preload
30 ott 2013  |  9 Commenti

Come il femminismo divenne ancella del capitalismo

Sono anni che ripetiamo la stessa cosa (con le dovute e necessarie differenze…) e ci bollano come fascisti, reazionari, maschilisti, negazionisti, sciovinisti, misogini, repressi, sfigati, potenziali stupratori e trafficati di bambini.

Lo dice una donna, femminista (o ex, non ho ancora ben capito), “intellettuale” riconosciuta come tale dai salotti che contano, e lo pubblicano pure sul quotidiano “The Guardian” e in Italia su Repubblica il cui comitato di redazione non è proprio un collettivo di maschilisti.

E va bè…la storia va così…

Come il femminismo divenne ancella del capitalismo


9 Commenti

Roman Csendes 1:03 pm - 31st ottobre:

Grazie Fabrizio del Linik. Ci fa pensare, ci fa ragionare sullo pseudo-femminismo di oggi. Ne abbiamo bisogno. Le totalitarie sono loro, non noi.

  (Quota)  (Replica)

Pappagallus sibiricus 7:12 pm - 11th novembre:

“Io penso che l’odio verso gli uomini sia un atto politico onorevole e viabile, che gli oppressi abbiano un diritto all’odio di classe verso chi li opprime.” (Robin Morgan – donna – Ms. Magazine Editor).

La classica arma a doppio taglio…hai visto mai che siamo noi uomini a scoprire di essere oppressi da Lorsignore. Chttp://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gifhttp://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gifhttp://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gifome la mettiamo?

  (Quota)  (Replica)

cesare 10:37 am - 12th novembre:

Quante scuse si inventano e quante giravolte fanno per negare l’evidenza ovvero ciò che è sotto gli occhi di tutti: l’invidia penis! ci sono dati istintuali ed antropologici che, se negati, si manifestano in modo ancora più violento.Il cervello dei maschi, quelli che si negano a questa consapevolezza circa la struttura istintuale del femminile, vengono dalle donne portati a spasso nelle nuove “nuvole” aristofanesche, questa volta elaborate dal femminismo. Una di queste “nuvole” è la teoria dell’oppressione maschile verso le donne, una teoria che dà una descrizione del rapporto tra maschi e femmine nella Storia che è esattamente il contrario di quello realmente accaduto. Questo rovesciamento della realtà nel suo opposto, cioè nel cielo delle “nuvole”, nel racconto femminista, è ormai sistematico ed è diventato “sapienza” comune tra le donne. E a vederlo tutto insieme, questo rovesciamento, appare davvero una commedia del genere comico e delinea un femminile odierno propenso in massa a straordinarie farse e straordinarie pagliacciate. Ma da dove nasce questa potentissima pulsione comica? mamma e babbo non c’erano quando le loro bimbe venivano travolte dal furore del furore guardando fra le proprie gambe a confronto dei maschi. Il rovesciamento di cui sopra è la protesta per una diversità sessuale vissuta come “mancanza”, mancanza, ahimè, non elaborata.

  (Quota)  (Replica)

Alessandro 9:38 am - 19th dicembre:

Ottimo articolo.

nel secondo paragrafo c’è un errore di traduzione. “lean in” dovrebbe essere tradotto come “farsi avanti” e non come “affidarsi”. Ho provato a lasciare un messaggio sul sito di micromega ma non avendo facebook non posso scrivere.

Saluti
Alessandro

  (Quota)  (Replica)

Luigi Corvaglia 11:11 pm - 25th marzo:

Riporto l’immagine seguente (rubata su FB) perchè rende in maniera plastica l’ipotesi del post. Che è poi come giustamente annota Fabrizio, con le dovute differenze, la nostra.
….

  (Quota)  (Replica)

Luigi Corvaglia 6:58 pm - 24th settembre:

  (Quota)  (Replica)

Luigi Corvaglia 4:36 pm - 27th settembre:

Ed ecco come il femminismo sconfisse il capitalismo!!!
O forse no!? http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gif
The Global Gender Gap Report 2013

  (Quota)  (Replica)

cesare 10:13 am - 29th settembre:

Le multinazionali al seguito delle armate imperiali dopo le campagne a difesa della donna dalla violenza “che è solo maschile”, si compiacciono di mettere loro in mano un fucile perchè ammazzino i maschi del loro paese e si facciano ammazzare:è la via delle liberazione della donna che l’Occidente propone. Poi a dar loro man forte arrivano i bombardamenti.
Via della liberazione femminile in nulla diversa dalla donna in lotta contro i maschi italiani, dicesi in realtà “lavoratori italiani” e i loro “privilegi”. Poi a dar loro man forte arrivano le leggi speciali e i privilegi speciali, le contrapposizioni calcolate.

http://www.ilgiornale.it/news/mondo/quelle-donne-soldato-afgane-non-imprigionate-burqa-1055492.html

  (Quota)  (Replica)

Luigi Corvaglia 5:03 pm - 26th agosto:

Il femminismo (ed annessa “sinistra di regime”) non è organico al capitalismo. No … no ….
Fedeli nel CDA della Fondazione Agnelli al posto di Marchionne

  (Quota)  (Replica)

Lascia un commento

* Richiesto
** Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico
Markup Controls

http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_bye.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_good.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_negative.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wacko.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cool.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_smile.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_whistle3.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yes.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cry.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_mail.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_sad.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_unsure.gif 
http://www.uominibeta.org/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wink.gif 
 

Aggiungi un'immagine