preload
28 set 2013  |  6 Commenti

Con Adriana Tisselli

Ieri a Milano la nostra amica Adriana Tisselli, dirigente del MFPG (Movimento Femminile per la Parità Genitoriale), impegnata da anni sui temi della bigenitorialità e dell’affido condiviso, è stata aggredita fisicamente da un giovane uomo. Solo la pronta e immediata reazione di alcuni uomini presenti – come la stessa Adriana ha tenuto a sottolineare – ha potuto evitare il peggio.

E’ del tutto evidente che l’aggressione non è casuale bensì è il risultato di una violenta e sistematica campagna di odio e di diffamazione che è stata portata avanti nei suoi confronti nel corso degli ultimi anni. L’aggressione subita ieri è solo l’ultimo atto di una serie di gravissime intimidazioni a cui è stata sottoposta per lungo tempo.

L’aggressore , un giovanissimo uomo, è soltanto l’esecutore materiale, una pedina inconsapevole (che comunque, sia chiaro, dovrà rispondere alla giustizia del suo comportamento), manovrata da altre persone e da altri “ambienti”. Quegli stessi che stanno portando avanti quel gigantesco processo di criminalizzazione a cui sono stati sottoposti tutti quegli uomini e tutte quelle donne che oggi si battono per una nuova relazione fra i sessi, fuori e oltre le logiche sessiste, razziste e discriminatorie alimentate dal neofemminismo politico mediatico attualmente dominante.

La “colpa” di Adriana Tisselli è quella di essere una donna non allineata al “mainstream” dominante, di lottare per una reale parità ed eguaglianza nella relazione fra uomini e donne, al di fuori dei binari ideologici preconfezionati della cultura neofemminista attualmente egemone.

 Adriana Tisselli viene aggredita, diffamata, minacciata e criminalizzata perché è una donna che ha il coraggio di mettere in discussione il dogma femminista e perché accusata del crimine più infamante: quello di fare lega con i “maschilisti”.

Per questa ragione non so se le facciamo del bene, da un certo punto di vista,  dichiarandole la nostra piena e incondizionata solidarietà. Ma non possiamo fare a meno di farlo perché la sua battaglia è la nostra battaglia.

10, 100, 1000, 100.000 donne, come Adriana Tisselli.         

 Movimento degli Uomini Beta


6 Commenti

Luigi Corvaglia 11:00 pm - 28th settembre:

Solidarietà e vicinanza ad Adriana Tisselli.

  (Quota)  (Replica)

Alice 10:36 pm - 30th settembre:

Brutta storia. Ma quello che è scritto nell’articolo c’entra ben poco essendo la diatriba legata ad un minore conteso. Il resto son mistificazioni che non servono.

  (Quota)  (Replica)

nando sandovalli 9:51 am - 1st ottobre:

LO STATO ITALIANO PAGA STIPENDI A CERTI MAGISTRATI CHE DOVREBBERO ESSERE BUTTATI FUORI DALLA MAGISTRATURA PER GLI ERRORI CON I QUALI ROVINANO ECONOMICAMENTE SIA CITTADINI ITALIANI CHE LE CASSE DELLO STATO. NON SONO MATTO, PRIMA ASCOLTATE L’AUDIO, GUARDATE LA DOCUMENTAZIONE PUBBLICATA E POI GIUDICATE…. ASSOCIAZIONE PER DELINQUERE FINALIZZATA ALLA PROTEZIONE DELLA MIA EX CON CONSEGUENTE TRUFFA NEI MIEI CONFRONTI, CONCORSO IN MALTRATTAMENTI SU MIO FIGLIO, OMISSIONI D’ATTI D’UFFICIO, ABUSO DI POTERE E CONDANNA PER MINACCE DI MORTE MAI PROFERITE NEI CONFRONTI DELLA MIA EX. ECCO DI COSA SONO CAPACI CERTI GIUDICI CHE VORREI VEDERE IN GALERA PER CIO’ CHE HANNO FATTO. SU YOU TUBE: “LA STORIA DI GABRIEL CRONOLOGIA AUDIO” E ALTRI FILMATI FRA CUI L’AUDIO REGISTRATO DURANTE IL PROCESSO DEL 6 MARZO IN APPELLO

  (Quota)  (Replica)

Roberto Micarelli 2:09 pm - 1st ottobre:

Rispetto all’oggetto di questo articolo, essendo questa una storia delicata, soggetta a indagini e con rilevanze penali, chiedo cortesemente di aspettare che le cose siano chiare prima di parlarne. Si potrebbero infatti commettere grossolani errori di giudizio.

  (Quota)  (Replica)

Alessandro Coraiola 6:54 pm - 4th ottobre:

La mia solidarietà alla Signora Tisselli. I giudizi dei Tribunali sono per lo più sbilanciati in favore delle donne. Succede anche se sono loro che tradiscono e poi si scrollano di dosso il marito prima con l’indifferenza poi con le offese, l’odio, e infine con gli avvocati e il ricorso in tribunale. Nel mio caso mi hanno tolto i figli e ogni dignità di padre. Inoltre ritengo di essere stato offeso e diffamato anche dalla giudice di Milano (presenti testimoni).
Ritengo anche che la legge sul divorzio è diventata una truffa.

  (Quota)  (Replica)

Lascia un commento

* Richiesto
** Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico
Markup Controls

http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_bye.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_good.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_negative.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wacko.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cool.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_smile.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_whistle3.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yes.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cry.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_mail.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_sad.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_unsure.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wink.gif 
 

Aggiungi un'immagine