio, un libro come quello di Alessandra Nucci “La donna a una dimensione”, fosse stato scritto da un maschio, non sarebbe stato pubblicato se non a proprie spese o avrebbe comunque subito un totale ostracismo. Detto questo, e accolto con grande piacere e riconoscenza quelle parole, nondimeno occorre dire anche che la salvezza degli uomini, e con essi anche delle donne che sentono tutto il disagio di rapportarsi con un maschile “spappolato”, dipenderanno interamente dalla capacità maschile di “risollevarsi”, di trovare cioè in se stessi tutte le ragioni razionali ed emotive, tutte le spinte per, finalmente, dire NO alla fucilazione mediatica, giudiziaria, legislativa,politica, del proprio genere.
In questo difficile ma non impossibile processo, alcune donne saranno alleate preziose, suscitatrici di consapevolezza e trepidamente “tifose” in una battaglia che, per forza di cose, dovrà essere combattuta in prima linea dai maschi e la cui posta in gioco è enorme. Riguarda tutti, anche le donne, e paradossalmente la loro “sconfitta” sarà anche la loro “vittoria”-
armando

  (Quota)  (Replica)

Lascia un commento

* Richiesto
** Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico
Markup Controls

http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_bye.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_good.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_negative.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wacko.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cool.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_smile.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_whistle3.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yes.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cry.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_mail.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_sad.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_unsure.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wink.gif 
 

Aggiungi un'immagine